Orazio Rotunno

Euro 2012, Girone A: spareggio Grecia-Repubblica Ceca, chi perde torna a casa

Euro 2012, Girone A: spareggio Grecia-Repubblica Ceca, chi perde torna a casa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

WROCLAW, 12 GIUGNO – Niente calcoli da fare, serve vincere ad entrambe le squadre, soprattutto ai cechi dopo la batosta contro la Russia. Ma anche la Grecia in caso di nuovo pari se la vedrebbe con Arshavin e compagni nell’ultima e decisiva giornata, ed essere costretti a vincere contro una delle nazionali più in forma del momento non sarebbe l’ideale, ecco quindi che la sfida di questo pomeriggio alle 18.00, seconda giornata del Grupppo A, assume un significato quasi decisivo.

SEROCK, GRECIA – Per gli ellenici è l’occasione di confermare il buon secondo tempo contro la Polonia, e portare a casa una vittoria che sarebbe quasi decisiva ai fini della qualificazione, contro una Repubblica Ceca parsa tutt’altro che irresistibile. Duro e deciso il ct Santos,”eravamo preparati a tutto contro la Polonia. Parlerò con i giocatori e cercherò di vedere se loro capiscono quello che abbiamo sbagliato, ed il motivo per cui non sono riusciti a giocare come avevamo programmato. Ho scritto tutti i loro errori su una lavagna, sotto la scritta ‘Le cose che dobbiamo evitare’“. La situazione in difesa per la Grecia è difficile: espulso e squalificato Papastathopoulos, mentre Papadopoulos ha addirittura fatto già rientro ad Atene per infortunio. ” Lavoreremo su alcuni dettagli e guarderemo filmati dei cechi, dobbiamo essere più freschi mentalmente e fisicamente “, conclude il ct portoghese. L’approccio alla partita sarà fondamentale, per il talento ellenico Ninis,Non possiamo più perdere così tanto tempo prima di entrare in partita. Non abbiamo fatto quello che avevamo programmato. Ma le nostre prestazioni nel secondo tempo dimostrano che meritiamo di giocare in questo torneo “. La Grecia si affiderà all’uomo decisivo in occasione del pareggio, Salpingidis e al suo capitano Karagounis, che nonostante il rigore sbagliato, sarà fondamentale per i suoi nel trovare la via del gol, sempre strada difficile per gli uomini di Santos.

WROCLAW, REP.CECA – Dentro o fuori, oggi si decide. Per i cechi un pareggio non serve a nulla e potrebbe sancirne già l’eliminazione. I big hanno tradito, Cech ha preso 4 gol, di cui almeno un paio evitabili nonostante una collaborazione scarsa della difesa, e Rosicky è delibitato da un infortunio che ne aveva messo a rischio la aprtecipazione ad Euro 2012. ” Dobbiamo assolutamente evitare gli errori commessi nella prima partita, altrimenti impossibile vincere, afferma il ct Bilek, non ho ancora deciso se fare dei cambi. Siamo già sotto pressione, ma è successo anche nelle qualificazioni. Siamo riusciti a migliorare allora, ci riusciremo anche adesso, facendo bene nelle due prossime partite e centrando la qualificazione ai quarti di finale “. Il ct inevitabilmente si affida ai senatori ed ai giocatori più tecnici, ” Rosický, Čech, Plašil, Sivok, Hübschman sono tutti giocatori che hanno passato momenti belli, ma anche momenti difficili. Penso che soprattutto adesso, riusciranno a tenere unito lo spogliatoio. Non c’è motivo di rassegnarsi o lasciarci prendere dal panico. Non abbiamo affrontato bene la prima gara. Ma ci rifaremo nelle prossime due. Siamo abbastanza forti per riuscirci “. Probabile l’accentramento in difesa di Kadlec, al posto di Hubnik, andato in grande difficoltà con i russi. Ha parlato anche Cech, non impeccabile come tutta la squadra nella prima partita, “Penso che la rabbia sia diventata determinazione, perché vogliamo rimediare a questa brutta partenza. Eravamo molto abbattuti. La prima gara è andata male sotto tutti i punti di vista, ma sappiamo di avere a disposizione altri 180 minuti per qualificarci“. Ci sarà da cambiare attegiamento per non incappare in una nuova batosta, “ loro hanno avuto molti spazi, ed essendo grandi giocatori hanno saputo sfruttarli. Li abbiamo attaccati troppo tardi. Ora non vogliamo ripetere gli stessi errori e ovviamente cercheremo di rimanere più compatti in difesa“. Ecco le probabili formazioni delle due nazionali:

Grecia (4-3-3): Chalkias, Torosidis, Malezas, K. Papadopoulos, Holebas; Maniatis, Katsouranis, Karagounis; Salpingidis, Gekas, Samaras. All: Santos

Repubblica Ceca (4-2-3-1): Cech, Gebre Selassie, Hubník, Sivok, Kadlec; Plašil, Jiracek; Petrzela, Pilar, Rosický; Pekhart. All: Bilek

 

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *