Enza Maugeri
No Comments

“We are happy from Scampia” ed è boom in rete

L’altra faccia di Scampia

“We are happy from Scampia” ed è boom in rete
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Dal video "we are happy from Scampia"

Dal video “we are happy from Scampia”

“We are happy from Scampia”, il quartiere a Nord di Napoli balla sulle note della hit di Pharrell Williams ed è boom in rete. Si tratta di una variante del progetto “Happy contro la violenza sulle donne”.  Il video ideato e realizzato da Giuseppe Divaio, Dario De Simone ed Ugo De Matteo, è stato lanciato in rete a Pasqua ed ha raggiunto in poche ore diecimila visualizzazioni su YouTube. Colpiscono le immagini di “Happy from Scampia”  per la vitalità e la bellezza di un quartiere spesso citato solo per questioni di cronaca nera,  una zona mostrata solo per le sue faide e i fortini di spaccio.

L’ALTRA FACCIA DI SCAMPIA- Questo video rappresenta l’altra faccia di Scampia, quella umana, che spera e balla sorridendo alla vita,  intenta a migliorare la propria situazione. Danzano tutti: uomini e donne, giovani, anziani, lavoratori, preti, bambini e nell’ultima parte anche le autorità e le associazioni che operano sul territorio. Angelo Pisani, presidente dell’Ottava Municipalità di Napoli, ha promosso e sostenuto quest’iniziativa per controvertire la tendenza dei media e dell’opinione pubblica di associare Napoli e il suo territorio alla malavita. “Perché qui lo sforzo quotidiano – dice Pisani – è quello di essere uniti e di migliorare, tutti insieme, i livelli di vivibilità, continuando a far sentire e forte la nostra voce. Quella vera”.

SCAMPIA, OLTRE IL PREGIUDIZIO- Scampia è un luogo da cui non si fugge soltanto. “Happy from Scampia” ci fa aprire gli occhi, ci fa andare oltre i soliti pregiudizi. E’ un tributo a tutta quella brava gente che giorno dopo giorno combatte, ognuno a suo modo e nel suo piccolo, la criminalità organizzata, quella muffa multiforme portatrice di degrado e di morte.

Enza Maugeri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *