Nadia Gambino

Ora l’Italia è in buone mani: da Scuffet a Perin, ecco chi potrebbe essere il successore di Buffon.

Ora l’Italia è in buone mani: da Scuffet a Perin, ecco chi potrebbe essere il successore di Buffon.
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Perin, portiere del Genoa seguito dal MIlan

Perin, portiere del Genoa seguito dal MIlan

L’era dei grandi portieri italiani , qualche anno fa sembrava finita, imbrigliata nella rete di grandi talenti stranieri e di qualche “bidone” piazzato un po’ qua e un po’ là nei club di Serie A.

Italia, patria di grandi portieri – Si perchè dopo il grande Zoff e dopo i portieroni Zenga e Tacconi, passando per Peruzzi, il solo Buffon ha tenuto alto l’onore e la storia dei grandi numeri 1 tra i pali. Dopo di lui, nessuno sembrava poter essere all’altezza di raccogliere il testimone del portiere della Juve e della nazionale italiana.

Gli anni degli stranieri – L’era degli stranieri è passata tra i guantoni di Dida e Julio Cesar che per anni hanno difeso la porta di Milan e Inter egregiamente, entrando di prepotenza nella storia dei club milanesi.

Ora il vento sembra cambiato, restituendo all’Italia l’onore di saper allevare in casa i migliori portieri, gioiellini niente male! 

Scuffet, Perin e Bardi: il futuro nelle loro mani – Il caso più eclatante sembra essere quello di Simone Scuffet, classe 1996, portiere cresciuto nelle giovanili dell’Udinese dei Pozzo, ancora una volta grandi talent scout, in grado di scovare quello che a detta dello stesso Buffon sembra essere il suo successore naturale. Tra i pali dei bianconeri friulani si sta facendo notare per la sua grande personalità e per le sue parate decisive, tanto da restare titolare anche dopo il rientro dell’infortunato Brkic. 187 cm per 85 kg, Scuffet ora è al centro di diversi club che gli hanno messo gli occhi addosso, tra tutti la Juve, che per il dopo Buffon gli vorrebbe affidare i pali dello Juventus Stadium. Scuffet non è il solo portiere dalle grandi speranze, perchè grandi aspettative ci sono anche per altri suoi colleghi che come lui sono già nel giro della nazionale di Prandelli: stiamo parlando del 22enne Perin, portiere del Genoa, sul quale si è fiondato il Milan e di Bardi, numero 1 del Livorno, portiere dell’Under 21 di proprietà dell’Inter.

Sono loro il futuro dei numeri 1 italiani, che si contenderanno le maglie dei club più importanti nei prossimi anni, insieme alle nuove leve che militano ancora in B, come per esempio Leali, di proprietà della Juve, militante nello Spezia.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *