Antonio Fioretto
No Comments

Italiani all’attacco: Borini, Berardi, Immobile

La rubrica settimanale di SportCafe24.com che analizza i migliori giocatori italiani dello scorso weekend, siano essi di Serie A o di campionati esteri

Italiani all’attacco: Borini, Berardi, Immobile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dicono che il calcio italiano sia finito. Dicono che siamo alla frutta, che non puntiamo sui giovani e che la nostra scuola è ormai superata da Paesi all’ avanguardia come Spagna ed Inghilterra. Dicono, dicono, dicono. Forse, però, non sanno che i nostri continuano a dire la propria in giro per il mondo. Ecco l’analisi dei migliori italiani del weekend.

LA MIGLIOR DIFESA Il tempo passa, le epoche cambiano. Lo stesso dicasi per il calcio italiano, un tempo fucina di grandissimi difensori e trasformatosi in un cantiere di grandi attaccanti. Lo scorso weekend ha confermato questa tesi. Tre piccoli grandi attaccanti si sono messi in mostra. Parliamo di Berardi, Immobile e Borini, rispettivamente 19, 24 e 23 anni. Senza scordare Balotelli, che nonostante i gol, l’esperienza e la personalità, di anni ne ha solo 23. Ecco i migliori del weekend:

Antonio Candreva (Lazio): E’ il leader stagionale della Lazio. Reja gli ha cucito addosso il 4-3-3. Come esterno d’attacco è a tratti devastante. La doppietta col Torino lo lancia a 11 nella classifica marcatori e gli assicura un posto al Mondiale in Brasile.

Fabio Borini (Sunderland): Mou e il suo vice se la prendono con l’arbitro. Lui, all’ 81′ e nella fornace di Stamford Bridge, va dal dischetto e spiazza Cech dando tre punti pesanti al Sunderland.

Domenico Berardi (Sassuolo): Un piacevole ritorno. Dopo lo straordinario girone di andata, era giunto un periodo di appannamento. Ora, il gol più importante. Quello che piega il Chievo nello scontro salvezza e lancia il Sassuolo a un’ insperata salvezza.

Ciro Immobile (Torino): Sempre più capocannoniere, sempre più alla ribalta. Ciro Immobile è l’attaccante del momento. Come Re Mida, tutti i palloni che tocca diventano oro. 20 gol, senza rigori. Il Mondiale, ora, è un obbligo.

Mario Balotelli (Milan): Un gol e un assist nella sesta vittoria consecutiva del Professor Seedorf, contro il Livorno. I gol in campionato salgono a 14.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *