Raffaele Caiffa
No Comments

Playoff Nba: buona la prima per Durant & Co. | Highlights

Oklahoma stende Memphis in gara 1, trascinata dalla coppia Durant-Westbrook. Ibaka insuperabile

Playoff Nba: buona la prima per Durant & Co. | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

C’è grande attesa per la prima partita dei play off di Oklahoma: Kevin Durant è all’apice della forma fisica, quest’anno nessuno ha fatto meglio di lui in regular season e grazie a Russel Westbrook, mancato l’anno scorso per infortunio, i Thunder possono finalmente ambire al tanto sognato anello.

Oklahoma City Thunder – Memphis Grizzlies 100-86

I padroni di casa iniziano subito fortissimo andando sul +10, bisogna aspettare il 3° minuti prima di vedere i primi 2 punti dei grizzlies. I primi 6 minuti di partita sono a senso unico: Durant e Westbrook tirano con una facilità impressionate ed ogni palla è destinata ad andare a canestro(68% dal campo); il muro eretto da Randolph e Gasol viene scavalcato senza problemi.

Ibaka fa buona guardia sotto canestro e Westbrook si trova come sempre alla perfezione con Durant: il gigante con la maglia n.35 riparte tempestivo in contropiede per il canestro del 23-10 e dopo soli 7 minuti coach Joerger è costretto a chiedere il secondo time out non capacitandosi di come una delle difese più arcigne del campionato possa essere scardinata così facilmente, ma il discorso non è cos’ semplice quando di fronte si ha KD&company. Memphis non regge i ritmi di OKC e nell’ultimo possesso del primo quarto Westbrook compie una grande stoppata dando saggio delle sue abilità fisiche. Per i grizzlies solo 16 punti nei primi 12 minuti. Con il 20% dal campo, 13 punti da recuperare ed una partita che inizia decisamente in salita.

Dentro le seconde linee per far rifiatare i titolari e allora Adam,Jakson, Fisher e Butler dicono la loro portando i Thunder sul 40-20. I veri problemi per i grizzlies sono in fase realizzativa: Randolph 2/11, Gasol 3/8 dopo 20 minuti, statistiche impietose per un play off. Ibaka in versione superman prima chiude Randolph con una stoppata, poi conclude la ripartenza siglando il canestro del +22. Il secondo quarto termina 56-34.

Usciti dagli spogliatoi, i Grizzlies fanno finalmente valere la loro grande fisicità sottocanestro recuperando 6 punti sugli avversari meno lucidi in fase di realizzazione, Westborook perde 2 possessi consecutivi e Memphis recupera terreno; time out OKC sul +9. Randolph non sfrutta un paio di buone occasioni per assottigliare ulteriormente lo svantaggio e OKC si tiene a distanza, ma il terzo parziale ci regala una vera partita. Gasol inizia a macinare punti, Durant e Westbrook perdono lucidità al momento del tiro, Ibaka perde una palla del possibile -4 Memphis, ma l’ala grande prima ci mette una pezza con una stoppata e poi trova i 2 punti da posizione defilata. I Grizzlies non demordono e si portano a -4 al termine del 3 quarto.

OKC paga il calo di concentrazione evidenziato da una statistica inverosimile per una squadra come i Thunder: 18,8% dal campo con soli 3 attacchi andati a buon fine su 16 totali, rispondono gli avversari con 31 punti (14/24 dal campo): situazione opposta alla prima metà del match e partita nuovamente in discussione. Tony Allen si iscrive alla partita superando i 10 punti, ma nel momento cruciale Zach Randolph  (al momento il migliore dei  Grizzlies) è costretto ad uscire dopo il 5° fallo personale. OKC prende sicurezza e prima del time out non manca l’occasione di allungare sul 74-69 a 8’dal termine. Miller ha qualcosa da farsi perdonare e piazza una tripla alla quale risponde puntuale la schiacciata di Ibaka con annesso tiro libero realizzato. Reggie Jackson e Russell Westbrook regalano punti sfruttando i contropiedi dopo una perfetta fase di interdizione, ma ci vuole la bomba da 3 punti di Durant che da lunghezza siderale centra il canestro del +10 e fa esplodere  una Chesapeake Energy Arena tinta completamente di blu. Ora Oklahoma macina punti su punti come ad inizio match, il traguardo è vicinissimo, a 5’ di distanza con un vantaggio di 14 punti. È Ibaka-Durant show: l’uno dispensa assist per l’altro trovando un ritmo non contenibile in un finale ormai già scritto. Il tabellone recita 100-86 in favore degli Oklahoma City Thunder.

OKLAHOMA CITY THUNDER:

Durant 33punti; 13-25; 8 rimbalzi 7 assist;

Westbrook 23 punti; 8-19; 10 rimbalzi; 5 assist;

Ibaka 17 punti; 6-8; 9 rimbalzi; 1assist; 4 stoppate;

Butler 9 punti; 3-7; 1 assist; 5 rimbalzi;

Jackson 9 punti; 1-5; 8 rimbalzi; 4 assist;

Fisher 4 punti; 1-3; 1 rimbalzo; 1 assist;

Collins 3 punti; 5 rimbalzi; 3 assist;

Perkins 2 punti; 4 rimbalzi;

MEMPHIS GRIZZLIES:

Randolph 21 punti; 3 assist; 11 rimbalzi;

Conley 16 punti; 11 assist; 5 rimbalzi;

Gasol 16 punti; 4 assist; 6 rimbalzi;

Allen 13 punti; 1 assist; 6 rimbalzi;

Lee 8 punti;

Johnson 4 punti;

Udrih 3 punti;

Miller 3 punti;

Koufos 2 punti;

Oklahoma City Thunder che conducono la serie 1-0.

[youtube]http://youtu.be/NopLDcEaBUs[/youtube]

PAGELLE:

Ibaka (8,5) eroe di serata, un monumento all’atletismo e al basket a tutto campo: attacca e difende ergendo una saracinesca insormontabile per 3/4 di partita. GIGANTE

Durant: (7,5) supera i 10 punti nell’ultimo parziale, fenomenale nei 12 minuti di inizio e fine gara, si distrae sulla via ma è conprensibile dopo il +23, quando serve è capace di innalzare il livello di gioco trascinando la squadra alla vittoria. INDISPENSABILE.

Westbrook: (6,5)altalenante, primo quarto da urlo, poi si limita ai contropiedi e al possesso della sfera ma si intestardisce troppo nelle azioni individuali.  Vede Ibaka e Durant in gran spolvero e non vuole essere da meno ma non è incisivo, farà sicuramente di meglio. INVIDIOSO.

Butler: (7) risposte positive dalla panchina con lui Plus-Minus di +18 e 9 punti di pregevole fattura.

Randoplh: (6,5) fa il brutto ed il cattivo tempo, anonimo in avvio e inarrestabile nel terzo quarto, interrompe il suo momento d’oro con un banale fallo (il 5 fallo personale). MANCA DI CONTINUITA’

Gasol (5) non incide, e i l 2/5 dai tiri liberi è un segnale d’allarme. arrendevole in difesa e non fa sentire il suo peso in attacco. RIMANDATO.

Conley (5.5): malissimo dalla lunga distanza (0-6) ma porta 16 punti importanti per i Grizzlies, da migliorare le % dal tiro. IMPRECISO.

Allen (6) : sorpresa positiva dalla panchina, con lui in campo la squadra quasi compie la rimonta. 50% dal campo (statistica migliore dei Grizzlies). Atteso per la conferma.

STELLE A CONFRONTO – Ibaka vince nettamente il duello difensivo contro Gasol, il naturalizzato spagnolo dimostra doti fisiche invidiabili ed un senso della posizione innato. Gasol delude nonostante la sua grande esperienza. Durant sovrasta Randolph in fase difensiva e di realizzazione, da lui ci si aspetta sempre tanto, oggi si limita spesso al minimo sindacabile ma è più che sufficiente per stroncare le velleità bellicose di Randolph.

MVP SPORTCAFE24: Ibaka (Oklahoma).

Raffaele Caiffa

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *