Matteo Masum
No Comments

Parigi-Roubaix: Terpstra trionfa nello show di Boonen. Rivivi la corsa!

Terpstra parte a 6,5km dall'arrivo e beffa tutti. Degenkolb conquista la seconda piazza davanti a Cancellara

Parigi-Roubaix: Terpstra trionfa nello show di Boonen. Rivivi la corsa!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Parigi-Roubaix: Boonen cerca l'impresa

Parigi-Roubaix: Boonen cerca l’impresa

Una Parigi-Roubaix spettacolare, che, come al solito, non ha deluso le attese. Una Parigi-Roubaix strana, che avrebbe potuto regalare un arrivo in volata dopo 17 anni, e che invece ha visto trionfare Niki Terpstra, l’olandese della Omega, arrivato in solitaria al traguardo. Dietro, degenkolb ha anticipato un Cancellara un po’ sotto tono rispetto alle Fiandre.

LA FUGA E LA FORESTA- La solita fuga che non ha alcuna possibilità di vittoria parte molto presto, e vede protagonisti otto corridori. Il gruppo mantiene una buona andatura, contenendo il ritardo. Prima della Foresta di Arenberg forano prima Sagan e poi Kristoff, costretti dunque ad inseguire nel tratto più duro della corsa. Sul pavè il Team Sky fa l’andatura, riducendo il distacco a 4′.

TURBO BOONEN- Kristoff cade ed abbandona, ma è Tom Boonen ad accendere la corsa. Il belga parte come una furia, creando un gruppetto di sei uomini, di cui fa parte anche un grande Thor Hushovd, che ben presto recupera i fuggitivi. Dietro Cancellara e Vanmarcke reagiscono troppo fiaccamente, ed il vantaggio dei sei attaccanti aumenta. E’ Peter Sagan ad uscire dal gruppo per riportarsi su Boonen. Lo slovacco, prima del durissimo settore cinque, aggancia i battistrada.

FINALE SPETTACOLARE- Sagan sa di avere qualcosa in meno degli altri sul pavè, e quindi parte all’attacco. Sul Carrefour de l’arbre, Vanmarcke e Cancellara decidono di entrare seriamente in scena, e rimontano Sagan insieme a Stybar ed un grande Degenkolb, che pure era caduto in mattinata. Boonen sembra in difficoltà, ma grazie a Niki Terpstra contiene il ritardo e riesce a ricucire lo strappo. Sono in undici al comando, e a 7 km dall’arrivo la volata sembra essere il finale giusto per una corsa in cui almeno cinque corridori meriterebbero la vittoria. A 6,5 km dall’arrivo, a sorpresa, Niki Terpstra prova l’allungo, senza che nessuno dietro reagisca, fatto salvo un velleitario tentativo dell’ottimo Gerant Thomas. L’olandese moltiplica le energie, aumenta il vantaggio e trionfa tutto solo. Degenkolb conquista un meritato secondo posto, mentre per Cancellara c’è comunque un bel terzo posto. Menzione speciale tuttavia per Boonen, giunto decimo al traguardo, ma il migliore di questa Parigi-Roubaix. Niente da fare per Sagan, il quale si è reso protagonista lo stesso di una bella prova

16.38- Al secondo posto Degenkolb, terzo Cancellara, quarto Vanmarcke, quinto Stybar  sesto Sagan, settimo Thomas, ottavo Langeveld, nono Wiggins, decimo Boonen.

16.36- NIKI TERPSTRAAAAAAAAAAAAA, FAVOLOSA VITTORIA

16.33- 1 km all’arrivo. 21” di vantaggio per l’olandese dell’Omega. 

16.32- 2,3 km, Terpstra con 19”

16.31- 3 km all’arrivo, 17” il vantaggio di Terpstra

16.30- Terpstra aumenta a 14 i secondi di vantaggio.

16.29- Mancano poco più di 4 km all’arrivo.

16.28- Bello l’attacco di Terpstra, che ha 11” di vantaggio sugli altri dieci.

16.26- 6,5 km all’arrivo. Undici uomini in testa, ma Terpstra prova l’allungo.

16.24- Ripresi i fuggitivi all’inizio del settore 2, abbastanza pedalabile (due stelle)

16.22- A 9 km dal traguardo sono 7” i secondi di vantaggio dei cinque sul gruppo Boonen

16.20- 11km al traguardo

16.19- Boonen ha 16” di ritardo dalla testa. Con lui anche Thomas ed un grande Wiggins

16.16 I cinque sono Cancellara, Degenkolb, Stybar, Sagan e Vanmarcke. Dietro Terpstra sta cercando di pilotare Boonen all’aggancio.

16.16- Grande Sagan, che rientra sulla testa

16.15- In quattro davanti. Sagan ha mollato, Boonen è attardato

16.13- Ripreso Sagan

16.13- Il gruppo che insegue Sagan è frazionatissimo. Degenkolb cerca di riportarsi sul campione slovacco.

16.11- Inizia il Carrefour de l’arbre

16.09- Cancellara riprende Vanmarcke, mentre un po’ attardato Boonen

16.08- Sul pavè è partito Vanmarcke, all’inseguimento di Sagan. Cade Lars Boom

16.06- Il settore cinque è contraddistinto da quattro stelle. E’ l’ultimo prima del Carrefour de l’arbre

16.04- Attacca Sagan

16.03- Sono dieci ora gli attaccanti, con tre uomini della Belkin.

16.02- Gli otto davanti sono ancora tutti insieme. Il gruppo che insegue è frazionatissimo, ma Cancellara sta per riprendere gli attaccanti.

16.01- Riattacca Tom Boonen, seguito da De Baecker. Accelera Cancellara, mentre dietro una caduta coinvolge Van Avermaet.

16.00- Di nuovo il gruppo fallisce l’aggancio, ed anzi Sagan e Wynants rientrano sui 6 attaccanti. Il gruppo è comunque vicino

15.59- 25km all’arrivo.

15.58- Il gruppo ha ripreso Sagan, ed ha ridotto il distacco dai fuggitivi a 11”

15.57- Inizia ora

15.56- Manca poco al tratto di pavè 6, molto duro (tre stelle)

15.53- Torna a salire il vantaggio di Boonen e compagni, i quali hanno ora 32” sul gruppo. Perde anche Sagan, adesso a 20” dal belga

15.50- Sagan ha circa 18” di ritardo dagli attaccanti. Con lui non Vansummeren ma Maarten Wynants della Belkin

15.47- Si entra nel settore 7, mancano 33 km al traguardo. Tom Boonen si rialza, ma ha dimostrato di essere in gran forma.

15.46- Boonen ha già guadagnato 8” sui compagni di fuga. Thomas cerca di reagire

15.45- Attacca Boonen, scatenato il belga!

15.44- Parte Peter Sagan, alla sua ruota Vansummeren

15.43- L’azione di Vanmarcke ha ridotto il distacco dai fuggitivi, ora di 24”. Il gruppo è allungatissimo ed è stato notevolmente scremato.

15.40- L’ho chiamata la reazione. Parte Vanmarcke, Cancellara prova a rispondere.

15.39- Inizia il settore 8 di pavè (tre stelle). Il gruppo non reagisce e continua a perdere terreno.

15.37- Poco più di 40 km al traguardo, continua a salire il vantaggio degli attaccanti, che ora si aggira intorno ai 46”

15.35- Inizia il settore 9 ed il vantaggio torna a salire. Ora sono 35” il vantaggio del gruppetto

15.33- Terminato il tratto 10. Gruppo a 23” di ritardo dai battistrada

15.31- Veramente durissimo Mons-en-Pevele. Ora sono 32” di vantaggio di Boonen e compagni sul gruppo

15.30- I fuggitivi sono Boonen, Hushovd, Thomas, Tankin, De Baecker e Martinez

15.29- 21” di vantaggio dei fuggitivi sul gruppo.

15.28- I sei fuggitivi guadagnano sul gruppo grazie all’azione di Boonen.

15.26- Inizia il tratto di pavè 10, Mons-en-Pevele, durissimo.

15.24- Come non detto, il gruppetto di Boonen ed Hushovd, che sembrava aver rallentato, mantiene sempre un centinaio di metri di vantaggio sul gruppo.

15.23- Gruppo compatto. Manca un km al settore 10, contraddistinto da cinque stelle.

15.22- Termina il settore 11, quando mancano 50km all’arrivo. Hushovd si è riportato sul quartetto di testa

15.20- Thor Hushovd è uscito dal gruppo, e tutto solo sta cercando di riportarsi sul gruppetto Boonen

15.19- Bravo Martinez a riportarsi sui tre attaccanti.

15.18- Boonen porta un altro attacco, appena iniziato il pavè. Sulla sua ruota restano solo Thomas e De Backer della Giant

15.16- Il gruppo ha quasi recuperato i fuggitivi, quando siamo al settore 11. Sagan e Cancellara sono nel gruppo.

15.14- Sono 6 ora i membri del gruppo di testa, di cui fa parte Boonen. 11” il vantaggio sul gruppo.

15.13- E’ la BMC a fare l’andatura in gruppo, per ricucire lo strappo con Boonen.

15.07- Ripresi i fuggitivi dal gruppo Boonen, composto da 12 corridori

15.05- In precedenza caduta di Luca Paolini.

15.05- I fuggitivi hanno solo 14” sul gruppetto Boonen

15.03- Boonen ha raggiunto un gruppetto di contrattaccanti, che aveva preceduto l’azione del belga. Tra essi anche Gerant Thomas

15.02- Grande attacco di Tom Boonen sul pavè. 

15.01- I battistrada nel settore 13. 

15.00- Il gruppo Hushovd, nel frattempo, è stato ripreso.

14.57- Allora, cerchiamo di fare una ricapitolazione della situazione, di cui abbiamo capito poco anche noi. Tre sono i battistrada, Schillinger, De Troyer e Jarrier. Il gruppo ha poco più di 1′ di ritardo. Ancora più indietro Sagan, a circa 20” di ritardo dai migliori.

14.54- Altra caduta in testa al gruppo.

14.51- Per i fuggitivi inizia il tratto di pavè 14 (quattro stelle)

14.50- Sono sei i membri del gruppo Hushovd, che ha 1’49” di ritardo dai battistrada.

14.48 Altro rilancio di Hushovd. La situazione, a 72km dall’arrivo, è intricatissima. Il gruppo Sagan è a 20” dal gruppetto dei migliori, di cui non fa parte nemmeno Cancellara.

14.46- John Murphy fora e perde contatto dai compagni di fuga. Ora sono tre i battistrada.

14.44- I quattro battistrada sono nel settore 15. Il loro vantaggio è di 2’33”.

14.42- Attacca Thor Hushovd, che guadagna qualche metro di vantaggio. Nel gruppetto creato dal forcing della Omega non c’è Cancellara.

14.49- Si sta creando un gruppetto di dieci corridori, che ha raggiunto De Haes.

14.38- Gli Omega stanno imprimendo un forcing impressionante. Il gruppo è frazionatissimo. Sagan nelle retrovie arranca.

14.37- Abbandona anche Modolo, il quale aveva forato prima della Foresta

14.35- Si ritira Kristoff, il vincitore della Sanremo

14.34- Cade Kristoff

14.33 Davanti i battistrada sono Schillinger, Murphy, De Troyer e Jarrier, ora al settore 16 (quattro stelle). 4” sul gruppo. Tra di loro gli altri quattro ex compagni di fuga.

14.31- Ancora caduta in gruppo, stavolta nelle prime posizioni. Gruppo spezzato in due tronconi. Cancellara è nella seconda parte del gruppo. Clamoroso

14.30- E’ rimasto attardato Kristoff, che in precedenza era rimasto vittima di una foratura.

14.29- Beffa per Boucher, che ha trovato il passaggio a livello abbassato, perdendo ulteriore contatto dalla testa della corsa, dopo la foratura nella Foresta

14.19- Il gruppo esce dalla Foresta

14.18- Inevitabili cadute in gruppo, nulla di grave comunque.

14.15- Anche il gruppo entra nella Foresta

14.14 Andreas Schillinger guadagna qualche metro di vantaggio sugli altri tre quando mancano poco più di 700m

14.13- La fuga perde i pezzi, sono rimasti in quattro. 

14.12- Per la fuga inizia la Foresta di Arenberg

14.09- La fuga ha appena completato il settore 19. Manca pochissimo alla Foresta

14.07- Gli uomini Sky stanno tirando il gruppo con un ritmo altissimo. E’ rimasto senza compagni di squadra Tom Boonen. Il ritardo dai fuggitivi è di circa 5′

14.03- Sagan ha ormai raggiunto il gruppo. Mancano 100km all’arrivo.

13.59- Problemi meccanici per Sagan, costretto adesso a rincorrere. Sfortunato il corridore della Cannondale, perchè in questo momento il gruppo sta entrando nel settore 19, molto duro come abbiamo detto.

13.55- Caduta in gruppo. Coinvolto anche Van Avermaet, che tuttavia è rimasto in piedi. Niente di grave per i corridori.

13.53- Radiocorsa informa che un mezzo ha perso dell’olio sul tratto della Foresta. Qualcosa che aggiunge difficoltà ad un pavè già epico per i corridori.

13.48- I fuggitivi sono vicini ad affrontare il tratto di pavè 19, durissimo (4 stelle su 5), che probabilmente opererà la prima selezione. Il tratto, lungo più di 2 km, precede di poco la Foresta di Arenberg.

13.40- Il gruppo è al tratto di pavè 21 (due stelle). Il ritardo dai battistrada è di 6’24”

13.31- Arnaud Demare (FDJ), caduto in precedenza, si è riaccodato al gruppo.

13.26- I fuggitivi sono al tratto di pavè 22 (contraddistinto da tre stelle, che ne segnalano la difficoltà), a 126 km dal traguardo, con 6’28” di vantaggio sul gruppo.

13.18- Il gruppo ha appena superato il tratto 26 di pavè, il distacco dai battistrada è di 6’17”

13.15- Mancano 135 km all’arrivo

13-13- Tom Boonen ha forato ed ora è all’inseguimento del gruppo, tirato sempre dagli uomini della Trek

13.11- Rettifica del vantaggio dei fuggitivi, i quali hanno 6’43” sul gruppo.

13.06- Gli otto battistrada sono David Boucher (FDJ), Kenny de Haes (Lotto Belisol), Andreas Schillinger (Netapp-Endura), Michael Kolar (Tinkoff-Saxo), Clement Koretzky (Bretagne-Sèche Environment), Benoit Jarrier (Bretagne-Sèche Environment), Tim De Troyer (Wanty-Groupe Gobert), John Murphy (United Healtcare)

Benvenuti alla diretta testuale della Parigi-Roubaix. La sfida è tra Cancellara, tre volte vincitore, e Tom Boonen, che invece si è aggiudicato quattro volte questa corsa. Attenzione tuttavia ai possibili outsider, tra cui Peter Sagan, il grande sconfitto delle classiche fin qui disputate.

12.57- Al momento ci sono otto battistrada al comando della corsa, ma il loro vantaggio non supera i 5 minuti.

Matteo Masum

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *