Patrizia Culmone
No Comments

Cosa guardiamo al cinema? Ecco la classifica dei film più visti nelle ultime settimane.

Top ten dei film più visti dell'ultimo mese che sonda il gradimento del pubblico e il successo delle pellicole premiate.

Cosa guardiamo al cinema? Ecco la classifica dei film più visti nelle ultime settimane.
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Tra i film più visti al cinema: "Allacciate le cinture"

Tra i film più visti al cinema: “Allacciate le cinture”

I mesi di Marzo e Aprile sono stati caratterizzati dall’uscita di film importanti, come l’imponente colossal fantascientifico Snowpiercer del coreano Bong  Joon –ho, Lei di Spike Jones e Ida del minimalista Pawlikowski. Ma cosa abbiamo scelto di vedere al cinema? Vi proponiamo una carrellata delle pellicole più viste della stagione, ricordando la notte degli Oscar e aspettando il Festival di Cannes.

IN ITALIA AMIAMO GLI EROI – L’action sembra essere stato il genere prediletto  in Patria, a farla da padrone al botteghino è infatti 300 – L’alba di un Impero: il sequel del fortunato 300 (campione d’incassi nel 2007) che ripropone in chiave Hollywoodiana l’epica battaglia di Artemisio e in 4 settimane supera ampiamente i quattro milioni di Euro. Segue il secondo capitolo della Saga di Capitan America: Captain America – The winter Soldier che, uscito appena due settimane fa, ha già incassato 4.124.894 Euro.

Chiude il podio con appena 3.611.360 Euro l’ultimo adattamento della celebre fiaba settecentesca La Bella e la Bestia, proposta  per la prima volta al cinema nel 1945 da Jean Cocteau e rivisitata da allora quasi ogni dieci anni. Questa versione è diretta da Chrstophe Gans – autore di diversi film d’avventura  e d’ambientazione storica – e vede come protagonisti Vincent Cassel e Léa Seydoux, vincitrice dell’ultima edizione del Festival di Cannes per la sua interpretazione ne La vita di Adele.

In quarta posizione troviamo la prima pellicola italiana, nonché la prima sceneggiatura originale: Allacciate le cinture di Ferzan Ozpeteck. La drammatica storia d’amore che gioca con le sovrapposizioni temporali si colloca tra i dieci film più visti per quattro settimane consecutive e  guadagna 3.483.972 Euro. Al quinto posto il film d’animazione firmato Dreamworks Animation  Mr. Peabody e Sherman, (tratto dalla serie d’animazione anni ’60 The Rocky and Bullwinkle Show), che racconta i viaggi nel tempo del cane inventore Mr. Peabody e del suo figlio adottivo Shermann. Proseguendo all’insegna del disimpegno incontriamo la commedia Amici come noi, che riprende lo stile demenziale delle gag di Checco Zalone e dei Soliti Idioti. Il regista è infatti Fabrizio Lando, lo stesso che ha diretto la celebre serie TV e i due film con Biggio e Mandelli. La pellicola ha guadagnato 2.221.772 Euro dal 20 Marzo al 6 Aprile aggiudicandosi il sesto posto in classifica.

NELLA TIP TEN – In settima posizione quello che l’Academy Awards ha premiato come il miglior film dell’anno: 12 anni schiavo. Trasposizione cinematografica del libro di Solomon Northup, il film narra la triste vicenda di un violinista newyorkese catturato con l’inganno e rivenduto come schiavo ad un possidente terriero. Pare che quello della segregazione razziale sia un tema ricorrente nella produzione filmica americana degli ultimi due anni, periodo che casualmente coincide con  la rielezione del Presidente Barak Obama alla Casa Bianca. Che sia stato proprio questo a risvegliare coscienza anti-razziale dello star System Hollywoodiano?

Al nono posto u altro adattamento cinematografico, tratto dal romanzo di formazione di Markus Zukas: Storia di una Ladra di Libri, mentre chiudono la classifica Una donna per Amica di Giovanni Veronesi e Sotto una buona stella di Carlo Verdone, rispettivamente all’ottavo e al decimo posto. Due pellicole dall’umorismo fresco e garbato, dirette da due veterani della commedia nostrana che, mescolando momenti esilaranti ad una sottesa malinconia, divertono naturalmente e restituiscono al pubblico la possibilità di guardare ai problemi di una Nazione, con cinica autoironia.

Patrizia Culmone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *