Manlio Mattaccini
No Comments

Juventus-Lione 2-1: Pirlo e Marchisio stendono i francesi

Pirlo si ripete con una magistrale punizione, con Marchisio che chiude il conti nella ripresa. Nel mezzo il gol di testa di Briand. Una semifinale europea mancava ai bianconeri dal 2003

Juventus-Lione 2-1: Pirlo e Marchisio stendono i francesi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juventus non fallisce l’obiettivo. La squadra di Conte si impone anche nella gara di ritorno sul Lione e accede alle semifinali di Europa League; i bianconeri non arrivavano a questo punto di una competizione europea dal lontano 2003 quando furono battuti in finale di Champions League dal Milan.

PRIMO TEMPO

La Juventus parte fortissimo e al 3′ con un bolide di Tevez dalla distanza sfiora il vantaggio. Vantaggio che arriva un minuto più tardi: gli ospiti stendono Tevez al limite dell’area, Pirlo si incarica della punizione, gran destro a giro sulla barriera ed è 1-0! I bianconeri continuano ad avere il pallino del gioco in mano sfiorando il raddoppio con Tevez su passaggio di Vidal. In due minuti l’arbitro non vede un rigore per parte. Il Lione si sveglia e al 18′ pareggia i conti: cross dalla destra, si addormenta Marchisio e Briand stacca di testa battendo Buffon! I francesi credono a questo punto nella qualificazione, con Gonalons che prova ancora a far male con un gran destro da fuori, ben respinto dall’estremo difensore juventino. Gli uomini di Conte non riescono più a rendersi pericolosi per il resto della prima frazione di gara.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa la Juventus cerca subito di chiudere la partita, riprendendo il controllo. Al 54′ cross dalla sinistra di Asam0ah, Tevez è pronto a siglare il suo primo gol europeo in bianconero ma Umtiti si immola e salva il risultato. La partita però non regala altre emozioni fino al 67′ quando Buffon respinge ancora una punizione di Mvuemba. Nella stessa azione la Juventus riparte in contropiede e colpisce: tiro da fuori di Marchisio deviato da Umtiti e Lopes non può farci nulla! 2-1 allo Stadium! Ferri ci prova dalla distanza e Remi Garde prova a cambiare la linea offensiva della sua squadra, ma questa mossa non porterà ai frutti sperati con i francesi che si inchinano e salutano la competizione.

Il tabellino della gara:

Juventus (3-5-2): Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Isla, Vidal (75′ Pogba), Pirlo, Marchisio, Asamoah; Tevez (78′ Giovinco), Vucinic (60′ Llorente). A disp.: Storari, Ogbonna, Lichtsteiner, Osvaldo. All.: Conte

Lione (4-3-1-2): A. Lopes; Tolisso, Konè, Umtiti, Bedimo; Ferri, Gonalons, Mvuemba; Malbranque (76′ Danic); Briand (71′ Njié), Lacazette (70′ Gomis). A disp.: Vercoutre, Zeffane, Bisevac, Fekir. All.: Garde

Arbitro: Alberto Undiano Mallenco (ESP)

Marcatori: 4′ Pirlo, 68′ Marchisio (J), 18′ Briand (L)

Ammoniti: Umtiti, Gonalons (L), Marchisio, Bonucci (J)

Aspettando Juventus-Lione. Da stasera, l’Italia potrebbe ufficialmente tornare ad avere una “vocina” grossa nel palcoscenico europeo. Non parliamo della Nazionale, vice-campione d’Europa, quanto naturalmente delle peripezie dei nostri club, a secco di acuti nelle competizioni internazionali da troppo tempo. La Juventus ha la chance di riportare una nostra squadra in una semifinale europea, cosa che non accade dalla cavalcata trionfale dell’Inter in Champions di quattro anni fa, e in Europa League dalla sfortunata eliminazione della Fiorentina ai rigori coi Rangers datata 2008. Vocina, non voce perché i bianconeri speravano di continuare il loro cammino europeo nell’altra competizione; ma il passaggio del turno candiderebbe seriamente la Juventus al successo finale davanti al proprio pubblico. E dire che una volta la vecchia Coppa Uefa era territorio di conquista dei nostri club: ricordiamo i sette successi negli anni ’90, con l’ultimo trionfo del Parma nell’edizione 1998/’99 prima dell’eclissi totale.

CONTE, SI RINASCE? – A tentare di uscire dalle tenebre, la Juventus la cui stagione ad altissimi livelli è sotto gli occhi di tutti. Ritmi forsennati in Campionato, qualche inciampata di troppo in Europa con il grottesco epilogo di Istanbul. Ma se è vero che ogni impedimento è giovamento, la “retrocessione” in Europa League si presenta come un piatto forse meno ghiotto, ma pur sempre troppo invitante da rifiutare. La Juventus ha fame, e visti alcuni precedenti (Atletico Madrid su tutti) sa bene che per ambire al trono d’Europa, tornare a vincere trofei internazionali è un passaggio obbligato. Per questo Conte afferma di “dimenticare” temporaneamente il Campionato, dove c’è comunque un terzo tricolore di fila da conquistare al più presto.

UNDICI LEONI – Eppure, qualche ritocchino tra i titolari ci sarà. Il mister bianconero ha in mente di far rifiatare qualche uomo chiave o non rischiarlo in quanto non fisicamente al massimo. La partita odierna è comunque da giocare, e l’avversario non è ancora tagliato fuori dall’obiettivo qualificazione. Llorente, a segno con una doppietta contro il Livorno, partirà dalla panca. Ma i suoi centimetri potrebbero tornare utili magari nel finale. Tevez, ossessionato dalla ricerca del gol europeo, avrà come compagno di reparto Vucinic che ha destato una buona impressione nella gara d’andata. In mezzo al campo duello per una maglia tra Pogba e Vidal, col cileno che ha saltato per squalifica l’andata in Francia ma ancora non sta benissimo.

Gonalons, centrocampista del Lione

Gonalons, centrocampista del Lione

LIONE, OCCHIO A GOMIS – La gran parte di chances qualificazione se l’è giocate all’andata. Garde, allenatore dei francesi, lo sa bene e per passare il turno oggi i suoi uomini dovranno solo vincere allo Juventus Stadium: impresa quest’anno riuscita a nessuno. Transalpini che in Ligue 1 navigano in quinta posizione, ma nell’ultimo turno hanno vinto a Valenciennes. Nel tabellino dei marcatori pure Gomis, uomo da tenere d’occhio che oggi, a dispetto dell’andata, partirà titolare. Dalla sua fisicità, dal talento di Gonalons e dall’esperienza di Malbranque passa la difficile strada verso la semifinale. Si riparte dalle 0-1 di Lione.

QUOTE

La vittoria della Juventus, imbattibile in casa, è quotata a 1.30. Il pareggio, che comunque sorriderebbe comunque ai bianconeri, sembra poco probabile data l’elevata quota di 5.00. Il successo del Lione avrebbe i caratteri dell’autentica impresa sportiva: il 2 è quotato 11.00.

PROBABILI FORMAZIONI Juventus – Lione

Juventus (3-5-2): Buffon; Caceres, Chiellini, Ogbonna; Isla, Marchisio, Pirlo, Vidal, Asamoah; Tevez, Vucinic. All. Conte.

Lione  (4-3-1-2): Lopes; Bedimo, Koné, Umtiti, Zeffane; Gonalons, Mvuemba, Ferri; Malbranque; Lacazette, Gomis. All. Garde.

Arbitro: Alberto Undiano Mallenco (ESP).

RADIO DIRETTA EUROPA LEAGUE – Torna questa sera l’appuntamento con la diretta streaming su SportCafe24 ed il canale Youtube di RadioSportCafe24. Radio cronaca live dalle 20.55 di Juventus-Lione e aggiornamenti in tempo reale dagli altri campi dell’Europa League. Potrete interagire sulla nostra fanpage e su Twitter tramite l’hashtag #askSportCafe24. Segui le emozioni della Uefa Europa League su SportCafe24.com!

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *