Marco Sciscioli
No Comments

WWE: la leggenda di The Ultimate Warrior, icona di un’epoca

La nuova rubrica dedicata alle leggende della Hall of Fame. Si inizia con Ultimate Warrior, uno dei migliori wrestler, che ci ha lasciati di recente

WWE: la leggenda di The Ultimate Warrior, icona di un’epoca
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Inauguriamo questa nuova rubrica dedicata alle leggende del wrestling, iniziando da uno dei migliori, che purtroppo ci ha lasciato qualche giorno fa a causa, si presume, di un attacco cardiaco.

James Hellwing, il suo vero nome, era entrato nella Hall of Fame il 5 aprile insieme a Lita, Razor Ramon, Carlos Colon, Paul Bearer e Jake “the snake” Roberts.

GLI INIZI DI ROCK – In avvio di carriera lottò con il nome di Rock, spesso in tandem con Flash (il futuro Sting). Lottò in varie federazioni minori quali la UWF e la New Japan, salvo poi essere notato e messo sotto contratto dalla WWF.

Ultimate Warrior

Ultimate Warrior e Rick Rude

LE FAIDE E IL TITOLO INTERCONTINENTALE (1988-1990) – Al primo anno nella WWF ha inscenato faide con Hercules Hernandez e “Ravishing” Rick Rude, diventando sempre più famoso. Tale successo gli permise di avere la possibilità di competere contro Honky Tonk Man per il titolo intercontinentale, poi vinto a Summerslam nel 1988. Fu proprio con Rick Rude che perse (a Wrestlemania V) e rivinse il titolo (Summerslam 1989).

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE HOGAN-WARRIOR – La fama del guerriero era alle stelle, McMahon credette di aver trovato l’erede di Hulk Hogan. Il passaggio di consegne avvenne con un memorabile match allo Skydome in occasione di Wrestlemania VI. Warrior vinse il titolo all’ultimo respiro e fu simbolico il gesto di Hogan che gli passò la cintura, ad indicare una sorta di cambio generazionale. Il titolo fu perso durante la Royal Rumble del 1991 contro Sgt. Slaughter, un personaggio emerso in occasione della guerra del golfo.

LE ULTIME FAIDE NELLA WWF – Altre faide in questi anni furono con “Macho Man” Randy Savage, contro cui disputò e vinse un “career ending match”, e Undertaker con quest’ultima che non fu messa in risalto dalla federazione nonostante le premesse per il successo ci fossero tutte.

BATTAGLIA GIUDIZIARIA CON LA WWF – Nel 1991 Ultimate Warrior richiese $550,000 per lottare a Wrestlemania, Vince McMahon sembrò accettare, salvo poi consegnargli una lettera di sospensione prima di Summerslam. Hellwing non accettò la sospensione e lasciò la WWF. Dopo il licenziamento, Warrior sentendosi dalla parte della ragione, intenta una causa alla WWF e a Vince McMahon. Il giudice darà ragione a Warrior, che oltre ad un congruo risarcimento danni morali e materiali diviene l’unico proprietario del marchio Warrior, Ultimate Warrior, Ultimate Creations, tant’è che la prima cosa che Warrior fa a vittoria ottenuta è cambiare il suo nome all’anagrafe americana, diventando “James Warrior Hellwig”.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=WeC7n4wTnXA[/youtube]

LA WCW E LA FAIDA CON HULK HOGAN (1998) – The Ultimate Warrior contratta e viene assunto dalla WCW. Hogan nell’accettare la sfida lanciatagli dal commissioner James Dillon, che aveva indetto per Fall Brawl un match dove il wrestler vincente avrebbe sfidato all’Halloween Havoc il campione WCW Goldberg, lanciò indirettamente una sfida al “Warrior” affermando che non c’era nessun guerriero che non potesse battere. Warrior appare a Fall Brawl e colpisce chiunque gli capitasse a tiro e, cercando di raggiungere Hogan che aveva abbandonato la gabbia,  sfonda la recinzione, cadendo e procurandosi uno strappo al tricipite destro, che lo avrebbe costretto ad uno stop di un mese e mezzo. The Warrior decise comunque di continuare visto l’imminente incontro con Hogan. L’incontro ad Halloween Havoc è l’ultimo di Warrior nella WCW, nonostante l’abbandono sarebbe dovuto arrivare con un match contro Randy Savage in un “who lost- leaves WCW”. Ma la mancanza di interesse e di ascolti verso Warrior, dovuta alla cattiva gestione del personaggio da parte della WCW, spingono i dirigenti a porre fine anzitempo al rapporto con Hellwig.

LA RICOMPARSA NEL 2008 – A Madrid Hellwing compare in uno show della NWE attaccando Orlando Jordan, colpevole di aver importunato un fan di Warrior, e contendendogli l’NWE World Heavyweight Championship, vinto ma reso immediatamente vacante.

Marco Sciscioli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *