Jacopo Gino
No Comments

Pagelle Atletico Madrid-Barcellona 1-0: Koke strepitoso, Messi irriconoscibile. La fine di un’era

Il derby spagnolo va ai Colchoneros, che battono il Barça di Messi e compagni e volano in semifinale. Prestazione di cuore e carattere per gli uomini di Simeone, irriconoscibili i blaugrana

Pagelle Atletico Madrid-Barcellona 1-0: Koke strepitoso, Messi irriconoscibile. La fine di un’era
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella bolgia del Vicente Calderon l’Atletico Madrid sforna la prestazione perfetta ed elimina il Barcellona di Messi, Neymar e compagni. Decide tutto Koke al 6′ minuto del primo tempo, ma tutta la frazione di gioco è a senso unico per gli uomini del Cholo Simeone che colpiscono tre legni in pochi minuti (due centrati dall’ex di giornata David Villa) e dominano il match. Non basta la reazione nel secondo tempo degli uomini del Tata Martino per riportare il match in parità: con il cuore e con la fame l’Atletico Madrid conquista la semifinale di Champions League.

Di seguito vi proponiamo le pagelle di Atletico Madrid-Barcellona.

ATLETICO MADRID

Courtois 6,5: Spettatore non pagante nella prima frazione di gioco, si scalda i guanti nella ripresa annullando i timidi tentativi di Neymar e Co.

Juanfran 6,5: Spinge poco ma dietro è una roccia. Dalla sua parte non si passa.

Miranda 7,5: Annulla l’attacco strepitoso del Barcellona, non facendo toccare palla agli avversari.

Godin 7,5: Stessa valutazione valida per il compagno di reparto. Superbo.

Felipe Luis 7: Spinge tantissimo ed è sempre a supporto dell’attacco della squadra di Madrid. Incontenibile.

Gabi 7: Capitano e leader, vera anima di questa squadra.

Koke 8: Segna il gol partita concludendo un’azione che lui stesso aveva fatto partire. Annulla e inebetisce Dani Alves sull’out di sinistra, mettendo tantissima qualità al servizio della squadra.

Tiago 7: E’ lo stesso dei tempi della Juve? Tornato ad altissimi livelli con il pallone tra i piedi, si riscopre anche incontrista grazie al preziosissimo lavoro che Simeone ha fatto su di lui. Resuscitato.

Raul Garcia 7: Primo tempo a ritmi altissimi. Cala nella ripresa ma da una mano preziosa in difesa.

Adrian 6,5: Forse il meno brillante degli uomini di Simeone. E dire che prende un palo e sforna una partita di tutto rispetto! Nel complesso non fa rimpiangere l’assente Diego Costa. (dal 61′ Diego 6,5: entra e si inserisce bene nel gioco)

Villa 7,5: L’ex di giornata è una furia. Non gli è andata giù la liquidazione senza troppi complimenti effettuata dalla dirigenza blaugrana e cerca in tutti i modi di far male (calcisticamente parlando) ai suoi ex compagni. Solo due traverse gli negano la gioia del gol. (dal 79′ Rodriguez 6,5: Subito pericoloso, va vicino al gol ma tira addosso a Pinto)

All. Simeone 10: Chi avrebbe mai detto che una squadra tutto sommato modesta (se paragonata alle big del calcio mondiale) avrebbe potuto lottare sia per la Liga che per la Champions League a metà aprile? Dove non arriva la tecnica arriva il cuore, e la grinta di questa squadra è ereditata tutta dal suo strepitoso allenatore. Motivatore.

BARCELLONA

Atletico Madrid-Barcellona: Messi, tra i peggiori in campo

Atletico Madrid-Barcellona: Messi, tra i peggiori in campo

Pinto 6: Riscatta la brutta prestazione dell’andata compiendo qualche intervento di buona fattura. Aveva solo bisogno di tempo per abituarsi al campo di gioco, che onestamente negli ultimi anni aveva visto solo dalla panchina. Non può fare certamente il titolare in una squadra come il Barcellona, ma quantomeno se la cava.

Dani Alves 4,5: Irriconoscibile. Dietro non capisce nulla degli inserimenti avversari, davanti risulta assente per i primi 45′ minuti di gioco.

Bartra 5: Somiglia a Piquè solo fisicamente, tecnicamente non sono neanche lontani parenti. Tra lui e Villa ci sono 10 anni di esperienza di differenza: ieri sera si sono visti tutti.

Mascherano 5: Si notano tutti i limiti di un centrocampista adattato a fare il centrale. Senza la guida forte di Piquè va in crisi e con lui tutto il Barcellona

Jordi Alba 5,5: Il più propositivo, prova a farsi vedere in avanti ma come tutta la difesa soffre terribilmente dietro

Xavi 6: Va bene che è un fenomeno, ma chiedergli di assaltare il fortino Rojiblancos da solo è troppo. Ci prova fino alla fine, ma predica nel deserto.

Busquets 5,5: Si limita al compitino, sperando che i compagni con più tecnica di lui risolvano la partita. Quando questo non accade però si vedono anche tutti i suoi limiti.

Iniesta 5,5: Un Iniesta che esce a metà secondo tempo per scelta tecnica non si era mai visto. Spesso fuori dal gioco, prova a tratti a farsi vedere ma è troppo poco per meritare la sufficienza. (dal 73′ Pedro s.v.)

Messi 4,5: Annullato dalla difesa di Simeone, prova qualche accelerazione che non porta ad alcun risultato. Brutta, brutta prestazione della Pulce, con l’aggravante che in queste occasioni dovrebbe essere lui a trascinare la squadra.

Fabregas 4: Da falso nueve proprio non va. Inguardabile per tutta la partita, perso tra i centrali colchoneros. (dal 61′ Sanchez 5: Ha poche possibilità per far male, viene buttato nella mischia senza una precisa strategia d’attacco).

Neymar 5,5: Ci prova più dei compagni di reparto, ma qualche numero e qualche tuffo non bastano ad impensierire gli avversari

All. Martino 5: Non è mai entrato nei cuori dei tifosi. Nonostante la squadra di fenomeni che si ritrova rischia di rimanere a fine anno a bocca asciutta, avvenimento che in casa blaugrana si vive da anni. Adesso testa tutta alla Liga, per cercare di salvare una stagione disastrosa.

Jacopo Gino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *