Redazione

Il Lanciano vola in serie B, Trapani sconfitto per 3 a 1

Il Lanciano vola in serie B, Trapani sconfitto per 3 a 1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

TRAPANI, 10 GIUGNO – Alla fine è serie B per il Lanciano. Anche se il Trapani in un primo momento aveva fatto pensare che le cose sarebbero andate diversamente, la partita è finita 3 reti a 1 per i ragazzi di Gautieri. Grande festa in città con caroselli per le strade e una folla straripante in piazza Plebiscito. I rossoneri sono riusciti a mantenere la lucidità necessaria per vincere e adesso, per loro, il sogno si è avverato.

L’aereo della Lanciano Airlines è decollato alle ore 16 e 50, destinazione serie B. Dopo una gara d’andata spenta e preoccupata, oggi i rossoneri sono riusciti a mostrare le carte che avevano nascosto sotto il tavolo e bisogna dire che non erano niente male. A nulla è valso l’impeto siciliano mostrato soprattutto all’inizio della partita. Dopo un primo momento di sbandamento, i ragazzi di Gautieri hanno ripreso il controllo del match e così nessuno ha potuto fermare la partenza del Lanciano, che saluta la Lega Pro senza guardarsi indietro.

Se si potesse scegliere una parola per descrivere la stagione degli abruzzesi, probabilmente molti concorderebbero con il termine “incredibile”. Alla promozione non ci crede ancora nessuno, soprattutto chi aveva condannato all’inizio dell’anno i rossoneri a rincorrere l’obiettivo della salvezza come in un qualche girone dell’Inferno dantesco. Eppure è successo, dopo una cavalcata inaspettata, la Virtus è riuscita a guadagnare fede e rispetto all’interno del girone B, facendo capire alle grandi che avrebbero avuto un’osso duro in più da sgranocchiare. Neanche quando era andato ai playoff si era ritenuto possibile che potesse sconfiggere una squadra preparata e determinata come il Trapani, ma è quello che è successo ed è bene che ce ne facciamo una ragione. 3 goal sono bastati per zittire lo stadio Provinciale e qualsiasi tentativo di protesta, mentre a casa la festa è più che cominciata.

All’inizio di una bella finale, ricca di emozioni, tutto faceva però pensare ad un esito diverso. Il gioco era palesemente controllato dal Trapani, galvanizzato da un tifo incredibile, nello stadio di casa addobbato come un albero di Natale. In uno scenario simile sono bastati 5 minuti per vedere il primo goal, segnato da Gambino. È solo l’inizio e l’atmosfera soffocante si fa sempre più pesante per il Lanciano, che non riesce a reagire e boccheggia, tartassato dalle azioni dei siciliani. Poi arriva la seconda mazzata. Passano solo otto minuti dalla rete del Trapani e Amenta colpisce Gambino mentre la palla è lontana ed è cartellino rosso. I gialloneri, rimasti prematuramente in dieci soffrono le azioni avversarie. Prima un tiro di Abate, finito ad un paio di metri dalla porta del Lanciano, poi il colpo di testa al 20’ di Filippi agguantato da un attento Aridità.

Col passare dei minuti il Trapani rallenta il ritmo, sentendo vicino il risultato storico della serie B. Ma al 28’ la difesa di casa sbaglia la trappola del fuorigioco e Pavoletti ha via libera per consegnare ai suoi il pareggio. Il Lanciano torna a crederci e come molte volte in campionato, anche oggi ha tirato fuori l’orgoglio nel momento più difficile. La crescita è vistosa e al 41’ Volpe tenta addirittura di beffare Pozzato sparando da quaranta metri, ma l’estremo difensore non si fa sorprendere.

Tuttavia è durante la ripresa che il bruco si trasforma in farfalla. I rossoneri tornano in campo con la voglia di vincere e strappano in una decina di minuti il controllo del gioco ai siciliani, che non riescono a reagire e si chiudono quasi da subito nella loro metà campo, forse sperando nel loro vantaggio in classifica. Ma al 66’ Pozzato segna il goal che cambia tutto. È il colpo di grazia per i padroni di casa, che spauriti non riescono più a reagire. E le sostituzioni di Gambino e Sabatino per Callavaro e Mastroilli servono a poco, giusto per fare vedere un ultimo tiro interessante che finisce fuori di poco. Ma è solo un’illusione. Margarita, subentrato a Turchi, stuzzica più volte la difesa avversaria e riesce a sfruttare una disattenzione che gli permette di concludere in rete per il 3 a 1. La partita va avanti senza più molto da dire o da fare, la festa era già incominciata centinaia di chilometri più a nord di Trapani. E nel frattempo anche un’altra outsider, la Pro Vercelli, veniva accolta dalle nuove compagne in serie B. Sì, incredibile è davvero la parola giusta per descrivere questa stagione del Lanciano, che adesso dovrà lottare ancora per stupire e sorprendere se vorrà rimanere in cielo ad una quota così alta.

Nicolò Salvatore

Share Button

One Response to Il Lanciano vola in serie B, Trapani sconfitto per 3 a 1

  1. mar 13 giugno 2012 at 15:45

    VERGOGNA

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *