Simone Viscardi
No Comments

Nba: derby di Los Angeles, tutta Clips la città | Highlights

Nba: I Los Angeles Clippers dominano i concittadini Lakers in un derby a senso unico. Decisivi come sempre Griffin e Paul

Nba: derby di Los Angeles, tutta Clips la città | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Due anticipi serali nella notte Nba, e in uno di questi va in scena il derby di L.A. tra Clippers e Lakers.La supremazia cittadina di Los Angeles quest’anno non è mai stata in discussione, e il derby di ieri sera non ha fatto altro che rimarcare ancora una volta come gli equilibri interni alla metropoli californiana si siano ribaltati nell’arco di pochi mesi. Fin dall’inizio della stagione la classifica ha parlato chiaro, e il precedente di qualche settimana fa, con lo storico 142-94 in favore della squadra di coach Rivers, aveva rappresentato il punto più alto dei Clippers in questa rivalità. Ieri sera è arrivata un’altra gioia per la metà rossoblù di L.A., e l’ennesima delusione di una stagione da dimenticare per quella gialloviola.

Los Angeles Clippers-Los Angeles Lakers 120-97

I Lakers arrivano a pezzi, nel morale e nel fisico, all’ultimo derby stagionale. Coach D’Antoni deve fare a meno di Gasol e Nash, oltre che del lungodegente Bryant. I Clippers si affidano ai soliti noti, Griffin e Paul, per spezzare le resistenze dell’orgoglio gialloviola. Jordan Hill prova a tenere a galla i Lakers, ma la sensazione fin dalla palla a due è che i Clippers possano scappare in qualsiasi momento. Un paio di canestri di Young consentono agli ospiti di mettere il naso avanti, ma all’inizio della seconda frazione si scatena tutta l’atleticità di Blake Griffin, protagonista di un parziale che porta avanti in doppia cifra i padroni di casa all’intervallo. Nella ripresa i Lakers devono fare a meno anche di Bazemore, che va ad allungare ulteriormente la coda in infermeria per un problema al piede destro. Paul inizia a carburare dall’arco, facendo toccare il + 18 ai suoi. Da qui in poi il derby si tramuta in un monologo Clips, dove trova gloria anche Turkoglu. Per i Lakers sconfitta numero 52 in stagione, come non capitava da 40 anni, mentre per i Clippers (55-23) non è ancora detta l’ultima parola per quanto riguarda l’aggancio ai Thunder, al secondo posto della Western Conference.

Clippers: Griffin, Paul 23, Redick 15. Rimbalzi: Jordan 12. Assist: Paul 6, Collison 6.
Lakers: Hill 22 , Young 18, Meeks 17. Rimbalzi: Sacre 10. Assist: Marshall 11.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ES-b_Qa4zS8&list=PLbNueaBoMMnHweUEZk9wgP-VNtwSQhw3s[/youtube]

Simone Viscardi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *