Antonio Fioretto
No Comments

Italians play it better: un Destro da ko

La rubrica settimanale di SportCafe24.com che analizza i migliori giocatori italiani dello scorso weekend, siano essi di Serie A o di campionati esteri. Questa settimana il migliore è Mattia Destro

Italians play it better: un Destro da ko
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Toni e Del Piero con la maglia della Juventus

Toni e Del Piero con la maglia della Juventus

Dicono che il calcio italiano sia finito. Dicono che siamo alla frutta, che non puntiamo sui giovani e che la nostra scuola è ormai superata da Paesi all’ avanguardia come Spagna ed Inghilterra. Dicono, dicono, dicono. Forse, però, non sanno che i nostri continuano a dire la propria in giro per il mondo. Ecco, infatti,  i migliori giocatori italiani dello scorso weekend:

Andrea Raggi (AS Monaco): Gol del 3-1 nella vittoria casalinga dell’ undici di Ranieri contro il Nantes, che consente alla squadra del Principato di tornare alla vittoria. Partita da incorniciare per il difensore ligure ex Bologna.

Antonio Candreva (Lazio): Capocannoniere stagionale della Lazio con 9 reti. L’ultima delle quali ha piegato le gambe alla Sampdoria dell’ ex Miahjlovic. Gol facile facile su assist al bacio del baby prodigio Keita. Il ruolo di esterno offensivo nel 4-3-3 di Edy Reja sembra essergli cucito addosso. Si candida prepotentemente per un posto ai Mondiali in Brasile.

Graziano Pellè (Feyenoord): Diciamocelo. Una topica tutta italiana. In Olanda, Pellè sigla il 24esimo e 25esimo gol stagionale in 20 partite. In totale, 63 gol fatti (14 con l’AZ e 49 col Feyenoord). Ancora decisivo con la doppietta che stende l’ RKC.

Alessandro Del Piero (Sydney FC): Dicono che alla Zingarelli si stiano adoperando per trovare nuovi aggettivi. Doppietta (rigore e punizione. i marchi di fabbrica) e assist nel 4-1 che stendono il Wellington. Il calcio continua ad aver bisogno di lui.

Mattia Destro (Roma): “Grazie!”. Così ha risposto Mattia Destro all’ arbitro Massa, che pochi secondi prima gli aveva dato il pallone. Destro se l’è portato a casa, tenendolo sotto braccio come un trofeo. Il tutto grazie alla splendida tripletta (prima in carriera) che ha steso il Cagliari. Non fosse per un pugno ad Astori, sarebbe stata la giornata perfetta.

Luca Toni (Hellas Verona): Nessuno come lui nella storia del Verona. 16 gol in una stagione con la maglia scaligera non l’aveva mai fatti nessuno. L’ultimo, poi, è la ciliegina sulla torta: il sinistro vincente che regala 3 punti e la vittoria del derby col Chievo. Manca solo un Lucano…

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *