Simone Gianfriddo
No Comments

Liga: doppio Messi e Figueras, il Barça vince ma non convince

Il Barcellona soffre ma vince contro il fanalino di coda Betis Siviglia; per i blaugrana doppietta di Messi e un autogoal del disastroso Figueras, nel mezzo goal andaluso targato Castro. Pur non brillando la compagine catalana tiene il passo dell'Atletico Madrid, rimanendo a -1 proprio dai Colchoneros

Liga: doppio Messi e Figueras, il Barça vince ma non convince
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Jordi Figueras, Lionel  Messi; protagonisti nel bene e nel male  di Barcellona-Betis

Jordi Figueras, Lionel Messi; protagonisti nel bene e nel male di Barcellona-Betis

Il Barcellona vince ma non convince contro il sempre più ultimo Betis Siviglia, ancora una volta davvero sfortunato. Per i padroni di casa ci pensano Messi, arbitro e Figueras a decidere un match a  tratti dominato dagli andalusi bianco verdi. Per il Tata Martino le uniche consolazioni arrivano da risultato e conseguente classifica, che vede proprio i blaugrana rimanere a -1 dall’Atletico Madrid, vincente contro il Villarreal questo pomeriggio.

IL BETIS FA IL BARCELLONA AL CAMP NOU – I primi 45′ vedono gli ospiti tenere molto bene il campo pur essendo privi di due potenziali armi offensive come Castro e Molina, fatti partire dalla panchina dal tecnico Calderon. I biancoverdi vanno però sotto al 13′ per un rigore procurato da Figueras , il quale  stende l’ex Udinese Sanchez, protagonista di una irresistibile serpentina in area di rigore; dal dischetto va Messi che mette a segno il suo 24esimo goal nella Liga. Gli andalusi però non si lasciano sopraffare dallo sconforto e si rendono pericolosi in 3 occasioni con Vadillo che non riesce a centrare il bersaglio grosso; il Barça è  in difficoltà e solo il fischio che sancisce la fine del primo parziale lo salva dalle sortite ospiti.

FIGUERAS E ARBITRO CHIUDONO CHIUDONO IL MATCH – Il secondo tempo pare iniziare meglio per i padroni di casa che vanno vicini al raddoppio con Xavi che al 51’scheggia la traversa dopo aver calciato una punizione da buona posizione. Poi è solo Betis; ancora Vadillo e due volte il mastodontico N’Diaye sfiorano il pareggio, senza però trovare fortuna. L’aspetto sorprendente è proprio la stradominanza fisica ed atletica che il Betis esercita sui più blasonati avversari. Gli uomini di Calderon però peccano di scarso cinismo e , come spesso è accaduto in questa stagione, sono vittime della sfortuna che li condanna al 68′ quando Figueras  è protagonista di una fantozziana autogoal che permette al Barcellona di condurre 2 a 0. Tutto finito? Neanche per scherzo; il neo entrato Castro al 69′ accorcia le distanze con un diagonale imparabile per Pinto confermando la scetticismo attorno alla scelta del suo tecnico di non schierarlo dall’inizio. Il Betis prende ancora maggiore coraggio e prova una costante pressione offensiva ben controllata dalla difesa avversaria. Al 85′ ecco l’episodio che chiude il match: Amaya tocca in maniera dubbia di mano su cross di Neymar e l’arbitro senza esitazione indica il dischetto su cui va Messi, che prima sbaglia ma poi ribatte in rete. I dubbi sulla scelta del direttore di gara rimangono, ma la sostanza del match non cambia; il Barcellona, pur non brillando, incassa 3 punti fondamentali per non perdere di vista la capolista Atletico Madrid, che dista un solo punto.

TABELLINO 

Barcellona (4-3-3): Pinto, Alves, Mascherano, Bartra, Adriano; Busquets, Xavi (88’ Song), Iniesta ( 79’ Fabregas); Pedro ( 79’ Neymar), Messi, Sanchez Allenatore: “Tata” Martino

Betis (4-3-3): Adán; Juanfran, Amaya, Jordi, Juan Carlos; N’Diaye, Lolo Reyes, Nono; Cedrick (61’ Castro), Vadillo (61’ Molina), Baptistao (82’ Rodriguez) Allenatore: Calderon

Arbitro: Eduardo Prieto

Marcatori: 15’ rig. Messi, 86’ Messi, 67’ aut. Figueras; 68, Castro

Note: Ammoniti: Amaya, Reyes

Simone Gianfriddo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *