Sebastian Mongelli

Campionato Primavera: i giovani dell’Inter battono la Lazio e si laureano campioni

Campionato Primavera: i giovani dell’Inter battono la Lazio e si laureano campioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

GUBBIO, 10 GIUGNO 2012 – E’ l’Inter a portarsi a casa il titolo di Campione Primavera 2011/2012, sotto gli occhi di circa 5000 tifosi giunti a Gubbio per godersi una partita ricca di emozioni, a scapito di una Lazio che comunque esce a testa alta dal torneo. Le reti di Livaja, Garritano e Longo per i neroazzurri e di Barreto e Onazi per i biancocelesti.

PRIMO TEMPO – I neroazzurri partono col piede sull’acceleratore, e si portano subito in vantaggio al 3′ con Livaja che a causa di un appoggio corto di Zampa per Berardi, anticipa l’estremo difensore biancoceleste mettendo a segno la più facile delle marcature. La Lazio accusa il colpo ma dal 25′ minuto reagisce con le occasioni per Barreto e Rozzi ben neutralizzate dall’estremo difensore interista. La Lazio comincia a giocare come sa e tiene il pallino del gioco, tant’è che sfiora le rete più volte con Emmanuel. I nerazzurri dopo aver studiato bene l’assetto tattico biancoceleste cercano il raddoppio in contropiede sempre con Livaja ben supportato da Garritano (da poco in campo per aver sostituito l’infortunato Bessa). Il pallino del gioco passa nelle mani dell’Inter che abbassa il ritmo di gioco, forse anche a causa dei 122′ giocati in semifinale col Milan, ma proprio all’ultimo respiro la Lazio agguanta il pareggio con un’incornata di Barreto servito in area da Rozzi. Arriva il duplice fischio dell’arbitro che mette termine alla prima frazione di gioco sul risultato di 1-1.

SECONDO TEMPO – Il secondo tempo comincia esattamente come era cominciato il primo, subito in gol i nerazzurri al 4′ minuto con Garritano che approfitta di un’ulteriore sbandata difensiva biancoceleste e di testa con un tap-in su traversa di Livaja mette la palla in rete. La reazione della Lazio tarda ad arrivare, e al 68′ Samuele Longo dopo una discesa sulla destra si libera facilmente di Vilkaitis e conclude tra le gambe di Berardi siglando il 3-1. La reazione biancoceleste arriva troppo tardi, infatti all’89′ Onazi accorcia le distanze con un tiro a giro dai 20 metri, niente da fare per l’estremo difensore neroazzurro, 3-2. Nonostante i 5 minuti di recupero, i neroazzurri riescono a tener duro fino all’ultimo secondo portandosi a casa il secondo titolo stagionale, dopo la conquista della Next Gen Series, la Champions League giovanile.

a cura di Sebastian Mongelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *