Redazione

Italia-Spagna è l’ora della verità. Ecco le formazioni

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A sorpresa Del Bosque esclude dai titolari Torres

DANZICA, 10 GIUGNO – Italia-Spagna, è l’ora della verità. Ecco le formazioni a mezz’ora dall’inizio del match. Per l’Italia: Buffon, Chiellini, De Rossi, Bonucci, Giaccherini, Marchisio, Pirlo, Thiago Motta, Cassano, Balotelli.

La Spagna schiererà: Casillas, Arbeloa, Ramos, Pique, Alba, Xabi, Alonso, Iniesta, Fabregas, Silva, Xavi. A sorpresa fuori Torres

Ci siamo, fuori le polemiche, fuori gli scandali, alle 18 stasera per 90 minuti sarà solo calcio giocato, almeno speriamo: Italia contro Spagna, undici contro undici. Poi ovviamente le polemiche e gli scandali ritorneranno e gli esperti dibatteranno e chiederanno quanto abbiano inciso sulla prestazione degli azzurri. Anzi potrei anche scommettere già da ora che se la partita dovesse mettersi male gli stessi esperti non aspetteranno la fine della gara per sentenziare sullo stato psicologico dei giocatori minato da calcio scommesse, tabaccherie e affini.

Ma noi poveri appassionati di pallone e di maglia azzurra faremo finta di non sentirli e continueremo a gioire e soffrire come si fa sempre quando gioca la squadra del cuore. Forse un po’ dovremmo anche pregare, perché la Spagna che incontreremo stasera è davvero forte. “Sono loro i favoriti. La Spagna è più forte” ha dichiarato Prandelli “la squadra da battere, per continuità di gioco e rendimento consolidato”. E a noi manca proprio la continuità di gioco. La Spagna di stasera sarà più o meno la stessa che vinse il mondiale due anni fa, compreso l’allenatore Del Bosque. “La Spagna gioca sempre nello stesso modo, poche squadre riescono a contrastarla, questa è la sua forza. Ha un gioco codificato, indipendentemente da chi scende in campo” ha riconosciuto mister Prandelli. E Buffon gli fa eco ricordando che “Nel calcio quasi sempre vincono i più forti, ogni tanto vincono quelli bravi. Speriamo di essere più bravi della Spagna”. Stasera ci vuole un’Italia tosta, “servono uomini veri”, perché gli spagnoli bravi “sono tanti e così forti” che non si possono neanche paragonare agli azzurri “per rispetto a loro” riconosce Buffon. E non possiamo neanche affidarci a quel 2 a 1 di Bari perché “di quella vittoria rimane poco, il calcio è veloce e cambia tutto. Non abbiamo guardato quelle immagini di proposito”, giura Prandelli. Ma le “sensazioni sono buone” tant’è che il mister è riuscito anche a fare un pisolino: “ho dormito come un bambino che ha fatto i compiti e sta bene. Sono contentissimo”, nonostante i problemi tattici e la mancanza di uomini in difesa che costringono il mister a schierare De Rossi centrale difensivo. “Non è un grande cambiamento” , il romanista, continua il mister “e’ molto molto convinto. Non dovrà fare il difensore, ma il centrocampista in quella zona del campo”. Difficoltà a parte gli azzurri mostrano tutti di non aver paura. Le buone intenzioni non mancano. “Vogliamo partire” bene ha dichiarato Maggio. E Buffon promette che ci stupiranno, “c’è consapevolezza e convinzione, dove ci porteranno lo vedremo”. Noi speriamo più avanti possibile.

PRANDELLI CONTA SU CASSANO E BALOTELLI – Mister Prandelli conta molto sulla qualità di Cassano e Balotelli. “Sono giocatori che possono determinare le partite, ma deve essere brava anche la squadra ad accorciare”.

GIACCHERINI DALL’INIZIO – Lo juventino giocherà dall’inizio. Lo ha rivelato Prandelli pochi minuti fa. “Vogliamo far la nostra partita. L’Italia capace di difendere in 10 e di attaccare con tanti giocatori”, continua il mister. Svelata anche una delle probabili tattiche per vincere gli spagnoli: palla lunga a scavalcare il centrocampo. In fondo l’unica tattica che ha permesso a Mourinho di vincere gli undici del Barcellona. “Potrebbe capitare anche stasera” ha detto Prandelli “l’importante è offendere quando hai palla, bisogna sfruttare ogni momento”

a cura di Francesco Di Santi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *