Jacopo Gino
No Comments

Chivu, addio all’Inter e ritiro: possibile futuro nella Federcalcio rumena

Il centrale rumeno risolve il contratto con il club nerazzurro e si ritira dal calcio giocato. Possibile futuro nella federazione del suo Paese o come manager in qualche club

Chivu, addio all’Inter e ritiro: possibile futuro nella Federcalcio rumena
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chivu dice ufficialmente addio all’Inter e al calcio giocato. Il problema al piede non si risolve, nonostante più di due anni di calvario e operazioni negli Stati Uniti. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri sul sito del club nerazzurro, condito con tanto di lettera a cuore aperto del centrale ex Roma ai suoi tifosi. Se ne va un altro pezzo del Triplete interista, che saluta dopo 7 anni di onorata carriera. Per lui possibile un futuro come dirigente nella Federcalcio rumena, anche se non è da escludere un ruolo da procuratore sportivo. Di seguito riportiamo la lettera scritta dal difensore, comparsa nella giornata di ieri sul sito dell’Inter.

“Sono felice e triste allo stesso tempo, sto ridendo e piangendo e ho un incredibile senso di soddisfazione che le parole non riescono a descrivere. Il calcio mi ha offerto qualcosa che sarà con me per sempre. Mi ha insegnato il significato della passione e mi ha insegnato cosa sono il coraggio e il sacrificio. Hanno costruito un ponte tra sogno e realtà. So chi sono e cosa sono, so cosa ho ottenuto, come l’ho ottenuto e tutto quello che posso dare è che è stato un viaggio che mi ha messo alla prova. Ma durante questo viaggio non ho mai abbandonato i miei sogni. Non ho mai abbandonato la battaglia con le sfide che mi ha presentato il destino. Ho affrontato queste sfide con la forte convinzione che avrei avuto successo, che sarei andato avanti, che un giorno avrei guardato i miei figli e loro mi avrebbero ringraziato con un abbraccio. Niente di più”.

“Ringrazio i miei genitori per la buona educazione che mi hanno insegnato. Ventiquattro anni fa mi sono imbarcato in questo fantastico viaggio, incoraggiato dall’uomo che è stato il mio modello e la mia fonte di ispirazione. Ci ha lasciato otto anni dopo e ho pensato fosse finita per me. Avevo 17 anni. Quell’uomo era mio padre, il mio allenatore, il mio amico ma anche il mio più grande critico”.

Chivu alza al cielo la Champions League

Chivu alza al cielo la Champions League

“E’ la prima persona a cui vorrei dire grazie, perché durante la mia carriera ho sempre sentito la sua presenza. Ho sempre cercato di essere come lui: dignitoso, coraggioso, ambizioso, corretto, proprio come mi ha insegnato. Ho cercato soprattutto di essere  un uomo, prima di essere qualcuno. Avevo bisogno di mio padre più di quanto chiunque possa immaginare, forse anche più di quanto io immaginassi, durante questo viaggio”.
“Un grande grazie va anche ai miei allenatori: quelli che hanno visto il mio debutto nel calcio, così come quelli con cui ho lavorato durante la mia carriera e che sono stati una continua ispirazione per me”
“Ringrazio tutti i club per cui ho giocato, prima per la loro fiducia e poi perché mi hanno offerto la possibilità di crescere in diverse città e paesi, che mi hanno aiutato a diventare una persona migliore. Ringrazio tutti i tifosi delle squadre per cui ho giocato. Senza la loro passione e il loro supporto non avremmo potuto raggiungere le vittorie che abbiamo raggiunto. Ho sempre onorato e rispettato la storia e la tradizione dei club per cui ho giocato”.

“Grazie allo staff medico, ai dottori e ai fisioterapisti, per avermi offerto comprensione e supporto morale, per non aver mollato nonostante io detenga forse il record per gli infortuni. Permettemi un ringraziamento speciale per il mio dottore e amico Franco Combi. Se non fosse stato per lui, non sarei qui a scrivere”.

“Grazie a tutti coloro che lavorano dietro le quinte, che svolgono un ruolo importante in una squadra di calcio: persone che ci sono vicine, che interagiscono con noi e che cercano di soddisfare ogni nostro capriccio: cuochi, magazzinieri e tutto il personale. Grazie con  il mio rispetto e la mia ammirazione. E arrivederci dopo tanti buongiorno”.

“Ho incontrato molti giocatori durante la mia carriera. Vorrei ringraziarli per il rispetto e vorrei dire loro che è stato un privilegio essere loro compagno e loro partner in tante battaglie, condividendo sconfitte e vittorie. Sarete sempre nel mio cuore. Soprattutto, mi mancherà lo spogliatoio”.

“E poi, non ultima, vorrei ringraziare mia moglie, Adelina. Ha rinunciato ai suoi sogni per essere con me, siamo cresciuti insieme lontani da casa e insieme abbiamo superato le avversità. Mi ha capito e appoggiato nei momenti duri. Mi ha offerto amore, pace e una famiglia, quella che ho sempre sognato. Ringrazio le mie due figlie, Anastasia e Natalia, che hanno fatto sì che io non fossi mai triste e che io dimenticassi la tristezza in un istante. Loro, e mia moglie, valgono più di qualsiasi successo professionale”.

“Sono entrato nel mondo del calcio come un ragazzo, un sognatore con tanta ambizione – lo lascio con i capelli grigi, qualche cicatrice e la convinzione che il mio cuore sia dove debba essere, anche se ho sempre dato tutto per le squadre con cui ho giocato. Papà, spero tu sia fiero dell’uomo che sono diventato. Questa è la fine di un viaggio e l’inizio del resto della mia vita”.

Jacopo Gino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *