Luca Porfido
No Comments

L’Orlando City pronto a strappare Kakà al Milan

Il giornale AS e le parole di Galliani "senza Champions può partire", allarmano i tifosi rossoneri, che potrebbero veder partire Kakà per la seconda volta

L’Orlando City pronto a strappare Kakà al Milan
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’ultima bomba di mercato, questa volta targata AS (il giornale sportivo spagnolo), riguarda Kakà: Secondo le ultime indiscrezioni, il talento ex Real Madrid avrebbe già raggiunto l’accordo verbale con la squadra dell’Orlando City (che nel 2015 entrerà nella Major League Soccer, cioè il massimo campionato di calcio negli USA).

L’AMICO RICCO – L’allarme per i tifosi rossoneri è arrivato in seguito ad un messaggio su Facebook del magnate brasiliano Flavio Augusto da Silva (amico di Kakà e proprietario del club): “Presto annunceremo una notizia di grande impatto per Orlando City. Chiaro che, da questa semplice frase, sarebbe assurdo ed impensabile dedurre che la trattativa sia già stata portata al termine, anzi sarebbe impossibile anche pensare che il riferimento sia proprio al trequartista rossonero.
Come diceva Agatha Christie, però, “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. La coincidenza, neanche a farlo apposta, risale allo scorso sabato, quando Galliani dichiarò che “Il suo contratto scade nel 2015, ma c’è la possibilità che lasci prima senza la Champions”.

VOGLIA DI USA – Peccato però per quel “Nel futuro mi vedo negli Usa”, dichiarazione dello stesso Kakà che, quindi, va a diventare il terzo indizio e, quindi, la prova che forse qualcosa di vero in quello che riferisce il giornale sportivo spagnolo c’è.

Certo che, all’indomani di alcune dichiarazioni di Maldini, che avevano, tra le altre cose,  puntato la luce dei media sugli stipendi faraonici elargiti da Galliani, anche la dicitura “4 milioni netti” vicino il contratto di Kakà potrebbe far pensare che al pallone d’oro non dispiacerebbe chiudere la carriera con un ultimo contratto milionario. “Io qui sto bene e voglio restare. Ma non è una questione di soldi” ci tiene a chiarire il trequartista rossonero.

ROBINHO E MEXES SACRIFICATI – Una possibilità, tuttavia, per trattenere Kakà, che comunque da un punto di vista carismatico e di spogliatoio è forse l’uomo più importante in casa Milan, ci sarebbe: Se la società rossonera riuscisse a liberarsi sia dei contratti di Robinho (3,5 milioni netti), e Mexes (4 milioni netti), più altri uomini che non rientrerebbero nei piani di Seedorf, i soldi per il “figliol prodigo” ci sarebbero, ricordando sempre che lo stesso Kakà aveva deciso, questa estate, di decurtarsi lo stipendio da 10 a 4 milioni.

Luca Porfido

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *