Walter Molino

Euro2012, Girone B: Le pagelle di Olanda-Danimarca

Euro2012, Girone B: Le pagelle di Olanda-Danimarca
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Krohn-Dehli, Match Winner della gara

OLANDA 

Stekelenburg 5 – Non una partita impegnativa per il portiere della Roma, visto che si trova a dover fronteggiare pochissime offensive da parte dei danesi. L’unico errore è proprio quello sul goal quando il tiro di Krohn-Dehli gli passa sotto le gambe.

Van Der Wiel 4.5 – Pessima la gara del terzino destro dell’Ajax che fa acqua da tutte le parti ed in attacco non si vede praticamente mai, c’è bisogno di un apporto diverso dalla sua parte.

Heitinga 5 – Tutta la retroguardia olandese non brilla oggi, in particolare il difensore dell’Everton. Molto male nell’occasione del goal quando si fa scappare l’ala danese.

Vlaar 4.5 – Prestazione sottotono anche per l’altro stopper “oranje” che davvero non fa nulla per meritarsi la sufficienza: gioca sempre basso e non è mai aggressivo.

Willems 6 – Avendo 18 anni, giocatore più giovane del torneo, dice sicuramente la sua. Qualche sbavatura in difesa, si fa vedere anche in attacco ed addirittura il primo tiro olandese è frutto di una sua iniziativa personale, quando scocca un gran tiro da fuori area. Il giovanotto del PSV mostra personalità, potrebbe essere una delle sorprese dell’Europeo.

De Jong 5 – Male in fase di filtro e lento nell’impostare la manovra. Se Eriksen non si vede molto non è di certo merito suo, ma della non-giornata dell’avversario. Di certo questa prestazione non farà alzare la sua quota mercato.

Van Bommel 4.5 – Solita partita ruvida per il Milanista, che si becca anche un giallo nel finale. Neanche lui riesce ad impostare la manovra, costringendo la sua squadra ad andare subito sulle fasce o a Sneijder di abbassarsi per quello che può. La fase di interdizione in questa gara è stata a dir poco insufficiente

Robben 5 – Di certo la sua partita non è del tutto negativa. Qualche lampo di genio si vede, ma è ancora poco. Non dribbla mai con convinzione l’uomo sulla fascia come siamo abituati a vedere e il piede non è caldo abbastanza oggi.

Sneijder 5 – E’ la media tra primo e secondo tempo. Nella prima frazione di gara, nessuna luce, con il gioiello dell’Inter che non sembra in partita. Nel secondo tempo fa il possibile per riprendersi e sforna qualche buon assist per i compagni non sfruttato.

Afellay 6 – E’ incredibile come quest’ala che nel Barcellona non ha giocato praticamente mai quest’anno, in questa gara sia uno dei pochi a salvarsi. Diversi tiri e iniziative personali, anche se non è mai coinvolto nella manovra corale.

Van Persie 5 – L’obiettivo di mercato della Juventus, oggi, non ha di certo brillato: diverse conclusioni errate ed occasioni gettate al vento, c’è bisogno di tutt’altro cinismo per l’Olanda.

Van der Vaart e Huntelaar 5.5 – Poco tempo per essere giudicati, entrano entrambi quando la situazione è già tragica: cercano di fare il possibile ma senza buoni esiti.

Kuyt sv

DANIMARCA

Andersen 7 – Bravo e fortunato a difendere la propria porta dai seppur sporadici attacchi olandesi. Non doveva neanche giocare, ma l’infortunio di Sorensen, portiere titolare, lo costringe a difendere i pali della sua nazionale. Ottimo esordio.

S. Poulsen 7 – Se la cava benissimo non dando a Robben tante chance di attaccare. Per di più si spinge anche tantissimo in attacco giocando molto avanzato: da una sua iniziativa nasce il goal della Danimarca.

Kjaer 6 – Partita sufficiente del calciatore della Roma. Non è mai facile giocare bene in una manifestazione del genere dopo una brutta annata con la propria squadra di club. Di certo l’attacco avversario non era in giornata, ma Simon ci mette il suo.

Agger 7.5 – Il migliore in campo dei suoi. Dalla parte del difensore del Liverpool non si passa praticamente mai. E’ un baluardo inespugnabile, mostra sicurezza su ogni palla. Magari ieri sera non avrà dormito sonni tranquilli pensando di dover fronteggiare Robben, Sneijder e Van Persie ma questa notte dormirà sicuramente sereno e soddisfatto della sua enorme prova.

Jacobsen 6.5 – Bene anche il terzino destro. Il calciatore del Copenaghen gioca sui due lati del campo cercando di dare un apporto offensivo. Non precisissimo sui cross, ma come prima gara anche lui può ritenersi soddisfatto.

Kvist 5 – Uno dei peggiori della Danimarca: non entra in partita, fa diversi falli e perde qualche palla. In linea mediana non ha saputo tenere alta la bandiera della sua squadra.

Zimling 6 – Non inizia benissimo, ma nel corso della partita si fa valere. Filtra ottime palle in avanti per i compagni e con parecchi contrasti spegne ogni sogno olandese di rimonta.

Eriksen 5 – Delude tantissimo il gioiellino dell’Ajax classe 92. Non entra praticamente mai in partita, e tocca pochissimi palloni. Forse è il modo di giocare della sua squadra che non gli permette di esprimersi, ma ci si aspetta ben altro da lui.

Rommedahl 6 – Partita sufficiente per l’ala del Brondby, anche se il suo apporto offensivo non è così determinante. A tratti sparisce, ma fa comunque una partita ordinata.

Krohn-Dehli 7 – Una rivelazione per la Danimarca. Bravo anche a coprire, si trova sempre al fianco di Poulsen per aiutarlo contro Robben. Il vantaggio nasce da un suo spunto geniale in attacco.

Bendtner 6 – Non eccellente la gara dell’attaccante dell’Arsenal, che si limita a far salire la squadra e a tentare di giocare il pallone al meglio. Non è quasi mai pericoloso di fronte a Stekelemburg.

Schone 6 – Entra nel finale e mette ancora più ordine alla squadra. Non rischia mai e cerca sempre il passaggio facile.

Mikkelsen sv

A cura di Walter Molino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *