Pietro Tola
No Comments

Serie A Beko: Cantù vince il derby con un grande Aradori

L'Acqua Vitasnella Cantù vince il derby lombardo contro la Cimberio Varese nell'anticipo della 10a giornata di Lega A Beko. Grande prova di Pietro Aradori

Serie A Beko: Cantù vince il derby con un grande Aradori
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
pietro aradori

Pietro Aradori trascina Cantù contro Varese

L’Acqua Vitasnella Cantù rispetta il pronostico e porta a casa il derby lombardo contro la Cimberio Varese, anticipo della 10a giornata della Lega A Beko con il punteggio di 84-68.

I padroni di casa, in un Pianella stracolmo, recuperano in extremis la stella Pietro Aradori che, pur partendo dalla panchina, sfoggia una delle sue grandi prestazioni (25 punti, 4 assist e 5 rimbalzi) e contribuendo alla grande al successo finale.  Sugli scudi anche Joe Ragland che nei 27′ in campo ha collezionato 16 punti, 5 assist e 22 di valutazione. A Varese, assente il play Clark, deludono Polonara e De Nicolao (solo un punto per entrambi) mentre qualcosa di buono arriva da Ere e l’ex Scekic (10 rimbalzi). Con questa vittoria i canturini sorpassano Brindisi e si piazzano per una sera al secondo posto, a quatto punti dall’imbattibile Milano.

La partita si apre con una Cimberio già in palla che impone il proprio gioco a Cantù, grazie alla verve di Polonara e Scekic. I padroni di casa reagiscono e, presi per mano da Ragland, riescono a chiudere il primo quarto in vantaggio 15-14. Nel secondo periodo ancora buone cose dagli ospiti che piazzano un mini break di 5-0. Poi ci pensano Leunen e ancora Ragland ad attivare l’attacco canturino per l’allungo (sul 29-24) che inizia a fiaccare una Cimberio troppo imprecisa al tiro. Uter inchioda una schiacciata perentoria a fil di sirena e fissa il risultato sul 35-26 all’intervallo. Alla ripresa del gioco 8 punti consecutivi di Jenkins e Leunen che portano Cantù al massimo vantaggio (43-28). Anche Aradori entra nel vivo della gara, nel bene e nel male perché proprio un suo fallo tecnico a metà del terzo periodo sembra dare qualche speranza agli ospiti. Dal 48-32 della speranza si arriva all’impietoso 63-43 con cui si chiude il quarto. L’ultimo periodo è all’insegna del garbage time e di Pietro Aradori che infierisce su Varese dimostrando di essere tornato in forma dopo l’infortunio di settimana scorsa. Alla sirena finale il tabellone dice 84-68.

Tabellino:

Acqua Vitasnella Cantù: Abass 4 (2/4), Jones, Uter 10 (5/7), Rullo, Leunen 7 (2/4, 1/2), Jenkins 5 (1/1, 1/1), Marconato, Ragland 16 (1/5, 2/5), Aradori 25 (4/8, 3/4), Cusin 6 (3/5), Gentile 11 (4/6, 1/2).

All. Sacripanti.

Cimberio Varese: Scekic 12 (5/11), Sakota 11 (3/5, 1/8), Rush 7 (2/3, 1/1), Banks 17 (3/8, 2/2), De Nicolao 1 (1/2 ai liberi), Testa ne, Johnson ne, Balanzoni ne, Mei 3 (1/1), Ere 16 (3/7, 2/4), Polonara 1 (1/2 ai liberi).
All. Bizzozi.

Parziali: 15-14; 20-12; 28-17; 21-25.

Note: Rimbalzi: Cantù 30 (Aradori 5), Varese 36 (Scekic 10); Assist: Cantù 16 (Ragland 5), Varese 12 (Banks 5).

Pietro Tola

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *