Davide Luciani
No Comments

Fiorentina, non resta che la Coppa Italia per salvare la stagione

Con il terzo posto definitivamente sfumato, alla Fiorentina non resta che la Coppa Italia per salvare una stagione nata con ben altre prospettive

Fiorentina, non resta che la Coppa Italia per salvare la stagione
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Matri, tra gli imputati della crisi della Fiorentina

Matri, tra gli imputati della crisi della Fiorentina

La sconfitta della Fiorentina  con il Milan ha di fatto posto fine al sogno di agguantare il terzo posto, dato che il Napoli, vincendo a Catania, ha riportato a 10 i punti di vantaggio sulla viola. La squadra di Montella ha gli stessi punti dello scorso anno, ma, allora i punti di ritardo rispetto al terzo posto, occupato dal Milan, erano sei. Questo significa che, mentre la Fiorentina ha mantenuto lo stesso andamento, davanti l’asticella si è alzata parecchio.

ROSSI-GOMEZ E L’ENIGMA MATRI – Certo, la storia sarebbe stata diversa se Montella, invece di Matri, avesse potuto schierare per tutta la stagione la coppia Rossi-Gomez, come era nei piani d’inizio estate. Anche ieri, Matri contro la squadra che ne detiene ancora il cartellino, si è rivelato imbarazzante, facendo aumentare il rammarico dei tifosi per le assenze della coppia dei sogni. Alla Fiorentina manca terribilmente un leader offensivo in grado di caricarsi la squadra sulle spalle e concretizzare le azioni costruite dal centrocampo. Matri si sta rivelando una zavorra insostenibile per questa squadra. Montella continua a difenderlo, ma è chiaro che il tecnico non può fare altro, visto che l’ex rossonero è l’unico attaccante in rosa.

DIFESA BALLERINA – Altro problema della Fiorentina rimane la difesa. Al “Franchi”, Gonzalo Rodriguez e compagni hanno incassato 21 reti. Il Catania ultimo in classifica, per dire, in casa ha incassato 20 gol. Solo Cagliari, Livorno e Sassuolo hanno incassato più gol tra le mura amiche. Una squadra che vuole diventare grande non può essere tanto vulnerabile tra le mura amiche.  Più che un problema di reparto, quello viola è un problema di personalità, dato che in trasferta, i gol presi sono stati appena 12 , terzo reparto difensivo dopo Roma e Juventus. Montella deve riflettere parecchio su questo dato perchè è da qui che passa il processo di crescita della squadra. Sembra quasi che in casa, la Fiorentina, invece che essere spinta dal suo pubblico, ne sia frenata. Occorre migliorare questo aspetto se la squadra vuole puntare in alto.

TRA COPPA ITALIA E MERCATO – A questo punto non rimane che la Coppa Italia per salvare la stagione, dato che, perfino il quarto posto sembra in bilico con l’Inter che si trova a quattro punti, ma deve giocare questa sera contro l’Udinese. Pradè è comunque già al lavoro sul mercato per dare alla squadra quei rinforzi necessari ad operare il salto di qualità. Ieri, proprio di mercato ha parlato Pradè chè ha svelato come la Fiorentina sia alla ricerca di un “grande difensore e di un grande centrocampista” per la prossima stagione. Il tutto con l’intenzione di centrare quel benedetto posto Champions che ormai, sfugge da troppo tempo e necessario anche per ottenere quegli introiti economici che solo la “Coppa dalle grandi orecchie” può garantire.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *