Giuseppe Landi
No Comments

Nba: Durant trascina Oklahoma, Spurs ok | Highlights

35esima gara con almeno 25 punti messi a segno da Durant, col record di Jordan vicino. Per i Sixers crisi senza fine: giovedì potrebbero eguagliare il record negativo dei Cavaliers

Nba: Durant trascina Oklahoma, Spurs ok | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dieci gare Nba giocate nella notte. Analizziamo Oklahoma-Denver e San Antonio-Philadelphia.

OKLAHOMA CITY THUNDER – DENVER NUGGETS 117-96

Nonostante l’assenza di Westbrook Okc riesce comunque a battere i Nuggets con Kevin Durant che mette a segno 25 punti nei primi tre quarti, allungando questo record a 35 gare, a -5 da Jordan. Il sostituto della guardia dei Thunder, Reggie Jackson, si comporta benissimo con i suoi 16 punti e 11 assist, segnando anche quattro triple, due di fila. Al termine del primo quarto i padroni di casa sono in vantaggio di 19 lunghezze, e nel primo tempo ipotecano la vittoria segnano ben 72 punt. Denver nella ripresa prova a reagire, ma pesano le assenze di Chandler e Hickson. I Thunder controllano la partita fino alla sirena, chiudendo sul +21.

Oklahoma City: Durant 27, Butler 23, Jackson 16, Ibaka 15, Adams e Collison 10. Rimbalzi: Ibaka 7. Assist: Jackson 11.

Denver: Lawson 25, Miller e Mozgov 12, Faried e Foye 11. Rimbalzi: Faried 11. Assist: Lawson 7.

[youtube]http://youtu.be/91ayFXlclc0[/youtube]

SAN ANTONIO SPURS – PHILADELPHIA 76ERS 113-91

Tutto facile per gli Spurs, che davanti al proprio pubblico battono Philadelphia. San Antonio prende subito in mano il pallino del gioco e porta a casa la 14esima vittoria consecutiva, condannando invece i Sixers al 25° ko di fila. Quest’ultimi giovedì potrebbero eguagliare il record negativo dei Cavs della stagione 2010-11. Gli Spurs vincono ugualmente senza Parker, Green e Splitter, tenuti a riposo da coach Popovich. Philadelphia nel primo quarto resta in partita, provando a mettere in difficoltà i padroni di casa con Carter-Williams, ma Duncan e Ginobili non ci stanno. Poi entra Belinelli e i Sixers si arrendono, con l’azzurro che contribuisce al parziale di 14-0 piazzato in avvio di secondo quarto. Infatti Belinelli si fa notare non solo sotto canestro, ma anche sfornando assist per i compagni come sulla sirena dell’intervallo quando serve Duncan per il canestro del +16 (60-44). Nella ripresa Philadelphia si riporta a -10 con ancora Carter-Williams e James Anderson, ma un Daye in grande spolvero permette agli Spurs di chiudere definitivamente la partita.

San Antonio: Daye 22, Duncan 19, Leonard e Mills 15, Belinelli 9. Rimbalzi: Joseph 7. Assist: Diaw 7.

Philadelphia: Young e Carter-Williams 17, Mullens 15. Rimbalzi: Mullens 8. Assist: Anderson 6.

[youtube]http://youtu.be/NEDQh-h1FkM[/youtube]

Giuseppe Landi (@Beppe_SC24)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *