Redazione

Apre Lewandowski, chiude Salpingidis: Polonia e Grecia pareggiano la gara iniziale

Apre Lewandowski, chiude Salpingidis: Polonia e Grecia pareggiano la gara iniziale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L'attaccante della Grecia Dimitrios Salpingidis

VARSAVIA, 8 GIUGNO – Dopo una pittoresca e favolosa coreografia il sipario su Euro 2012 può finalmente alzarsi. Dopo giorni di attesa la kermesse è stata aperta dalla Polonia padrona di casa che pareggia contro una Grecia quadrata ma sprecona. Due espulsioni e un rigore sbagliato in una gara decisa da due errori grossolani commessi dai portieri. La Polonia sciolta fino all’1-1 si è poi dimostrata compassata e butta al vento una buona occasione. La Grecia una volta segnato il gol del vantaggio trova il giusto equilibrio e riprende una partita che sembrava già persa, tenendo in scacco la squadra di Smuda grazie ad uno scatenato Salpingidis, autore di un gol, di un rigore procurato e di tante belle giocate.

LA PARTITA:
La Polonia, spinta anche dal pubblico di casa parte arrembante e subito al 4′ fa ballare la difesa greca senza però trafiggere la porta di Chalkias. I biancorossi sfrecciano sulle corsie senza trovare la resistenza della squadra di Santos e al 17′ gli uomini di Smuda passano in vantaggio. Il primo gol di Euro 2012 lo sigla Lewandowski che approfitta di una sciagurata uscita sbagliata da Chalkias per insaccare di testa un cross dell’estroso Błaszczykowski. La Grecia accusa il colpo si muove lentamente e si innervosisce rapidamente. Al 44′ Papastatopoulos si fa espellere per doppia ammonizione e lascia ingenuamente i suoi in inferiorità numerica. Sul finire della frazione gli ospiti reclamano un rigore, ma l’arbitro non è dello stesso parere. Nella ripresa Santos manda in campo Salpingidis e al 51′ l’attaccante ripaga il suo tecnico con il gol del pareggio: stavolta a uscire male è il portiere polacco che favorisce il giocatore greco, abile a gonfiare la rete senza alcun problema. Con l’uomo in meno la Grecia si assesta e cerca di contenere gli attacchi polacchi che alla distanza calano visibilmente. Al 62′ gli ospiti potrebbero passare in vantaggio ma Samaras, una volta entrato in area, perde tempo e ciabatta malamente a lato. Al 68′ Szczęsny falcia lo scatenato Salpingidis. Rigore, espulsione e possibilità per la Grecia di portarsi in avanti. Sul dischetto si presenta Karagounis ma il neo entrato Tyton intuisce la traiettoria e salvaguarda il pareggio. All’84’ batte un colpo Lewandowski con una perla dalla distanza ma la Polonia non riesce più a ribaltare in suo favore la sfida.

IL TABELLINO:
POLONIA – GRECIA 1-1
POLONIA (4-2-3-1): Szczęsny, Boenisch, Wasilewski, Perquis, Piszczek, Polanski, Rybus (69′ Tyton), Obraniak, Murawski, Błaszczykowski, Lewandowski. All. Smuda.
GRECIA (4-3-3): Chalkias, Maniatis, A Papadopoulos (36′ K. Papadopoulos), Torosidis, Papastathopoulos, Holebas, Karagounis, Ninis (46′ Salpingidis), Katsouranis, Samaras, Gekas (67′ Fourtunis). All. Santos.
Arbitro: Velasco Carballo (Spagna).
Marcatori: 17′ Lewandowski, 51′ Salpingidis.
Ammoniti: Papastatopoulos (2), Holebas, Karagounis.
Espulsi: Papastatopoulos (44′), Szczesny (68′).
Note: Al 70′ Tyton para un rigore a Karagounis. Recupero: 3’+3′.

Nicolò Bonazzi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *