Giuseppe Alessi
No Comments

Chelsea-Arsenal 6-0: Mourinho sotterra i Gunners | Highlights

La difesa dei Gunners è da film dell'orrore e il Chelsea ne approfitta: due gol dopo 7', quattro dopo 41'

Chelsea-Arsenal 6-0: Mourinho sotterra i Gunners | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Josè Mourinho, tecnico dei Blues

Josè Mourinho gode dopo il 6-0 inflitto all’Arsenal

FINALE – L’Arsenal si scioglie come neve al sole di primavera. Quando le partite contano e la pressione di alta classifica grava sulle spalle dei giocatori, i Gunners si piegano. E’ un copione letto e riletto più volte negli ultimi anni e Arsene Wenger, che celebra nel peggiore dei modi la panchina numero mille con l’Arsenal, sembra avere qualche responsabilità. Così dopo la disfatta di Anfield, giunge un’altra debacle difficile da digerire. Il Chelsea dopo la sconfitta di Birmingham con l’Aston Villa rialza la testa e allunga in classifica grazie a un perentorio 6-0. Unica nota negativa l’infortunio al flessore per Eto’o.

92′ – Mourinho entra negli spogliatoi anzitempo e i supporters dell’Arsenal cantano sugli spalti. Queste le ultime notizie di una partita che non ha più nulla da dire. Finisce 6-0 per i Blues.

90′ – Sussulto di orgoglio di Rosicky che conclude con violenza da fuori ma Cech respinge senza troppi affanni.

83′ – Schurrle manca di una manciata di centimetri il bersaglio con un tiro da fuori. Una partita che aveva già detto tutto dopo 10′ si avvia verso i minuti finali.

71SALAH! Chelsea dilaga: 6-0. Difesa indescrivibile.

66′OSCAR per il 5-0! L’errore di Szczesny è notevole sulla valutazione della traiettoria. Arsenal è già con la testa negli spogliatoi.

62′ – Oscar di piatto vicino al quinto gol. Szczesny ci mette la punta delle dita e devia sopra la traversa.

59′ – Arsenal indolente, Chelsea in totale controllo.

48′ – Prima accelerazione del Chelsea e primo pericolo: bello il lavoro di Torres che si infila in area e propizia il tiro ravvicinato di Luiz che centra Szczesny.

SECONDO TEMPO

41′4-0! Chelsea impietoso. Torres serve Oscar che appoggia il pallone in rete. La partita, già chiusa, adesso è blindata.

36′ – Il Chelsea è in totale controllo della gara.

30‘ – Occasione Chelsea: il tiro da fuori di Luiz viene reso insidioso dalla deviazione di Schurrle ma Szczesny è pronto e devia in calcio d’angolo.

27′ – Il Chelsea adesso gestisce agevolmente il risultato e con un uomo in più amministra il possesso della palla senza il minimo affanno.

17′ – HAZARD! E’ già 3-0! Il belga trasforma la massima punizione optando per la conclusione centrale. Szczesny si tuffa a destra ed è battuto.

15′ – Avvio schock dei Blues! Alex Oxlade-Chamberlaine commette un’ingenuità clamorosa: sfiora il pallone con la mano in prossimità della linea di porta: rigore ed espulsione! Errore clamoroso dell’arbitro Mariner che espelle Gibbs e non Chamberlain, autore del fallo da rigore.

10′ – Altro colpo di scena: Eto’o esce per infortunio, al suo posto entra Fernando Torres.

7′ – SCHURRLE! RADDOPPIO CHELSEA! Incredibile l’avvio di gara dei Blues. Ma la difesa dei Gunners è in bambola. Due errori gravissimi ed è già 2-0. Colpevole Koscielny.

5′ – ETO’O! VANTAGGIO CHELSEA! Stupendo il sinistro a giro sul secondo palo. Per lui è l’ottavo gol in campionato.

4′ – Giroud pericolosissimo col sinistro a incrociare. E’ bravissimo Cech ad allungarsi e a sventare la minaccia.

PRIMO TEMPO

LE FORMAZIONI UFFICIALI:

Chelsea (4-2-3-1): Cech; Ivanovic, Terry, Cahill, Azpilicueta; Luiz, Matic; Schurrle, Oscar, Hazard; Eto’o. All.: Mourinho.

Arsenal (4-2-3-1): Szczesny; Sagna, Mertesacker, Koscielny, Gibbs; Oxlade-Chamberlaine, Arteta; Rosicky, Cazorla, Podolski; Giroud. All.: Wenger.

Nel giorno della millesima panchina con l’Arsenal di Arséne Wenger, allo Stamford Bridge va di scena una delle partite più attese di tutta la stagione, vale a dire il derby londinese tra Chelsea e Arsenal. Ad infiammare la sfida ci ha pensato Josè Mourinho, che dopo aver apostrofato il tecnico alsaziano come “lo specialista in fallimenti“, ieri ha detto: “Ammiro Wenger ed ammiro l’Arsenal, non si arriva a mille partite se non hai un club che ti sostiene nei momenti difficili. Ed i momenti difficili sono stati tanti”. La conferenza stampa di Wenger ha avuto altri toni: “Per me è un privilegio aver avuto la possibilità di guidare questo club in mille gare. La società mi ha sempre sostenuto. Il tempo dirà se l’Arsenal è diventato più grande durante il mio lavoro. Io mi auguro di sì”.
L’Arsenal senza Ozil, Wilshere e Ramsey potrà contare sul momento di forma di Rosicky che sette giorni fa ha deciso il derby del North London contro il Tottenham. Accanto al ceco ci saranno Cazorla e Podolsky, davanti Giroud. Mourinho sceglie Schurrle al posto di Willian e fa accomodare nuovamente Torres in panchina: il riferimento in avanti sarà Samuel Eto’o. A centrocampo Matic sarà affiancato a Luiz.

Giuseppe Alessi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *