Dario Greco
No Comments

Mondiali 2014, Usa: girone proibitivo per gli States

Il c.t. tedesco Jurgen Klismann punterà sull’orgoglio dei suoi ragazzi contro la sua Germania, Portogallo e Ghana

Mondiali 2014, Usa: girone proibitivo per gli States
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella strada verso Brazil 2014 troviamo gli Stati Uniti d’America alla loro decima partecipazione, la settima consecutiva, nella più importante competizione in assoluto. La compagine a stelle e strisce proverà a far vedere i progressi del calcio americano anche grazie all’apporto in panchina di un vecchia conoscenza italiana, Jurgen Klinsmann.

LA STORIA – Gli Stati Uniti erano presenti già nella prima edizione del Mondiale, in Uruguay, dove raggiunsero le semifinali e si classificarono terzi. Si ripresentarono nel 1950 ed entrarono nella storia per aver inflitto all’Inghilterra la prima sconfitta di sempre. L’assenza degli americani dalla fase finale di un Mondiale durò ben 40 anni, fino ad Italia ’90 dove capitarono proprio nel girone degli azzurri. Giannini piegò Tony Meola e gli statunitensi arrivarono ultimi nel girone, dopo aver perso anche le altre due gare. Le avventure più significative, comunque, sono quelle del ’94 dove la nazionale di Milutinovic esce agli ottavi di finale per mano del Brasile di Romario. Nel 2002, invece, la formazione allenata da Bruce Arena arriva sino ai quarti di finale, eliminata di misura dalla Germania; nell’ultima edizione in Sudafrica, gli States passano per primi il girone, ma vengono eliminati agli ottavi dal Ghana al 93’.

klinsmann-usa-sportcafè

Klinsmann, Ct della Nazionale USA

OTTIMISMO KLINSMANN – In capo era un leone e quando giocava con la sua classe ed il suo carisma ha sempre raggiunto grandi traguardi; da allenatore deve ancora sudare parecchio, ma il carattere sembra essere rimasto lo stesso di un tempo. Convinto e deciso, a settembre dello scorso anno ha dichiarato che l’obiettivo minimo sono gli ottavi di finale, sottolineando: “Qualcosa di diverso costituirebbe una delusione”. Poi i sorteggi gli hanno regalato la sua Germania, il Portogallo di Cristiano Ronaldo e il Ghana, chissà se è ancora così convinto di passare il turno? Il cammino dei nordamericani è partito dalla terza fase di qualificazione, per via dal ranking, dove si sono imposti nel girone con Giamaica, Guatemala ed Antigua Barbuda. Nella fase successiva, Donovan e compagni dominano un girone non semplice formato da Costa Rica, Honduras, Messico, Panama e Giamaica. 

SCOPRI I GIRONI MONDIALI: Gruppo A, Gruppo B, Gruppo C, Gruppo D, Gruppo E, Girone F, Girone G, Girone H.

ROSA – Quel che è certo che gli americani non vorranno sfigurare e guidati dal Landon Donovan proveranno a sorprendere le rivali. Il trequartista dei Los Angeles Galaxy è il miglior realizzatore della storia con 57 reti e si avvicina sempre di più anche al record di presenze. Sarà il suo quarto Mondiale ed al suo fianco avrà altri giocatori di buon livello, come l’ex romanista Bradley, l’altra bandiera Clint Dempsey e l’attaccante del Sunderland Jozy Altidore. Tra i pali l’ex Manchester United, Tim Howard.

STELLINA – Infine, proprio due giorni fa, il talento del Bayern Monaco Julian Green ha scelto la nazionale a stelle e striscie. Il ragazzo, classe ’95, ha il padre americano e la madre tedesca e nonostante alcune apparizioni con l’Under 19 teutonica, ha accettato la corte di Klinsmann. Il gioiellino americano, dunque, quest’anno ha esordito, addirittura, in Champions League lanciato da Guardiola nel suo super Bayern.

Dario Greco

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *