Davide Luciani
No Comments

La Juventus non deve snobbare l’Europa League

La Juventus, in Europa, nelle ultime stagioni, non ha disputato grandi partite, dimostrandosi squadra periferica rispetto alle big europee

La Juventus non deve snobbare l’Europa League
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juventus questa sera contro la Fiorentina, si giocherà gran parte della sua credibilità europea. Al di là delle dichiarazioni di Conte, infatti, una eliminazione precoce questa sera, vorrebbe dire dare nuove munizioni ai detrattori dei bianconeri che definiscono la Juventus fortissima in Italia e scarsa in Europa.

A Buffon non piacciono le etichette

A Buffon non piacciono le etichette

ETICHETTA DA STACCARE – Buffon ha risposto ieri, a chi gli riportava questa affermazione che “le etichette possono anche essere staccate”, ma per farlo, occorrerà non essere buttati fuori dalla Fiorentina questa sera. A Conte, che sempre ieri ha affermato che l’habitat naturale della Juventus è la Champions, va ricordato che i bianconeri, quest’anno hanno vinto una sola gara su sei nel loro “habitat” e che, l’ultima volta che la Juventus partecipò all’Europa League, stagione 2010/2011, pareggiò sei partite su sei nel girone di qualificazione con Manchester City, Lech Poznan e Salisburgo e venne eliminata a dicembre.L’anno prima, invece, dopo essere stata eliminata nella fase a gironi di Champions, la Juventus si ritrovò ancora in Europa League dove venne buttata fuori agli ottavi dal Fulham.   Quella era la Juventus dei vari Motta, Legrottaglie e Felipe Melo, e non ha nulla a che vedere con questa, ma ci serve comunque ad estrapolare un dato. Nelle ultime 13 gare giocate in Europa League la Juve ha vinto quattro volte, pareggiato otto e perso una. Per una squadra che si ritiene superiore alla competizione il percorso fatto non è esattamente da big.

CREDIBILITA’ DA RITROVARE – Conte, quindi, farebbe bene a non sottovalutare l’Europa League, dato che, questa competizione, potrebbe aiutare la squadra a ritrovare un’autostima che, in Europa, non mostra dai tempi di Lippi, nè in Champions, nè in Europa League. Essere eliminati dalla Fiorentina poi, con la possibilità che i rivali (o il Napoli…) festeggino il trofeo proprio allo Juventus Stadium, potrebbe creare anche un piccolo strappo con la tifoseria.  

RECORD DA AGGUANTARE – C’è anche un altro motivo che dovrebbe spingere la Juventus a non snobbare l’impegno. Se i bianconeri dovessero vincere il trofeo, infatti, diventerebbero la squadra ad aver trionfato più volta nella Uefa/Europa League. Attualmente i bianconeri vantano tre coppe Uefa, al pari di Inter e Liverpool. Il quarto titolo, quindi, permetterebbe di staccare nerazzurri e Reds, oltre a dare la possibilità, ad agosto, di disputare la Supercoppa Europea, competizione che i bianconeri hanno già vinto due volte.

SERVONO I GOL DI TEVEZ – Per cercare di passare il turno, e provare a vincere la coppa, la Juventus deve però ritrovare i gol di Tevez. L’Apache in Europa, ha segnato solo sei reti in quaranta gare, tutte con la maglia del Manchester United. L’argentino in Europa ha un curriculum scarno: sei reti in quarantadue match. Anche per l’argentino, quindi, l’Europa League è un banco di prova importante, diopo che ha fallito l’appuntamento più prestigioso della Champions. L’appuntamento europeo ha quindi molti motivi per essere onorato. Se la Juventus non vuole rimanere nella periferia europea farà bene a dare il massimo in questa competizione.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *