Enrico Cunego
No Comments

Liga BBVA, 28° turno: Atletico e Real di misura, Barça forza 7

Nulla di nuovo in vetta alla Liga. Real ed Atletico vincono col minimo sforzo, mentre il Barça seppellisce l'Osasuna. Pari tra Villarreal ed Athletic

Liga BBVA, 28° turno: Atletico e Real di misura, Barça forza 7
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Diego Costa, solito match-winner per i "colchoneros"

Diego Costa, solito match-winner per i “colchoneros”

28 i gol segnati nella ventottesima giornata di Liga. Giornata che non ha riservato nessuna sorpresa in vetta alla graduatoria. Tutte e 3 le regine del campionato vincono i rispettivi impegni, con le madrilene che si accontentano del minimo necessario per il massimo risultato, mentre il Barcellona esagera con 7 reti all’Osasuna. Riguardo al discorso quarto posto la Real Sociedad rosicchia 2 punti all’Athletic (1-1 a Villarreal) battendo il Valencia, mentre in coda  il Rayo continua il proprio momento magico tirandosi fuori dalla zona rossa ed inguaiando ulteriormente un Getafe sempre più in crisi. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo in questo turno.

I PIANI ALTI – Come detto, nulla di nuovo ai vertici della graduatoria, dove la situazione rimane immutata. A Malaga basta un gran tiro a giro di esterno destro dal limite dell’area di rigore firmato Cristiano Ronaldo per consegnare 3 punti ad un Real che rischia poco o nulla e che mantiene bollente la panchina dell’ex tecnico “galactico” Bernd Schuster, che con gli andalusi rimane a 29 punti, a sole 3 lunghezze dalla zona retrocessione. La sofferenza fino alla fine della stagione è garantita. Come per Ancelotti, anche per Simeone basta la zampata dell’idolo di casa per mettere in cassaforte i 3 punti. Dopo un primo tempo non giocato al meglio delle proprie possibilità al 55′ Diego Costa segna il gol decisivo contro l’Espanyol, battendo a tu per tu Casillà dopo un gran suggerimento in profondità di David Villa. Entrambe i successi delle madrilene sono arrivati nella serata di sabato, quindi domenica era richiesta una reazione obbligata da parte del Barcellona, impegnato al Camp Nou contro l’Osasuna. Ne è venuto fuori un massacro, con i blaugrana trionfatori con un roboante 7-0 firmato dalle reti di Sanchez, Iniesta, Tello, Pedro e soprattutto dalla tripletta di Leo Messi, tornato su livelli stellari dopo l’ottima partita di Champions League giocata contro il City. La “pulce” mette lo zampino in tutte le 7 reti dei catalani e condanna così alla terza sconfitta consecutiva i navarri, fermi a 29 punti e sempre a ridosso della “zona calda”. Barça che invece rimane ad punto dall’Atletico e a 4 dal Real, prossimo avversario per l’attesissimo “SuperClasico” che potrebbe già decidere le sorti di questo campionato.

LOTTA PER L’EUROPA – Per quanto riguarda il quarto posto, che garantisce un posto nei prossimi preliminari di Champions League, continua il derby basco tra Atletic e Real Sociedad, con i secondi che rosicchiano due punti ai primi portandosi a -6 lunghezze di distanza. Per la squadra di San Sebastian è decisiva la grande torsione di testa di Agirretxe al 61′ di Real SociedadValencia, posticipo notturno della domenica che condanna al secondo stop in 3 gare la squadra di Pizzi, ora sempre più distante dall’Europa League. Nel posticipo del lunedì, invece, la squadra di Bilbao non va oltre l’1-1 contro il Villarreal, che ha ormai abbandonato ogni velleità di Champions e punta al mantenimento del posto in Europa League. Di Pina al 47′ per il Submarino Amarillo e di Aduritz all’83’ per i baschi le segnature del match, con lo stesso Aduritz che nel primo tempo sciupa un calcio di rigore facendosi parare la conclusione dall’ottimo Asenjo. Villarreal che si fa avvicinare sempre di più in classifica (solo un punto le separa) dal Siviglia, che dimentica la bruciante sconfitta di Europa League nel derby col Betis affondando il Valladolid. 4-1 il risultato finale, con le reti di Rakitic, Diogo Figueiras e Gameiro (doppietta) per gli andalusi, mentre per gli ospiti serve solo ad accorciare le distanze la rete di bomber Javi Guerra. Siviglia sempre più saldo in zona Europa League, mentre il Valladolid torna sulla terra dopo la vittoria col Barcellona e rimane al terzultimo posto con 26 punti.

LA CORSA SALVEZZA – Terremoto in coda con il Rayo che continua a vincere sconvolgendo la classifica. Gli uomini di Paco Jemez ottengono la terza vittoria consecutiva contro l’Almeria, superandola e facendola precipitare al penultimo posto con 26 punti. 3-1 il risultato finale con la squadra di Vallecas che pratica un bellissimo calcio trascinata da Iago Falquè, ispiratore con due assist dei primi due gol di Bueno e Larrivey, cui segue il momentaneo 2-1 di Soriano. Larrivey, però, al 77′ chiude i giochi finalizzando una stupenda azione condotta insieme a Trashorras. Nei guai anche il Getafe, che non vince da gennaio e che ora vede sempre più avvicinarsi l’incubo retrocessione. Non basta il cambio di tecnico con l’arrivo di Cosmin Contra, i madrileni proprio non vogliono saperne di vincere e lo dimostrano anche contro il Granada. 3 volte in vantaggio e 3 volte ripreso dagli andalusi che rispondono con Riki e la doppietta di El Arabi ai gol di Marica, Lopez e Lafita. Chi se la passa un po’ meglio è l’Elche, che guadagna un altro punto sulla zona retrocessione, nonostante il mezzo passo falso con lo 0-0 interno contro un Betis che giovedì prossimo cercherà di archiviare l’euro-derby con il Siviglia. Ormai tranquillo invece il Celta Vigo di Luis Enrique che vola a +7 su Valladolid ed Almeria con il colpo grosso in casa del Levante. Decide al 19′ la rete di Nolito.

Enrico Cunego

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *