Enrico Cunego
No Comments

Nba: Spurs inarrestabili, Heat ancora ko

La squadra di Belinelli è in stato di grazia e contro i Lakers centra la non vittoria consecutiva. Quinta sconfitta in 6 gare per Miami, ko coi Nuggets

Nba: Spurs inarrestabili, Heat ancora ko
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Altra serata negativi per i Miami Heat di Dwayne Wade

Altra serata negativi per i Miami Heat di Dwayne Wade

SAN ANTONIO SPURS-LOS ANGELES LAKERS 119-85

Nona vittoria consecutiva per i sempre più travolgenti Spurs, che in casa propria travolgono inevitabilmente gli ormai derelitti Lakers, fiaccati ancora di più nel morale a causa delle negative notizie della settimana, che annunciano il definitivo forfait di Kobe Bryant per il proseguimento della stagione. La parola giusta per definire questo incontro è massacro. Perchè è di questo che si tratta, una tale differenza tra le due squadre da far decretare il vincitore già alla fine del primo quarto, conclusosi 29-14 in favore dei roventi “speroni”, che mandano a segno tutti e 13 gli elementi mandati sul parquet, permettendosi il lusso di far disputare solo 15 minuti a testa al magico trio Parker-Ginobili-Duncan, il quale conquista un altro record. Con la vittoria di ieri, infatti, stiamo parlando del secondo trio più vincente della storia, con 491 partite vinte, una cifra che ha superato un trio non male formato dai “Lakers” (tempi che oggi sembrano un miraggio, sigh!) Kareem-Abdul Jabbar-Magic Johnson-Michael Cooper, facendo così del trio texano il secondo più prolifico, alle spalle solo dei mostri sacri di Boston Larry Bird-Kevin McHale-Robert Parish, in testa con 540 successi. Stiamo assistendo sempre più al passaggio dalla storia alla leggenda. Tornando alla partita, ovviamente mai in discussione, altri numeri aiutano a capire il divario tecnico tra le due squadre. San Antonio manda in doppia cifra 6 giocatori, tra cui il nostro splendido Marco Belinelli (12 punti, 3 assist e 5 rimbalzi per l’ex Fortitudo Bologna) e domina gli avversari con 13 triple a bersaglio, 64 rimbalzi contro i 37 dei rivali e 36 assist per 48 canestri. Un dominio mai messo in discussione.

San Antonio: Green 15 punti, Bonner 13 Assist: Joseph 7 Rimbalzi: Bonner 10

Los Angeles: Gasol 18 punti, Meeks 15 Assist: Marshall 9 Rimbalzi: Gasol 11

MIAMI HEAT-DENVER NUGGETS 107-111

Allarme rosso a Miami. La franchigia campione in carica sta accusando un periodo di flessione sempre più preoccupante e nella notte incappa nella quinta sconfitta nelle ultime 6 gare, facendosi rimontare 14 punti dai combattivi Nuggets guidati da Kenneth Faried e da Evan Fournier. Dopo l’iniziale 38-24 con cui gli Heat sembrano prepararsi ad un ritorno alla vittoria, i Nuggets si scatenano grazie ai due giocatori sopracitati ed alle triple di Aaron Brooks e Darrell Arthur, provocando così un parziale di 22-6 che stordisce definitivamente gli Heat, i quali arrivano addirittura a scubire 16 punti di svantaggio nell’ultimo quarto, in cui Ray Allen segna 14 punti tentando di dare una scossa ai propri compagni di squadra. Tutto inutile però, perchè nonostante il sensisibile riavvicinamento nel finale di gara Lebron James continua ad essere completamente impreciso nell’ultimo periodo di gara, mancando due triple decisive che avrebbero potuto riaprire i giochi negli ultimi istanti di partita. Dall’altra parte i 24 punti di Faried, i 18 punti di Arthur ed i 9 di Lawson contribuiscono in maniera autorevole alla seconda vittoria consecutiva dei Nuggets, ormai fuori dal discorso play-off anche per colpa della sfortuna (perenne infortunio di Gallinari) ma sempre autori di partite ampiamente sufficienti.

Miami: Allen 22 punti, James 21 Assist: James, Wade e Chalmers 6 Rimbalzi: Bosh 8

Denver: Faried 24 punti, Arthur 18 Assist: Lawson 9 Rimbalzi: Faried 10

Nella notte sono in programma 5 partite, mentre oggi alle 17 si gioca New York Knicks-Milwaukee Bucks

Washington Wizards-Brooklyn Nets

Atlanta Hawks-Denver Nuggets

Detroit Pistons-Indiana Pacers

Philadelphia 76ers-Memphis Grizzlies

Chicago Bulls-Sacramento Kings

Enrico Cunego

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *