Nicoletta Pezzino
No Comments

Milan, chi resta e chi va: è giunto il momento delle pulizie!

Presidente assente e giocatori inadatti impongono un cambio di rotta al Milan. Bisogna sfoltire la rosa, estirpare le erbacce e ripartire da chi merita il posto

Milan, chi resta e chi va: è giunto il momento delle pulizie!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La brutta sconfitta contro l’Udinese in campionato e l’eliminazione in Champions League per mano dell’Atletico Madrid hanno fatto sprofondare nuovamente il Diavolo all’inferno. La figura di Clarence Seedorf  è ancora ben lontana dal definirsi in discussione perché tra i suoi demeriti non vi è quello di aver ereditato una squadra costruita a casaccio negli ultimi due anni e qualitativamente al di sotto del livello a cui il Milan ci aveva abituato: tanti mezzi giocatori (per giunta doppioni rispetto a quelli già presenti in rosa) e parametri zero. A fine campionato toccherà proprio all’olandese compiere una cernita dei giocatori che continueranno a far parte del suo progetto che punta a riportare in alto il nome della società di via Aldo Rossi. Proviamo anche noi ad ipotizzare quali sono i giocatori su cui il Milan dovrebbe puntare per la prossima stagione.

Silvio Berlusconi, vuole far rinascere Forza Italia

Silvio Berlusconi

A.A.A. CERCASI PRESIDENTE – Prima però di focalizzarci sugli uomini che attualmente compongono la rosa del Milan bisogna aprire una breve parentesi. Che sia Allegri o Seedorf l’allenatore del Milan, l’unica persona veramente in grado di curare le ferite del Diavolo può essere una sola: Silvio Berlusconi. E’ da circa due anni che il Presidente onorario dei rossoneri ha anteposto altri tipi di interessi a quelli del Milan ma adesso é giunto il momento che si appresti a rioccuparsi in prima persona della sua creatura tornando ad investire. Berlusconi ha scelto personalmente Clarence Seedorf ma l’olandese deve essere messo nelle condizioni di riportare la squadra ad un livello competitivo quanto meno in campionato.

SEEDORF PUNTA SU DI LORO – Adesso iniziamo ad analizzare la squadra partendo da ogni singolo reparto. La porta rossonera urge di aria fresca perché la carriera di Abbiati sembra ormai essere arrivata al capolinea, troppi gol incassati anche per colpa dei suoi errori. Il Milan non deve per forza dire addio ad una delle sue ultime colonne, il portiere di Abbiategrasso potrebbe rimanere ancora un altro anno nel ruolo di vice portiere per dar manforte a chi verrà a sostituirlo (Agazzi probabilmente). La linea difensiva rappresenta ormai un grosso grattacapo per il Milan ma in Rami i rossoneri sembrano aver trovano un giocatore affidabile e roccioso nonostante la brutta prestazione contro l’Atletico. Emanuelson, nonostante non abbia eccelse doti, potrebbe comunque rappresentare un buon gregario per Seedorf mentre un discorso a parte merita De Sciglio che rappresenta il presente e il futuro del Milan ed è per questo motivo che i rossoneri dovranno resistere in estate alle avance del Real Madrid. A centrocampo promossi De Jong, Montolivo e Cristante. Mandare in prestito quest’ultimo giocatore sarebbe un grosso errore per il Milan sopratutto se poi si acquista un centrocampista che non ti garantisce nessun salto di qualità. Chi ha avuto modo di vederlo giocare avrà sicuramente notato come Cristante non sia un giovane qualunque ma a diciannove anni possiede una già personalità da veterano. Sulla linea della quarti, bisognerà capire se Taarabt continuerà a mantenere alto il suo livello di gioco mentre Kaká rimane l’unico ancora in grado di riscaldare i cuori rossoneri nelle partite che contano. Promosso anche Poli, poco importa dove l’allenatore decida di schierarlo in campo, lui risponde sempre presente. Vale la pena aspettare anche il lungodegente El Shaarawi sperando che ritorni ai livelli dell’anno scorso. Nel ruolo di unica punta, infine, sicuro del posto c’é solo Pazzini. Un grosso punto interrogativo pende, invece, sopra la testa di Mario Balotelli. Anche Seedorf sembra essersi stufato del suo atteggiamento dentro e fuori il campo da gioco ed essendo SuperMario uno dei pochi giocatori del Milan ad avere mercato forse sarebbe meglio sacrificarlo per acquistare altri giocatori da aggiungere a questa lista.

Nicoletta Pezzino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *