Antonio Scali
No Comments

Ligue 1, Bordeaux-Lione 1-2

Nel posticipo di Ligue 1 il Lione batte il Bordeaux con due gol nel finale

Ligue 1, Bordeaux-Lione 1-2
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ligue-1-france-Tre punti molto pesanti per il Lione contro il Bordeaux nel posticipo della domenica sera di Ligue 1. Il risultato alla fine sa di beffa per i Girondini visto che le due reti decisive sono arrivate solo negli ultimi tre  minuti di gara. Per il Bordeaux si tratta della seconda sconfitta consecutiva, nonostante una gara ben interpretata per 90 minuti e nonostante l’iniziale gol del vantaggio realizzato dopo otto minuti. Il Lione con questa vittoria consolida il quinto posto e si porta a meno tre dal St. Etienne.

IL MATCH- Bordeaux-Lione è una grande classica del calcio francese: tredici campionati nazionali vinti in due, anche se gli ultimi anni sono stati caratterizzati più dalle ombre che dalle luci. I Girondini cercano riscatto casalingo dopo un periodo nero segnato da tre sconfitte nelle ultime cinque giornate, mentre l’Olympique lotta ancora per un posto ai preliminari di Champions. All’ottavo la partita si sblocca grazie al colpo vincente di testa di Saivet che sfrutta abilmente l’assist di Mariano dopo un brutto disimpegno degli avversari. L’occasione migliore del Lione per riequilibrare il match  è sui piedi di Lacazette, il quale è bravo a saltare tre avversari ma si fa bloccare dall’uscita di Carrasso. Anche nella ripresa il Lione, privo a centrocampo di Gourcuff, fa fatica a creare occasioni da gol. Eppure la partita svolta proprio in favore dell’OL: prima la grande occasione per Briand che calcia a porta vuota ma Mariano è bravo a salvare il risultato intervenendo sulla linea di porta. Al 91esimo Briand confeziona l’assist per Bedimo che realizza il gol dell’1-1. Ma non è finita. A tempo scaduto Gonalons recupera palla e  mette in mezzo un assist prezioso per la testa di Tolisso che con uno stacco imperioso realizza il gol del 2-1 beffando definitivamente il Bordeaux.

Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *