Simone Gianfriddo
No Comments

Nba: immenso Noah, i Bulls mandano k.o gli Heat

Allo United Center di Chicago la super sfida tra Bulls e Heat va alla squadra di Tom Thibodeau che vince dopo un'overtime 95 a 88. Per la franchigia della Florida chance sprecata per l'aggancio ai Pacers in vetta alla Eastern Conference

Nba: immenso Noah, i Bulls mandano k.o gli Heat
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Joaquin Noah, m.v.p nella vittoria dei suoi Bulls contro i Miami Heat

Joaquin Noah, m.v.p nella vittoria dei suoi Bulls contro i Miami Heat

Grande vittoria per i Bulls che battono sul parquet di casa gli acerrimi rivali dei Miami Heat 95 a 88 dopo un Overtime; protagonista assoluto del match è il solito Joakim Noah che, insieme alla difesa superlativa di Jimmy Butler e alla grandi prestazioni di Augustin e Taj Gibson, guida Chicago ad una importante e prestigiosa vittoria contro una bruttissima Miami; James è irriconoscibile e Wade, dopo uno splendido primo tempo, si spegne alla distanza.

PRIMO TEMPO ALL’INSEGNA DI SUPER WADE, CHICAGO DOUBLE FACE – I primi due quarti vedono i Bulls partire molto bene, guidati dal solito Noah (8 punti e 5 rimbalzi alla fine del primo tempo) e D.J Augustin ( sempre più fattore determinante dalla panchina) , coadiuvati dal solito sistema difensivo disegnato dal  guru Thibodeau; Jimmy Butler non lascia  respirare King James che senza la celebre Bat-mask è irriconoscibile e chiude il primo tempo con soli 4 punti a referto; il Prescelto di Akron e la guardia  texana  danno vita ad uno scontro senza esclusione di colpi che culmina nel secondo quarto con un doppio tecnico fischiato ad entrambi. Ma se LeBron è freddo, Wade è semplicemente “on fire; l’aria di casa pare davvero fare bene a ” Three” che chiude il primo tempo con 17 punti. Nonostante gli Heat non siano in serata, Chicago sbaglia tantissimo nel secondo parziale e subisce un break di 15-2 da parte di Miami. Per gli uomini di coach Thibodeau nessun uomo in doppia cifra.

NOAH DA M.V.P, HEAT KNOCKOUT DOPO UN O.T-  La ripresa è più vivace ma sempre sulla farsa riga del primo tempo, con gli Heat molto imprecisi ma sempre avanti( maassimo vantaggio  di +12 a 2′ 20” dalla sirena del terzo quarto) ; Chicago non affonda e la partita si surriscalda così come gli animi in campo, soprattutto quelli di Noah e Chalmers che si dilettano in un incalzante trash talking che costa il fallo tecnico al francese. L’ultimo quarto si riapre con l’ennesimo +12 di Miami siglato da James che in un amen mette a referto 7 punti filati, raggiungendo finalmente la doppia cifra. Tutto finito? Neanche per sogno; i Bulls si rialzano e approfittano del blackout Heat, rifilando un parziale di 13 a 0 alla franchigia della Florida guidati dal solito ed immenso Noah( M.v.p della stagione secondo il pubblico del target Center e del commentatore Espn Jeff Van Gundy) e da Taj Gibson che ha un impatto pazzesco dalla panchina. Chicago va sul+1 grazie a Butler ma gli Heat pareggiano e la partita rimane sull’88 pari con 20” da giocare con ultimo possesso nelle mani di James; LeBron cerca l’affondo sulla destra ma Jimmi Butler difende in maniera eroica ed è così che si va all’ Overtime.

Nell’extra time Chicago parte benissimo con la tripla di Augustin, il jumper di Butler  e ancora Noah che strappa l’ennesimo rimbalzo offensivo firmando il +7 Bulls che chiude definitivamente il match.

Brutta confitta per LeBron e soci che in questo modo non riescono ad agganciare in vetta alla Eastern Conference gli Indiana Pacers. Continua invece il  momento pazzesco di Noah che rappresenta in pieno il cuore, l’orgoglio e la difesa di questi Bulls targati Coach Thibodeau.

Bulls: Dunleavy 8, Boozer 9, Noah 20 (12 rimb), Butler 16 (10 rimb), Hinrich 11, Snell, Gibson 7 (10 rimb), Augustin 22, Mihammed 2, Fredette N.P , Murphy N.P
All.Thibodeau

Heat: James 17, Battier, Bosh 15, Wade 25, Chalmers 9, Andersen 2 (13 rimb) , Allen 7, Beasley 2, Cole 11, Douglas NP, Haslem NP, Lewis  NP
All.Spoelstra

Simone Gianfriddo 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *