Antonio Fioretto
No Comments

Pagelle Parma-Verona 2-0: Biabiany e Schelotto fanno volare Donadoni

I gol di Biabiany e Schelotto regalano tre punti pesantissimi al Parma. Verona da rivedere, nonostante una sempre costante pericolosità offensiva

Pagelle Parma-Verona 2-0: Biabiany e Schelotto fanno volare Donadoni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Parma: Biabiany e Cassano, protagonisti al Tardini

Parma: Biabiany e Cassano, protagonisti al Tardini

Il Parma di Donadoni vince lo scontro diretto col Verona per 2-0 con gol di Biabiany e Schelotto e vola in classifica a -1 dall’Inter e a -2 dalla Fiorentina. Tre punti pesantissimi anche in virtù delle sconfitte di Torino e Lazio. I ducali si confermano vera rivelazione del campionato, mentre il Verona è in parte da ritoccare, soprattutto psicologicamente. Vi proponiamo, di seguito, le pagelle del match.

PAGELLE PARMA

Mirante 6: Ordinaria amministrazione. Quasi mai impegnato con pericolosità.

Cassani 7: Mostruoso nella fase difensiva del Parma. Un punto cardine che spesso passa inosservato.

Paletta 6: La prestazione in azzurro è stata tutt’altra roba, diciamolo. Gara attenta, ma non trascendentale. Basta però a confermare che Paletta è una bellissima sorpresa.

Lucarelli 5,5: Soffre da matti su Iturbe. Se la cava con l’esperienza.

Gobbi 5,5: Non proprio la sua miglior partita della stagione a Parma. Dal suo piede però nasce il gol di Biabiany (dal 70′ Molinaro 6: L’impressione è che il posto del buon Massimo non sia più tanto sicuro)

Gargano 6,5: Il ragazzo trotta, non c’è dubbio. Un mastino indemoniato, che non si ferma mai. Gli avversari corrono, ma se lo ritrovano sempre alle calcagna. Opprimente.

Marchionni 7: Partitone dell’ex Juve e Fiorentina, che detta legge nel primo tempo (sfiorando anche il gol) e tiene botta nella ripresa. Batte Cirigliano nel confronto diretto tra i “cervelli” di metà campo. (dal 82′ Acquah s.v.)

Parolo 6: Si può fare di più, soprattutto alla luce del Parolo che siamo abituati a vedere quest’anno.

Biabiany 7: Gol pesantissimo. Una furbata da veterano, che lancia il Parma a -1 dall’Inter e -2 dalla Fiorentina. Potrebbe far doppietta a  10 dalla fine, ma fallisce a pochi metri da Rafael.

Cassano 6,5: Esperienza e classe da vendere. Sfiora il gol in avvio, tentando il colpo di punta da calcio a 5 quando poteva tentare il piattone. Nel finale, si guadagna più punizioni lui che un bimbo disubbidiente. Il palo in pallonetto grida vendetta. Fondamentale.

Palladino 5,5: Torna titolare dopo un bel pò, preferito ad Amauri. Non è una prima punta e lo si capisce al secondo minuto, quando un cross di Cassani cade fra i piedi di Moras e lui era distante una decina di metri. (dal 53′ Schelotto 6,5: Regala a Biabiany l’assist della doppietta, sprecato dal francese. Poi fa 2-0 per il Parma a porta vuota dopo la magia di Cassano)

PAGELLE VERONA

Rafael 5: Prodigioso su Marchionni in avvio. Poi rovina tutto con la disattenzione sul primo gol e l’erroraccio sul secondo.

Cacciatore 6,5: Il migliore della retroguardia, sia in fase offensiva che difensiva.

Moras 5,5: Nervoso e poco lucido, domina nel gioco aereo.

Maietta 5: Disattenzione assoluta su lgol dell’ 1-0. Biabiany tiene la posizione manco fosse Van Basten. Non un erroraccio, ma pesa.

Agostini 6: Sull’esterno fa il suo, come da un decennio a questa parte in Serie A. Spinge, in particolare nel secondo tempo. Nei primi 45′ deve provare a tenere a bada Iturbe e più o meno se la cava.

Romulo 6: Si sveglia troppo tardi, quando fra l’80’ e l’85’ ci prova due volte col destro da fuori. Esito scontato: palla alta e Mirante imbattuto.

Cirigliano 5,5 : Non è Jorginho e si vede. Ha altre qualità, altre doti. Prova ad impostare, soprattutto nella ripresa ma con risultati poco positivi. Crolla nel confronto con Marchionni. (dal 56′ Donadel s.v.)

Marquinho 6,5: Bella prova dell’ ex giallorosso, che in particolar modo a inizio ripresa si rende autore di un paio di discese potenzialmente pericolose. Gran lavoro di sacrificio su Parolo e Biabiany. (dal 81′ Juanito Gomez s.v.)

Iturbe 7: Primo tempo a tratti devastante, nel quale va due volte vicino al gol. Nella ripresa cala, prendendosi della fasi di pausa. Ma quando accelera può sempre far male.

Toni 5,5: Si dimena, con la voglia di chi a 35 anni ha già fatto 13 gol. Ma predica nel deserto di un attacco arido come non mai.

Jankovic 5: Semplicemente impalpabile. (dal 64′ Sala 5,5: non incide, tranne che sulle caviglie di Cassano: ammonito)

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *