Simone Viscardi
No Comments

Nba, i risultati della notte: Houston distrugge Indiana

Nba: i Rockets, guidati da un Harden celestiale, abbattono i Pacers. Bene Warriors e Raptors, i Lakers non sanno più vincere

Nba, i risultati della notte: Houston distrugge Indiana
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sono 11 le gare in programma nella notte Nba. Tra gli altri in campo i leader della lega Indiana Pacers, demoliti dalla solidità degli Houston Rockets, la squadra più in forma del momento. Goldens State e Toronto trovano vittorie importanti in chiave playoff, mentre continua la spirale di decadenza dei Lakers.

Houston Rockets-Indiana Pacers 112-86

Forse è presto per dire che i Pacers siano in crisi, ma se 3 indizi fanno una prova la terza sconfitta consecutiva della squadra di coach Vogel non lascia molti dubbi a riguardo. Il successo di Houston è figlio dello straordinario terzo quarto del suo uomo migliore, James Harden. Il “Barba” ne mette a referto 16 solo nella terza frazione, e i Rockets trovano il parzialone irrecuperabile di 33 a 6. Nella prima metà di gara Indiana era riuscita a tenere testa ai texani, grazie al lavoro di Hibbert e West e agli sparuti lampi di uno spento Paul George. Dall’inizio della ripresa in poi è blackout per i Pacers, che tirano 2/14 dal campo e collezionano 17 palle perse. Vittoria d’autorità per Houston (43-19), ormai seria candidata per la prima piazza dell’Ovest, visti i risultati non eccelsi di Okc e Spurs negli ultimi tempi. La sconfitta lascia comunque Indiana (46-16) in vetta alla Eastern Conference, ma qualche certezza appare incrinata.

Houston: Harden 28, Howard 15, Lin e Parsons 11. Rimbalzi: Howard 7. Assist: Parsons 6.
Indiana: West 15, George 13, Scola 10. Rimbalzi: West 10. Assist: Stephenson 6.

Golden State Warriors-Atlanta Hawks 111-97

Successo importante per gli Warriors, giunti alla terza vittoria consecutiva contro degli Hawks in caduta libera nelle ultime 14 partite (1-13 il parziale). Nonostante il ritorno di Millsap per Atlanta e la defezione di Klay Thompson nei californiani sono questi ultimi a fare la partita con comodità, guidati come sempre dalle mani sapienti di Steph Curry e dalla vivacità offensiva di Lee. Atlanta resta in partita finchè il suo attacco rimane su livelli super (62%), ma ne esce quando le proprie riserve si dimostrano incapaci di tenere testa a quelle degli avversari, che nel terzo quarto scappano. Tra i panchinari di GS si mette in luce l’esperto Jermaine O’Neal, mentre gli Hawks hanno risposte positive dal solo Antic. Warriors (39-24) sempre saldi al sesto posto nella Western, con Phoenix e Dallas in scia, mentre Atlanta (26-34) rischia di subire il ritorno di Detroit.

Golden State: Lee 18, O’Neal 17, Curry e Iguodala 13. Rimbalzi: Bogut 9. Assist: Curry 7.
Atlanta: Millsap 16, Scotto 14, Antic 10. Rimbalzi: Millsap 7. Assist: Teague 6.

Toronto Raptors-Sacramento Kings 99-87

Sembra incredibile, ma in questo momento i Raptors sono la terza forza dell’est. I canadesi hanno iniziato la loro incredibile serie positiva proprio dalla trade che ha portato Rudy Gay in California. I fischi per l’ex della partita sono scontati, così come scontata è la vittoria dei Raptors, contro dei Kings in una delle loro peggiori versioni di sempre. Inutili i 15 punti dello stesso Gay e i 24 di Cousins, contro una Toronto che riesce anche a fare a meno delle solite cifre spaventose di DeRozan e Lowry. A scavare il solco per i padroni di casa sono l’altro ex Patterson e Terrence Ross. I Raptors (34-26) approfittano del passo falso dei Bulls per blindare l’ultimo gradine del podio delle Eastern dietro alla super coppia Indiana-Heat, mentre Sacramento (22-40) ormai lotta solo per evitare l’ultimo posto dell’Ovest.

Toronto: Ross 18, DeRozan e Patterson 15, Valanciunas 14. Rimbalzi: Johnson 9. Assist: Lowry 7.
Sacramento: Cousins 24, Gay 15, Thomas e McLemore 14. Rimbalzi: Evans 10. Assist: Thomas 5.

LE ALTRE PARTITE – Nelle altre sfide della notte Nba ennesima sconfitta per i Lakers, mentre arrivano successi importanti in ottica post season per Memphis (su Chicago) e Charlotte, nello scontro diretto con Cleveland.

Chicago Bulls-Memphis Grizzlies 77-85
Charlotte Bobcats-Cleveland Cavaliers 101-92
Boston Celtics-Brooklyn Nets 91-84
New York Knicks-Utah Jazz 108-81
Minnesota Timberwolves-Detroit Pistons 114-101
New Orleans Pelicans-Milwaukee Bucks 112-104
Dallas Mavericks-Portland Trail Blazers 103-98
Denver Nuggets-Los Angeles Lakers 134-126

Simone Viscardi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *