Daniel Degli Esposti
No Comments

Eurolega: Milano espugna il Pireo! Olympiakos ko 86-88

L'Emporio Armani rimonta da 10-0 e batte 86-88 l'Olympiakos. Langford e Lawal dominanti: dove arriverà questa grande Milano?

Eurolega: Milano espugna il Pireo! Olympiakos ko 86-88
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’EA7 batte i Campioni in carica: alla Peace and Friendship Arena finisce 86-88. L’ennesima grande prova balistica lancia Milano verso i Playoffs.

Milano continua a sognare l’Europa: l’Emporio Armani espugna la Peace and Friendship Arena del Pireo e difende il secondo posto dall’assalto dei Campioni in carica dell’Olympiakos. Dopo la batosta del Forum, Coach Bartzokas si inchina nuovamente alla squadra di Luca Banchi; dove arriverà questa grande Milano?

Keith Langford, stella dell'Emporio Armani Milano.

Keith Langford, stella dell’Emporio Armani Milano.

AVVIO SHOCK. L’avvio del match non ha lasciato spazio all’ottimismo: la magica cornice della Peace and Friendship Arena ha messo un po’ di brividi all’EA7 e ha lanciato la prima fuga dell’Olympiakos. nonostante l’assenza di Spanoulis, Perperoglou ha ricordato ai suoi compagni l’umiliazione dell’andata e ha suonato la carica. Il 10-0 dei padroni di casa sembrava il preludio di un no contest, ma Milano ha avuto il merito di non mollare mai la presa; anche se i problemi di falli e la straordinaria precisione dalla lunetta dei greci hanno complicato parecchio il primo tempo delle Scarpette Rosse, il talento di Langford, la fisicità di Lawal e l’imprevedibilità di Jerrells hanno consentito all’EA7 di mantenere il ritmo indiavolato dei padroni di casa. Nel secondo quarto, l’Olimpia ha cavalcato l’onda lunga del suo tiro pesante ed è tornata negli spogliatoi in vantaggio di tre punti.

RIPRESA ENTUSIASMANTE. Il secondo tempo si è aperto con il ritorno dell’Olympiakos; Milano ha impiegato qualche minuto a ritrovare i suoi equilibri, ma non si è lasciata travolgere dagli eventi. I falli degli esterni titolari hanno chiamato in causa la panchina e hanno lasciato spazio alla grinta delle seconde linee; il killer instinct di Kangur e Langford ha prodotto il primo vero strappo targato EA7 e ha scatenato la reazione di Perperoglou, Printezis e Dunston. Quando lo sprint sembrava ormai lanciato, una tripla pazzesca di Langford ha regalato il +4 alle Scarpette Rosse e ha soffocato le velleità dei padroni di casa. Il missile finale di Sloukas ha potuto solo accorciare il gap fra le due squadre: il suono della sirena ha sancito il secondo successo di Milano sui Campioni d’Europa (86-88) e l’allungo dei lombardi sulla formazione greca.

BARCELLONA E CSKA OK. Nell’altro match del Gruppo E, il Barcellona ha travolto 93-73 il Fenerbahce di Zelimir Obradovic e ha proseguito la sua marcia inarrestabile verso il primo posto. Il Girone F ha visto il successo di misura del CSKA a Kaunas (86-88) e la vittoria casalinga del Partizan sul Bayern Monaco (70-55).

Daniel Degli Esposti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *