Dario Greco
No Comments

Serie B: il Lanciano sogna i playoff, ma Baroni frena

L’obiettivo resta la salvezza per il tecnico, ma i frentani sono a soli due punti dal secondo posto

Serie B: il Lanciano sogna i playoff, ma Baroni frena
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La sofferta vittoria contro la Juve Stabia di sabato scorso, grazie alla magistrale punizione di Mammarella, ha regalato alla Virtus Lanciano la terza posizione solitaria, con l’Empoli a solo due lunghezze di distanza. I tifosi rossoneri cominciano a sognare, ma l’allenatore smorza gli entusiasmi, vuole i 50 punti per raggiungere la salvezza e attacca una parte di pubblico.

FAMIGLIA MAIO E PRIMATO – E pensare che nel maggio del 2008 la società abruzzese stava per scomparire dal mondo del pallone; poi, l’intervento di Franco Maio che rilevò la società, assunse la presidenza onoraria del club e nominò la figlia Valentina presidente. La squadra ripartì dalla Prima Divisione e in pochi anni conquistò la prima storica promozione in Serie B. Nella prima stagione, i rossoneri conquistano la salvezza; ma la svolta arriva il primo luglio del 2013, quando la società decide di puntare su Marco Baroni, reduce da due anni alla guida della Juventus Primavera. L’avvio in campionato è dirompente con i frentani che, oltre ad ottenere 11 risultati utili di fila (7 vittorie e 4 pari), si ritrovano da soli in testa alla classifica dalla settima alla tredicesima giornata; poi un calo, fisiologico, ma abbastanza netto frena la corsa dei rossoneri, i quali si riprendono nell’ultima gara dell’anno a Cittadella e proseguono la loro risalita dopo la sosta che ha visto Mammarella e compagni raggiungere la terza piazza, a soli sei punti di distacco dalla capolista Palermo.

La bandiera dei frentani, Carlo Mammarella

La bandiera dei frentani, Carlo Mammarella

NON BASTA – Si sa come va il calcio nostrano e quando abitui i tuoi tifosi troppo bene, finisce che non devi smettere di stupirli. E così capita che durante Lanciano-Juve Stabia, un gruppo di “sostenitori” in tribuna inizia a mugugnare perché la “loro” squadra non riusciva a spuntarla sul fanalino di coda, che negli ultimi turni sta facendo sudare chiunque, cercando di sfruttare ogni chance per provare a rimanere in cadetteria. Per avere la meglio sui campani, ci ha dovuto pensare la bandiera Carlo Mammarella, 176 presenze con la maglia rossonera e un sinistro che disegna traiettorie splendide ed imprevedibili, come quella che ha piegato la Juve Stabia e ha fatto esplodere il “Biondi”, e anche quel gruppetto di “tifosi” che hanno fatto tanto arrabbiare il tecnico Baroni.

“Non mi piace l’aria che si respira” – ha raccontato a fine gara – “questi giocatori hanno fatto dei sacrifici enormi e con grandi meriti siamo a 44 punti. Invece di essere tutti felici, ho sentito delle critiche. La società mi ha sempre chiesto la salvezza e questo obiettivo non è mai cambiato, ma alcuni mugugni mi deludono”. 

Parole a caldo che, comunque, hanno dimostrato il malumore del tecnico toscano, che vuole tenere alta la guardia perché al termine del campionato mancano ancora quindici giornate e già una volta, in questa stagione, i frentani sono scivolati in poche settimane fino alla metà della classifica. Inaccettabile, di certo, il comportamento di questi poche persone, considerando che il calcio, soprattutto in Italia, è così. Ma come si fa a contenere l’entusiasmo dei tifosi, che hanno sostenuto i rossoneri in ogni categoria e ora si ritrovano a -6 dalla vetta?

Dario Greco

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *