Enza Maugeri
No Comments

Slitta la legge elettorale: PD contrario ma voto rinviato a lunedì

Napolitano Super partes spera in un esito positivo, intanto nulla di fatto sulla Parità di genere

Slitta la legge elettorale: PD contrario ma voto rinviato a lunedì
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Legge elettorale: Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati.

Legge elettorale: Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati.

L’Aula della Camera continuerà le votazioni sul Ddl di riforma della legge elettorale fino a mezzanotte. Le votazioni verranno poi riprese lunedì prossimo. La decisione è stata presa a maggioranza in conferenza dei capigruppo, ma con il parere contrario del Pd. La richiesta di interruzione dei lavori parlamentari sulla legge elettorale per la giornata di domani è stata fatta dai Fratelli d’Italia, per poter svolgere il loro congresso, che si terrà a Fiuggi.  Forte il dissenso espresso dal capogruppo del Pd, Roberto Speranza, per questa concessione, che ha chiesto ripetutamente che si procedesse con la riforma elettorale in Aula almeno nella giornata di domani.

NAPOLITANO SUPER PARTES SPERA IN UN ESITO POSITIVO – Mentre sono in corso discussioni e votazioni in Parlamento il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esprime la volontà di mantenere il suo ruolo super partes e in una nota del Quirinale si legge “È fuorviante chiedere al Presidente della Repubblica – in nome di presunte incostituzionalità – di pronunciarsi o “intervenire” sulla materia”  sottolineando che “essendosi finalmente messo in moto alla Camera dei Deputati un iter di revisione di detta legge, il Presidente della Repubblica non può che auspicarne la conclusione positiva su basi di adeguato consenso parlamentare, non avendo altro ruolo da svolgere che quello della promulgazione – previo attento esame – del testo definitivamente approvato dalle Camere”.

STALLO SULLA PARITA’ DI GENERE – Ancora nulla di fatto per l’emendamento quote rosa, perché le forze di maggioranza non riescono a trovare un accordo. Le donne del Pd intanto starebbero raccogliendo firme a Montecitorio per una lettera appello da recapitare a Renzi in favore delle misure sulla parità di genere, lamentando il fatto che la nuova legge elettorale, provocherebbe un peggioramento della presenza delle donne in Parlamento. Tema caro anche al presidente della Camera Laura Boldrini che in una nota dichiara “Che io sia per la completa parità di genere, anche nell’accesso alle cariche pubbliche, è cosa nota-dice Boldrini- Abbiamo due articoli della Costituzione, il 3 (sull’uguaglianza) e il 51 (sulla promozione delle pari opportunità), che ci spingono in questa direzione. E la metà della nostra popolazione è costituita da donne. La nuova legge elettorale deve tenere conto di questo”.

 

Enza Maugeri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *