Dario Greco
No Comments

L’altra Serie A: lotta salvezza, in cinque al grande ballo

A dodici giornate dal termine, salvo sorprese, solo due compagini tra Bologna, Chievo, Livorno, Catania, e Sassuolo rimarranno nella massima serie

L’altra Serie A: lotta salvezza, in cinque al grande ballo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Manca solo il goal a Konè in Verona-Bologna

Konè, protagonista della lotta salvezza con la maglia del Bologna

Come una in una gara di ballo, i cinque sfidanti sono pronti per esibire le loro migliori performance. Perchè nelle ultime 12 battaglie rimaste non sono ammessi più passi falsi e bisogna vender cara la pelle per evitare la retrocessione in serie B. Le prossime due domeniche calcistiche chiariranno, ancor di più, la situazione.

BOLOGNA – I rossoblù sono la squadra messa meglio in classifica, se così si può dire; il saluto di Diamanti, partito in Cina, ha sicuramente messo in difficoltà il tecnico Ballardini che da quando è arrivato ha collezionato 7 punti in 8 gare, di cui quattro pareggi, il blitz in casa del Toro e le sconfitte di misura contro Milan e Roma. L’unica disfatta è stato solo il passo falso al “Dall’Ara” contro l’Udinese di oltre un mese fa, ma ora all’orizzonte si intravede la luce perché i felsinei potrebbero trovare la via della salvezza già nelle prossime due gare: domenica c’è da ritrovare la vittoria davanti ai propri tifosi,  contro il Sassuolo, mentre il 16 marzo altro scontro diretto a Livorno. Due match molto delicati, ma che potrebbero portare i rossoblù verso la salvezza in una stagione, a dir poco, complicata.

Il Chievo di Corini pare essere in picchiata

CHIEVO – L’effetto Corini sorprese l’intero campionato a fine novembre, dove i clivensi conquistarono quattro successi di fila in quindici giorni, tra cui il derby con l’Hellas. Poi, due mesi di buio totale hanno fatto tornare con i piedi per terra i Mussi volanti e il terz’ultimo posto, a pari merito con il Livorno, non fa stare di certo tranquillo l’ambiente gialloblù. La vittoria sul Catania di due settimane fa ha di fatto evitato il fondo alla classifica e nelle prossime tre gare Thereau e compagni dovranno affrontare squadre in salute come il Genoa e durissime come Fiorentina (in trasferta) e Roma, prima dello scontro di fine mese con il Bologna.

LIVORNO – Scenario complicato anche per la squadra di Mimmo Di Carlo, che da quando è arrivato ha risollevato i labronici con ben 8 punti raccolti sui 18 disponibili nelle ultime sei giornate; il calendario non sembra amico, con tre trasferte in quattro gare molto pericolose con Sampdoria, Torino e Atalanta e lo scontro interno con il Bologna fra due turni, ma se Paulinho e compagni continueranno a giocare come nell’ultimo periodo le possibilità di restare in Serie A potrebbero lievitare.

Gonzalo Bergessio, a secco da un po' dovrà risollevare le sorti di questo Catania

Gonzalo Bergessio, a secco da un po’ dovrà risollevare le sorti di questo Catania

CATANIA – Gli etnei sono la squadra che nel 2014 ha fatto più punti di tutte (9), ma si ritrovano nella penultima posizione. Il ritorno di Maran sulla panchina dei siciliani sembrava aver sortito gli effetti sperati con i quattro risultati utili consecutivi, con tre pari e la vittoria sulla Lazio; poi, le ultime due sconfitte hanno frenato la risalita del club di Pulvirenti. Ora, gli etnei hanno l’occasione per tirarsi fuori dalla zona retrocessione con la gara di domenica prossima al “Massimino” contro il Cagliari e lo scontro diretto di Sassuolo fra dieci giorni.

SASSUOLO – Il flop Malesani ha riportato Di Francesco, l’allenatore della promozione, alla guida dei neroverdi. Il sogno “impossibile” è la salvezza e qualcosa in più la sapremo dopo i prossimi due appuntamenti che rappresentano il crocevia decisivo: Il derby emiliano con il Bologna e il match al “Mapei Stadium” col Catania valgono l’intera stagione; due sconfitte segnerebbero, quasi, la retrocessione, ma almeno una vittoria potrebbe far ritornare la squadra del presidente Squinzi a giocarsi, nelle ultime dieci giornate, la permanenza nella massima serie.

Dario Greco

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *