Redazione

Genoa, un mercato all’insegna delle alleanze con le grandi

Genoa, un mercato all’insegna delle alleanze con le grandi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

GENOVA, 6 GIUGNO – Il calciomercato sta per entrare nel vivo e, come tutte le stagioni, la prima fase è quella dedicata alla definizione delle comproprietà esistenti tra le varie società. Entro la scadenza fissata per il 22 Giugno i sodalizi che hanno delle compartecipazioni devono necessariamente trovare un’intesa per evitare di decidere il destino dei giocatori alle buste. Le società di serie A contano in totale ben 262 comproprietà e tra queste il record è detenuto dal Genoa che ha la bellezza di 36 situazioni da risolvere. La società ligure da alcuni anni a questa parte ha infatti impostato il proprio mercato stringendo alleanze con le grandi del calcio italiano con le quali ha spesso e volentieri acquistato giocatori in compartecipazione godendo di conseguenza di privilegi in termini economici e tecnici.

LE OPERAZIONI EFFETTUATE – Le operazioni effettuate negli ultimi anni sono state parecchie ed hanno visto la società rossoblu concludere affari con tutte le 3 grandi storiche del calcio italiano vale a dire Milan, Juventus ed Inter. Con i rossoneri nella scorsa estate venne concluso uno scambio di comproprietà con Stephan El Shaarawy trasferitosi alla corte di Massimiliano Allegri e Alexander Merkel approdato il Liguria. Lo stesso centrocampista tedesco nel mercato di Gennaio, a causa dei numerosi infortuni dell’organico milanista, ritornò a Milanello in prestito rimanendo comunque a metà tra il Milan e il Genoa. Con l’Inter l’operazione più importante è stata quella che ha visto coinvolto Andrea Ranocchia, difensore centrale da tempo nel giro della Nazionale di Cesare Prandelli. Di proprietà del grifone dall’estate del 2008 il giovane difensore venne inviato in prestito biennale al Bari e al suo ritorno dall’esperienza in Puglia entrò a far parte della rosa rossoblu con il Genoa che cedette metà del suo cartellino alla società di Massimo Moratti. In cambio alla società di Enrico Preziosi andarono 6 milioni di Euro e il prestito con diritto di riscatto della compartecipazione di Mattia Destro. Nella successiva sessione di mercato invernale nel Gennaio 2011 l’Inter acquistò la seconda metà del cartellino di Ranocchia in cambio di 12,5 più la modifica del diritto di riscatto di Destro che diventò dell’intero cartellino e non più solo della metà. Alla fine della stagione 2010/2011 il Genoa fece valere l’opzione sul riscatto dell’attaccante marchigiano il cui cartellino diventò quindi al 100% di proprietà del club ligure. All’estate del 2011 risale anche lo scambio delle metà dei cartellini di Juraj Kucka ed Emiliano Viviano che restarono tuttavia nei rispettivi club di appartenenza con il Genoa che a Gennaio cedette la parte in suo possesso del cartellino del portiere al Palermo.Più recente è invece la collaborazione con la Juventus che a Gennaio ha ceduto ai liguri la metà del cartellino di Ciro Immobile che tuttavia ha completato l’ultima stagione tra le fila del Pescara diventando il capocannonniere del campionato cadetto con 28 reti.

LE POSSIBILI OPERAZIONI FUTURE – Le sinergie con le big dovrebbero continuare anche in questa sessione di calciomercato con alcuni affari che sembrano già in dirittura d’arrivo. E’ questo il caso della trattativa in atto tra Genoa e Milan per il trasferimento in rossonero di Francesco Acerbi. L’ex difensore della Reggina è in comproprietà tra il club rossoblu e il Chievo ed ha attirato le attenzioni dei rossoneri in seguito ad una seconda parte di stagione disputata veramente alla grande. L’idea di Enrico Preziosi è quella di riprendere la seconda metà del cartellino del giocatore per poi girarla al Milan che vorrebbe farne l’erede di Alessandro Nesta. Sempre con il Milan è praticamente già stato definito il futuro di Alexander Merkel e Stephan El Shharawy con il cartellino del tedesco che diventerà completamente del Genoa mentre il talento italo-egiziano sarà interamente un giocatore rossonero.Da seguire anche l’evolversi della situazione legata a Mattia Destro, che nel mercato estivo 2011 il Genoa ha ceduto al Siena in prestito con diritto di riscatto della comproprietà. Il giovane attaccante, con una stagione da incorniciare, ha attirato l’attenzione delle grandi e sembrava destinato ad un ritorno all’Inter ma ultimanente la Juventus sembra passata in pole per il suo acquisto in quanto la società bianconera potrebbe mettere sul piatto della bilancia la seconda metà del cartellino di Immobile. Intrecci di mercato con il Genoa protagonista anche per quanto riguarda il futuro di Marco Verratti del Pescara che sembrava destinato alla Juventus prima che l’Inter provasse ad aggiudicarsi il giocatore con l’aiuto dei liguri. L’intervento del sodalizio bianconero nei confronti del Genoa ha però impedito che il progetto dei nerazzurri andasse in porto e adesso il talento abruzzese potrebbe trasferirsi a Torino proprio grazie alla sinergia tra i campioni d’Italia e la società di Enrico Preziosi.

Tanti intrecci insomma tra il Genoa e le grandi del calcio italiano. Enrico Preziosi è uno dei dirigenti più esperti del calcio italiano ed ha perfettamente compreso come, in tempi di recessione come quelli che stiamo vivendo, il modo migliore per sopravvivere sia quello di operare a stretto contatto con realtà più grandi della sua che gli possono consentire di realizzare importanti plusvalenze e buoni colpi anche sotto l’aspetto tecnico.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *