Simone Viscardi
No Comments

Nba, i risultati della notte: risveglio Lakers a Portland

Nba: i gialloviola vincono all'ultimo contro i Blazers in striscia positiva. Pelicans stoppati a Sacramento da Cousins e Thomas, ok i Bucks

Nba, i risultati della notte: risveglio Lakers a Portland
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Notizia clamorosa dalla notte Nba, i Lakers tornano a vincere e lo fanno contro una delle squadre più in forma della lega. Una schiacciata di Johnson a 7 secondi dalla fine permette a coach D’Antoni di uscire soddisfatto dal parquet di Portland. A Sacramento i padroni di casa si aggiudicano il “derby dei poveri” contro New Orleans, mentre i Milwaukee Bucks superano in casa gli Utah Jazz. Tutte le sintesi delle gare Nba le trovate solo su SportCafe24.

Portland Trail Blazers-Los Angeles Lakers 106-107

I Lakers tornano a vincere mietendo una vittima importante. I Portland Trail Blazers arrivano alla sfida reduci da una settimana perfetta, che li ha rilanciati al terzo posto della Western Conference. D’Antoni sceglie Johnson in marcatura su Aldridge e si affida all’esperienza di Pau Gasol. Partono forte gli ospiti, che scappano fin dai primi minuti sfruttando le indecisioni offensive di Portland, che in tutto il primo tempo regalano ben 22 punti in contropiede. I padroni di casa si affidano al solito Aldridge e a Lopez (doppia doppia per lui), mentre Lillard fatica a far girare la squadra a suo piacimento. Nonostante una percentuale disastrosa dal campo – 39% – i Blazers riescono a rifarsi sotto nei minuti finali, grazie a un parziale di 21-8. Il sorpasso arriva nell’ultimo minuto sul 106-105, ma Lillard sbaglia il libero che avrebbe potuto garantire maggiore tranquillità. Alla ripresa del gioco, dopo il time-out Lakers, Bakemore va alla rimessa e pesca la parabola perfetta per l’Alley Oop di Johnson, giocata decisiva per la vittoria di LA. Lo stop casalingo non complica di molto le speranze dei Blazers (41-19), mentre la vittoria dei Lakers è utile solo per il morale (21-39).

Portland: Aldridge 21, Lillard 20, Lopez 19. Rimbalzi: Lopez 16. Assist: Lillard, Batum e Williams 5.
Los Angeles: Gasol 22, Meeks 21, Bazemore e Johnson 14. Rimbalzi: Gasol 9. Assist: Marshall 11.

Sacramento Kings-New Orleans Pelicans 96-89

In palio nella sfida californiana c’era ben poco, con due squadre abbondantemente sotto al par utile per qualificarsi ai playoff. La partita gira attorno a due nomi, che si spartiscono tempi e punti e che garantiscono il successo ai padroni di casa. Cousins fa sua la prima parte di gara mettendone a referto 17, mentre Isaiah Thomas chiude la sfida nel finale con 18 dei suoi 22 punti. A supporto dei due protagonisti buona prova per Rudy Gay. Ai Pelicans, in una notte da dimenticare per Anthony Davis, non bastano i 27 punti (con 10 rimbalzi) di Evans. Una vittoria che come detto cambia poco in classifica, sia Kings (21-39) che Pelicans (23-37) sono ormai da tempo relegate ai piani bassi della lega.

Sacramento: Cousins 23, Thomas 22, Gay 14. Rimbalzi: R. Evans 13. Assist: Thomas 5.
New Orleans: T. Evans 27, Roberts 15, Davis 13. Rimbalzi: T. Evans 10. Assist: T. Evans 8.

Milwaukee Bucks-Utah Jazz 114-85

I Bucks conquistano la 12a vittoria della loro disastrata stagione e lo fanno contro gli Utah Jazz (21-39) in caduta libera e alla sesta sconfitta nelle ultime 8 gare. Ilyasova è il protagonista dei padroni di casa, che grazie al parziale di 40-19 nel terzo quarto fanno loro la partita, complice la percentuale di 22% dal campo degli ospiti. La pochezza degli Utah Jazz li fa scivolare abbondantemente sotto i 30 punti di scarto, sintomo che, unito alla assenza di una reazione degna di questo nome, fa capire come per loro la testa sia già proiettata all’anno prossimo.

Milwaukee: Ilyasova 31, Sessions e Pachulia 14, Knight 11. Rimbalzi: Adrien 11. Assist: Knight, Wolters e Pachulia 5.
Utah: Kanter 27, Hayward 20, Burks 12. Rimbalzi: Kanter 14. Assist: Burke 5.

Simone Viscardi

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *