Redazione
No Comments

F1, il Pagellone dopo i Test del Bahrain (2)

Williams e Mercedes davanti a tutti. Poi Force India, McLaren e Ferrari. Chiudono lo schieramento Sauber, Red Bull, Toro Rosso, Marussia, Catheram e Lotus

F1, il Pagellone dopo i Test del Bahrain (2)
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Prima di iniziare vi ricordo che dal 16 marzo, in occasione del Gran Premio d’Australia che apre la stagione, potrete seguire LIVE ed in Esclusiva SportCafe24 la telecronaca in Diretta di tutti i 20 Gran Premi commentati da Pallocca Alessandro e  Francesco Vigorito. Tutto questo per non farvi perdere nemmeno un minuto del mondiale apertissimo che ci attende. E adesso iniziamo!

Dopo 12 giorni di test ancora non si è delineato al meglio un quadro della situazione tra le varie scuderie. Abbiamo solo alcune certezze: a Melbourne l’affidabilità sarà fondamentale come saper arrivare in fondo alla gara ancora col carburante e le gomme a posto. Ma passiamo direttamente ai voti:

10: La Williams è stata stupefacente. Arrivava da una stagione da 13°-14° posto ed ora può lottare per la vittoria. Massa è rinato ma anche Bottas si è confermato al top. Gli ingegneri di Sir Frank Williams hanno lavorato alla grande e grazie al propulsore Mercedes sono arrivate anche le prestazioni. La casa inglese è quella che ha macinato più km dopo la Mercedes stessa ed ha registrato il giro in assoluto più veloce sul circuito del Barhain. Solo l’Australia saprà dirci se sono tornati i tempi d’oro.

Test- Hamilton

Test- Hamilton

9:  La Mercedes quest’anno ha creato un motore eccezionale, la prova sono le 4 squadre che lo montano e che sono tutte e 4 sempre nei primi 5 posti. E’ sembrato però che la macchina manchi di stabilità in entrata in curva, sintomo di un sistema frenante, il brake-by-wire, non ancora settato alla perfezione. C’è ancora da migliorare, questo è sicuro, ma le basi sono solidissime: l’affidabilità c’è, per ora anche la prestazione, in Australia la Mercedes sarà sicuramente là davanti con i primi.

8: La McLaren in questi ultimi 4 giorni di test è risultata un po’ più indietro per problemi di affidabilità. Ma non dimentichiamoci che negli altri 8 giorni è stata sempre a ridosso della Mercedes. La prestazione c’è, ora bisogna vedere di far arrivare la vettura al traguardo. La sospensione posteriore è molto innovativa ma da sola non basta a fare un salto di qualità tale da vincere nell’immediato. La carta in più è sicuramente Button, pilota esperto che riesce a capire le dinamiche della gara come pochi e soprattutto gestisce egregiamente gli pneumatici.

7: La Force India chiude il quartetto dei motorizzati Mercedes, ma non è detto che questa sia la sua reale posizione (infatti potrebbe essere davanti anche rispetto alla McLaren). I piloti sono molto forti, soprattutto Hulkenberg, mentre su Perez la maggior parte degli addetti ai lavori ha ancora qualche dubbio. La macchina macina km, è risultata abbastanza affidabile e veloce, vedremo cosa saprà fare a Melbourne, ma ci sono solide basi di partenza.

6: La Sauber è una vettura che si è dimostrata abbastanza affidabile (177 i giri percorsi solo nell’ultima giornata di test) anche se le prestazioni sono altanelanti. Già nel precedente Pagellone avevo messo in evidenza la decisione, bocciata da me, di dare in mano la vettura a due piloti mediocri come Gutierrez e Sutil. Però bisogna dare il merito alla stessa Sauber di aver progettato una vettura (il motore no, quello è Ferrari) abbastanza veloce e che non è poi cosi distante dalla Madre (la Ferrari appunto). Non credo però che a Melbourne ci saranno grandi sorprese.

test_alonso

test_alonso

5: E adesso apriamo il capitolo Ferrari; la buona notizia è che ha chiuso l’ultimo giorno in 3à posizione, la cattiva notizia è che dista dalla prima posizione poco più di 1 secondo. La situazione non è delle più rosee. Lo stesso Domenicali ha ammesso che davanti ci sono Williams e Mercedes e poi forse la Ferrari. Per una vettura che si prepara al 2014 già da 3 anni (forse per questo abbiamo buttato 3 mondiali) e lavora al propulsore da altrettanto ci saremmo aspettati non dico già la vetta ma almeno di giocarci la gara con una situazione, come dire, un filino migliore. Ed invece ci ritroviamo, come tutti gli anni, a rincorrere qualcuno. Qualche speranza però ancora c’è: la vettura di Maranello sembra alla pari con le altre nel passo gara, e forse consuma anche meno delle altre i 100kg di carburante a disposizione quest’anno per tutti i team. Non dimentichiamoci che la coppia di piloti è fortissima, e questo può trasformarsi in un vantaggio nell’arco di tutto il campionato. A Melbourne possiamo solo che incrociare le dita.

4: La Catheram ha espresso un buon potenziale solo in termini di affidabilità, essendo la vettura motorizzata Renault con più km all’attivo. Le prestazioni invece sono ancora lontane: quella migliore dista 5 secondi da quella di Massa e questo ci consente di dire che queste vetture volute da Mosley sono sempre irrimediabilmente dietro con distacchi pazzeschi. Catheram-Marussia? La Gp2 è li per voi  e vi aspetta a braccia aperte!

3:  La Marussia ha avuto grandissimi problemi di affidabilità, per ben 2 giorni non è riuscita nemmeno a girare ( si parla persino di un virus Trojan che ha infettato il loro software che gestiva il motore elettrico), ma quando ci è riuscita ha fatto tanti giri ed anche buoni, infatti distano dalla vetta “soltanto” di 3 secondi e mezzo. Anche Jenson Button punto su di loro: “Ci sono molte scuderie competitive in questo momento, e la Marussia è tra queste. Durante i test ho avuto modo di seguire da vicino Jules Bianchi, e la sua macchina mi sembra messa molto meglio rispetto all’anno scorso. Hanno fatto molti progressi e parecchi ne resteranno colpiti” (ma io di sicuro no).

test_red bull

test_red bull

2: La ToroRosso e la Red Bull versano nella stessa condizione. Enorme difficoltà a girare e tempi piuttosto altini ( i distacchi sono quasi sui 3 secondi). La chiave sarà risolvere il problema affidabilità e poi la Red Bull sarà un problema per tutti, parola di Lewis Hamilton: “Sembra che la loro vettura sia straordinaria, e solitamente la vettura più bella è la più veloce dunque sono sicuro che saranno veloci anche quest’anno. Una volta che risolveranno i problemi al motore penso che loro saranno difficili da battere.”

1: La Lotus ha concluso questi test in maniera vergognosa: è uscita poche volte e la maggior parte è riuscita a rientrare grazie al carro attrezzi. Le prestazioni sono le peggiori tra tutti i team. Grosjean ha dichiarato che andare a punti sarebbe un miracolo, e mi dispiace dirlo ma è davvero cosi. Soltanto quando Renault avrà sistemato i problemi alla Power Unit allora potremo sapere queste vetture di che pasta sono. Ora possiamo soltanto aspettarci pochi risultati e tante rotture.

E ora se volete divertirvi potete osservare qua di seguito la griglia di partenza (molto) virtuale di Melbourne. Noi invece ci risentiamo direttamente il 14 marzo, giorno delle prime prove libere in Australia.


Pilota Scuderia

Miglior tempo

Distacco

Giri totali

1 Felipe Massa Williams

1’33”258

202

2 Lewis Hamilton Mercedes

1’33”278

+0.020

159

3 Nico Rosberg Mercedes

1’33”484

+0.226

192

4 Valtteri Bottas Williams

1’33”987

+0.729

236

5 Fernando Alonso Ferrari

1’34”280

+1.022

196

6 Sergio Perez Force India

1’35”290

+2.032

213

7 Kimi Raikkonen Ferrari

1’35”426

+2.168

141

8 Nico Hulkenberg Force India

1’35”577

+2.319

189

9 Jean-Eric Vergne Toro Rosso

1’35”701

+2.443

135

10 Daniel Ricciardo Red Bull

1’35”743

+2.485

105

11 Kevin Magnussen McLaren

1’35”894

+2.636

197

12 Daniil Kvyat Toro Rosso

1’36”113

+2.855

136

13 Adrian Sutil Sauber

1’36”467

+3.209

181

14 Max Chilton Marussia

1’36”835

+3.577

105

15 Jenson Button McLaren

1’36”901

+3.643

74

16 Jules Bianchi Marussia

1’37”087

+3.829

153

17 Esteban Gutierrez Sauber

1’37”303

+4.045

192

18 Sebastian Vettel Red Bull

1’37”468

+4.210

78

19 Marcus Ericsson Caterham

1’38”083

+4.825

172

20 Kamui Kobayashi Caterham

1’38”391

+5.133

125

21 Romain Grosjean Lotus

1’39”302

+6.044

65

22 Pastor Maldonado Lotus

1’40”599

+7.341

62

 

Giri totali per scuderia

Scuderia

Giri totali

1 Williams

438

2 Force India

402

3 Sauber

373

4 Mercedes

351

5 Ferrari

337

6 Caterham

297

7 Toro Rosso

271

8 McLaren

271

9 Marussia

258

10 Red Bull

183

11 Lotus

127

 

Giri totali per propulsore

Motore

Giri totali

1 Mercedes

1462

2 Ferrari

968

3 Renault

878

Pallocca Alessandro

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *