Modestino Picariello
12 Comments

“Cara Juve, sei un bluff”: firmato Verratti e Prandelli

Prandelli e Verratti smascherano tutti i limiti della squadra e della società Juve appena mette il naso fuori dall'orticello

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
"La Juve? sarebbe un passo indietro", parole di Marco Verratti

“La Juve? sarebbe un passo indietro”, parole di Marco Verratti

C’era una volta un giovane Conte, che due mercanti riuscirono ad imbrogliare con un subdolo trucco: presentandosi senza niente in mano, gli fecero credere di avere con sé l’abito più bello del mondo, fatto da un tessuto speciale, visibile solo dalle persone intelligenti! Il Conte non vedeva niente, ma non poteva certo ammettere di non essere intelligente, quindi lodò la bellezza del vestito e pagò a peso d’oro il niente assoluto offerto dai mercanti. Anzi, ne fu così entusiasta che decise di indossarlo per farsi ammirare dal suo popolo. I popolani, avvertiti da un servo, non osarono avvertire il re che in realtà stava girando in mutande, finché in un mercato, due bambini lo incrociarono e si misero a ridere come dei matti. La mamma li rimproverò:” Come osate ridere davanti al Conte?” . E loro: “Ma mamma, non vedi? Il Conte gira nudo per la strada, come facciamo a non ridere!”

Oggi il Conte è invecchiato, non regna più, ma fa l’allenatore: non ha perso però il vizio di esagerare in pubblico e oggi come allora quei due bambini, anche loro cresciuti e diventati Marco Verratti e Cesare Prandelli, lo prendono ancora in giro, mostrando a tutti che, tolto il velo dell’ipocrisia della serie A, il Conte bianconero è nudo, e sempre più ridicolo.

VERRATTI: “JUVE? NO, GRAZIE!”  – Prima ci pensa quindi Verratti a mostrare quanto vale la Juve all’estero, con parole chiare ed inequivocabili:”Se andassi alla Juve per me sarebbe un passo indietro. Col Psg nei prossimi anni vinceremo tutto”. Ora, chi mi legge sa che ritengo Verratti uno che ha ancora tutto da dimostrare, sopravvalutato da molta stampa italiana: ma qui il ragazzo ha mostrato fegato e gli va dato onore. A seguire il mercato, infatti, pare che sia in ballo uno scambio tra il Psg e la Juve: Verratti (e forse Lucas) in cambio di Pogba. E se un ragazzino di ventitré anni si permette di bruciarsi una tale destinazione, vuol dire davvero che l’appeal internazionale della vecchia signora è zero! No Champions League? Ahi ahi ahi ahi ahi….

CONTE, PRANDELLI E IL CHIELLINI BALLERINO – Poi ci pensa Prandelli a svergognare allenatore e società in una vicenda assurda. I fatti: Chiellini, portato in panchina a Milano dopo tre settimane di stop, viene convocato da Prandelli per l’amichevole contro la Spagna. Conte si inalbera (“Chiellini convocato in Nazionale? Siamo meravigliati… non facciamo polemiche ma vorremmo comunicare di più” ), Marotta rincara la dose (“Parleremo domani nelle sedi opportune”) ma Prandelli risponde a tono a entrambi, avvertendoli che “alle 23.20 (del giorno prima della convocazione ndr) è arrivato l’sms di conferma del medico della Juventus, e io convoco i calciatori solo con l’ok dei medici”. Ora, fermo restando che Prandelli è libero (forse anche troppo) di convocare chi vuole e non si vede per quale motivo debba avvertire prima Conte o Marotta, la situazione dimostra anche che all’interno della società juventina non comunicano affatto. Cosa costava infatti chiarirsi internamente ed evitare figuracce? Scusi, vuol parlare con me? Grazie, preferisco di no….

Citando un vecchio proverbio “nel paese dei ciechi anche l’orbo è un re”, e se la società dominatrice del campionato si fa trattare così, vuol dire che la sua immagine di potenza è assai limitata, come lo è, purtroppo, il campionato che sta dominando. Altro che invincibile Juve: fuori dal campionato, è una pernacchia continua!

Modestino Picariello

Share Button

12 Responses to “Cara Juve, sei un bluff”: firmato Verratti e Prandelli

  1. dario 5 marzo 2014 at 10:30

    Verratti non deve dimostrare nulla, ha ormai dimostrato quello che vale! Molti dicono che il campionato francese non sia un banco di prova affidabile….e allora cosa mi dice delle prestazioni di Marco Verratti in Champions? Sempre impeccabile! Ah, vorrei dirle che il ragazzo ha 21 anni e non 23!

    Rispondi
  2. Domenico 5 marzo 2014 at 11:56

    Premettendo che ognuno ha la massima libertà di esprimersi e dire la propria (e ci mancherebbe). Trovo l’articolo PESANTEMENTE anti-juventino. Essere anti-juventini è lecito, per carità, però bisogna quantomeno fare attenzione a ciò che si scrive, va bene la provocazione, a patto che ciò che si scrive sia corretto e non frutto esclusivamente di pareri personali. Questo vale per un articolo come questo, e per un articolo filojuventino o di qualsiasi altra squadra. Personalmente, credo che Conte per primo sia a conoscenza del fatto che, la sua squadra non è competitiva ai massimi livelli in Europa. Quest’anno è andata male, ma non dimentichiamo le due grandi partite contro il Real, che adesso asfalta chiunque in patria e in Europa, non dimentichiamo la vittoria col Chelsea campione d’europa, il primo posto nel giro dell’anno scorso. Non dimentichiamo inoltre che questo è il secondo anno di Conte e della Juve in champions, dopo anni di mediocrità. Ripeto ciò che ho detto prima, la provocazione va bene, a patto che ciò che si scrive sia quantomeno corretto. Con questo non voglio insegnare a nessuno come scrivere o altro, me ne gusrdo bene dal farlo, dico però che leggendo l’articolo, traspare la palese lmancanza di imparzialità dello scrittore e dell’articolo.

    Rispondi
  3. franco 5 marzo 2014 at 12:23

    caro prandelli ti ritenevo più serio perché visto che la juve ha potenza limitata hai 5/7 giocatori nell’italia cosa speri di vincere?

    Rispondi
  4. Modestino Francesco Picariello 5 marzo 2014 at 13:47

    Salve, sono l’autore dell’articolo. Sull’errore anagrafico, chiedo venia, riparerò. Sul resto, quaando mi parlano di Verratti, io chiedo solo una cosa: Cosa ha vinto finora Verratti da PROTAGONISTA? Non da titolare, da PROTAGONISTA? Aspetto risposta….

    Grazie del commento e continui a leggermi. Un saluto

    Modestino

    Rispondi
  5. Antonio 5 marzo 2014 at 14:06

    le cagate di Prandelli ormai sono un’abitudine…se tra un paio d’anni la Juve diverrà piu forte del PSG, io imbastirei una trattativa per Verratti e all’ ultimo minuto gli direi: “mi dispiace, no nsei un top player”

    Rispondi
  6. Modestino Picariello 5 marzo 2014 at 14:09

    @ Franco: scusa, ma dov’è che Prandelli ha detto che la Juve è limitata? quello è un commento mio, riferita alla sua immagine, non alla sua potenza sul campo di serie A. Guarda che prandelli è juventino dentro, per questo una polemica con Conte è ancora più indicativa di come la Juve non sappia gestire la comunicazione, che è quello che criticavo nell’articolo.

    @ domenico : l’opinione sulla Juve non è mia ma è di Verratti, che ha detto palesemente “Alla Juve non ci vado perché voglio essere protagonista in Europa”. Sono fatti, pecco di parzialità quando li riporto? Se poi mi smentisci le parole di Verratti, conte e Prandelli (ho i comunicati di tutte e 3) e me lo dimostri, chiedo venioa e faccio un passo indietro. Quindi ad aver “sbagliato” a tuo avviso, è Verratti, mica io :D! Detto questo, come scritto su facebook, ho “bastonato” tutte le strisciate, ti basta leggermi. Ho una grande fede calcistica, ma se devo scrivere, anche contro la mia squadra, mi do un grande pizzico e lo faccio. E’ la stampa, bellezza,……

    Modestino

    Rispondi
  7. Ahahaha 5 marzo 2014 at 15:02

    Non posso che ridere di fronte a questo articolo. Prandelli usa sempre due terzi della Juventus titolare nella propria nazionale, anche a costo di romperli (Barzagli e Chiellini docet). Verratti è in una squadra che va avanti strapagando i suoi giocatori e che in Europa si appoggia, per ora, su Ibrahimovic in attesa di trovare un avversaria decente. Ma Verratti in Champions non mostra mai chissà quale dote. Volete una prova? Prandelli che schiera Thiago Motta titolare al posto di Andrea Pirlo come regista e non Verratti. E molte volte non lo convoca neanche. Invece in Francia, Pogba si è guadagnato il posto fisso, Vidal e Isla sono titolarissimi con il Cile, Cáceres è un punto fermo dell’Uruguay, Lichsteiner della Svizzera. E chissà perché, tutte le squadre più forti del mondo vogliono almeno un giocatore della Juventus. Non è che l’appeal internazionale della Juventus è zero, anzi tutt’altro. E’ che Verratti sa bene che alla Juventus rischierebbe di non giocare comunque, almeno fino al ritiro di Pirlo (così come non gioca in nazionale) e non prenderebbe neanche i milioni che prende lì. Insomma, riflettere prima di pubblicare, sarebbe d’obbligo, almeno solitamente.

    Rispondi
    • Modestino Picariello 5 marzo 2014 at 15:31

      Nessuno ha detto che Prandelli non usi gli Juventini: LUI E’ JUVENTINO! Il punto è che è tutto in diritto di farlo e le parole di Conte sono senza senso.
      Sul Psg, magari se non ci scordiamo Cavani e Thiago Silva, solo per fare 2 esempi, è meglio… e metà del Psg sarebbe titolare in tutta Europa. Su Verratti sono d’accordo, ma c’è da dire che lui è ancora in Champions. Infine, non parlavo di appeal (ovvero forza della rosa, presa pezzo per pezzo), ma di immagine, ovvero di come viene vista nel complesso la Juve all’estero. Grazie per la lettura, Fabio

      Rispondi
  8. nicola.v. 5 marzo 2014 at 15:37

    caro MODESTINO,dici qualcosa di vero quando sostieni che nel campionato italiano regna l’ipocrisia..e’ un fatto,determinato dalla politica calcistica,dalle dirigenze e soprattutto dai tifosi(come te) che omettono l’imparzialita’e il senso dello sport e che invece ostentano con orgoglio rabbia, rancore sportivo ed un senso di frustrazione(sempre sportiva s’intende)che trascende in fenomeni di voyerismo(calcistico nn fraintendere)ove la massima espressione del godimento e’ rappresentata dalle sconfitte o da guai societari della juve molto piu’ che dalle vittorie(scarse e veramente infangate)ottenute dalle squadre per cui tifate..citare Verratti come custode della storia del calcio e come persona che puo’ determinare ill blasone di una squadra come la juve e’ alquanto ridicolo..la tua stessa visione PARZIALE avrebbe dovuto ricordargli che se fosse venuto alla juve,negli ultimi anni avrebbe vinto piu’ di quanto abbia sinora fatto nel psg,ma si sarebbe goduto la vittorie dalla panchina perche’ visti gli attuali centrocampisti della juve nn avrebbe avuto altra collocazione.. ( forse questa consapevolezza gli fa credere che sia meglio rimanere a Parigi)..avrebbe forse tolto il posto a vidal che a proposito di blasone scelse la juve piuttosto che il B.monaco?o a Pogba che prendera’ il suo posto valendo 100 volte tanto….ps,dici anche un’altra cosa esatta …che la potenza della juve e’ assai limitata ed io ti do ragione perche’ se fosse vero il contrario oggi avremmo in bacheca almeno 4 coppe dei campioni in piu’ che ci sono state letteralmente truffate da squadracce che nulla avevano a che vedere con la juve ed anche qualche scudetto,regalato qua e la dai politicanti dello sport a presidenti e societa’ inguardabili che questuavano titoli e favori sportivi e finanziari in federazione..nn dici il vero quando sostieni che il campionato italiano e’ “depotenziato”..nn e’ cosi…sicuramente il livello nn e’ quello degli anni 90 e 2000 per tante ragioni,ma oggi appare ancora meno competitivo perche’ c’e’ una squadra seria che ha piu’ di qualche gradino sopra le altre,sia dal punto di vista tecnico che gestionale..e voglio ricordarti che i campionati depotenziati sono quelli che ha vinto l’inter,senza avversari,eliminati in modo indegno e chirurgico e dal milan che ha vinto l’ultima c.l.da “squalificata miracolata” nell’affare calciopoli…(queste invece avrebbero blasone e prestigio internazionale secondo te?)no…queste squadre,(le altre nn le consideriamo x mancanza di dati storici e oggettivi x giudicarle)se la juve e’ una pernacchia continua,bene queste sono delle loffie,di quelle puzzolenti e che ti sporcano le mutande…la speranza e’ che almeno le mutande le cambino..invece di rimanere nello sporco e GUARDARE gli altri.

    Rispondi
    • Modestino Picariello 5 marzo 2014 at 15:53

      Caro Nicola

      1) La mia rubrica si chiama overvaluation e tratta tutto ciò che c’è di sopravvalutato nel mondo del calcio. Stavolta tratto l’immagine della Juve in Europa. Ho dedicato articoli anche all’Inter e al Milan, dello stesso tono se non più cattivi. Quindi, come fai a capire la mia squadra? Non ce l’ho con nessuno, mi limito a riportare i fatti che vedo, come li vedo.

      2) Ho detto che per me Verratti ha tutto da dimostrare, e l’ho definito ragazzino di 21 anni, quindi non so dove hai letto le lodi. Non determina un blasone, ma l’attrattiva del mercato sì

      3) Sulle coppe rido io, perché 2 son le cose: o le squadracce erano veramente squadracce e allora voi eravate peggiori di loro, o forse in Champions non avete mai troppo brillato. Ah, la squadra per cui tifo non ha mai avuto scudetti revocati, né vittorie ridicolizzate col cartone, te lo garantisco io. Quindi, come la mettiamo?

      4) Sul campionato italiano, ti invito a fare una statistica. Guarda i punti fatti dalle ultime 5 in campionato finora, e confrontali con quelli farri dalle ultime 5 degli altri anni. Poi mi dici se la media è superiore o inferiore….

      In ogni caso grazie per la lettura e spero continuerai a seguirmi. Saluti

      Modestino

      Rispondi
      • nicola.v. 5 marzo 2014 at 18:38

        caro MODESTINO nn mi sono francamente fatto la domanda su quale squadra tieni…infatti nella mia e-mail ti ho descritto come antijuventino perche’ ribadisco che piu’ che tifare x qualsiasi squadra,la laoro squadra,gli antijuventini sono uniti in una sorta di consorzio che gode delle disgrazie juventine..e nn solo milanisti o intertristi..potresti essere anche tifoso del napoli o della roma,nn cambia nulla..sei innanzitutto antijuventino e l’enfasi con la quale hai messo in risalto le parole di un calciatore qualsiasi o una stupida querelle tra conte e prandelli,lo dimostrano..ti ricordo solo che nonostante gli epiloghi siano spesso stati sfortunati xla juve(vedi le innumerevoli finali perse),la stessa juve,a differenza di tutte le altre societa’,real madrid compreso, e’ sempre stata protagonista(vedi record di partite consecutive in c.l ancora imbattuto con 3 finali e una semifinale consecutive,preceduta da una finale di coppa uefa e vedi il riconoscimento fifa e uefa conferito alla PRIMAsquadra ad aver vinto tutte le competizioni europee,pareggiato solo dopo anni dal barcellona..e’ indiscutibile che il rapporto con le competizioni europee,specialmente la c.l.rappresenta una sorta di maledizione xla juve che ha raccolto molto meno di quanto meritasse in virtu’ del numero di finali affrontate da protagonisti assoluti e da favorit assoluti..ma questo e lo dico nn solo a te ma anche a verratti(che dovrebbe fare il ruolo di platini o di deschamps o di davids o di zidane o di paulo sousa o di tardelli e nn mi sembra francamente all’altezza,da tutti i punti di vista)a proposito di blasoni immaginari e per nulla rispettosi della storia…vuoi mettere il psg con la juve?ridicolo…noi il prossimo anno saremo li’ per la centesima volta,come sempre tra le prime 4 0 5 protagoniste assolute..e la storia continua..a riguardo leggersi quel che ha detto sir alex ferguson riguardo alla storia la serieta’ il prestigio ed il modo di giocare della juventus in italia e nel mondo…sono quelle le cose che danno prestigio e blasone..e tra i due io credo a ferguson…poi nn preoccuparti,vedrai che le vittorie arriveranno anche in europa e anche numerose…per giustizia di sport e divina..’ poi spero nn ci rimarriate male…ciao e a presto..

        ù

        Rispondi
        • Modestino Picariello 5 marzo 2014 at 23:32

          Caro Nicola, ti ripeto

          Nella mia rubrica, quando ne ho visto il motivo, ho “bastonato” tutte e tre le strisciate. Vuol dire che sono anti-tutto? O che forse ci può essere il diritto di critica? Nell’articolo, non ho dato ragione a Verratti ma mi sono chiesto come mai non si fosse fatto problemi a fare queste dichiarazioni anti-juve. E mi sono dato una risposta. Nessuno nega i meriti sportivi della Juve (ma anche gli scudetti revocati, una Champions vinta dopo una strage, e tanto altro…), ma Verratti ha detto “Ora la Juve è un passo indietro”, senza problemi e senza conseguenze. Non l’avrebbe detto di nessun’altra leader degli altri campionati europei. Ed a proposito di questo, per chiunque dica che Verratti ha avuto paura a scegliere la Juve perché avrebbe fatto panchina ecc., ricordo una cosa, che lui è il Pescara da quella vendita hanno beccato cifre che nessuna società italiana avrebbe potuto permettersi. Chiamali scemi…

          Saluti

          Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *