Daniel Degli Esposti
No Comments

Antonio Gentile divide il mondo politico: può restare al Governo?

Il Sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, senatore dell'NCD, avrebbe messo pressione all'editore de "L'Ora di Calabria" affinché non parlasse delle accuse che pendono sul capo di suo figlio.

Antonio Gentile divide il mondo politico: può restare al Governo?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Antonio Gentile resta nell’occhio del ciclone: i bersaniani chiedono le sue dimissioni, NCD resiste.

Il sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Antonio Gentile continua a spaccare la politica e a dividere l’opinione pubblica: le presunte pressioni del senatore dell’NCD affinché il quotidiano “L’Ora di Calabria” non pubblicasse le notizie relative a un’indagine che riguardava suo figlio hanno fatto indignare diversi esponenti dei partiti che sostengono il Governo Renzi e hanno provocato lo sdegno delle opposizioni.

MINORANZA PD: DIMISSIONI INEVITABILI. L’ala bersaniana del Partito Democratico non ha dubbi: Antonio Gentile deve dimettersi dal ruolo di sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti. Anche se Cuperlo e i suoi compagni di corrente non hanno voluto alzare troppo i toni per non affossare l’esecutivo, il loro responso ha lasciato un segno nella dialettica interna al PD. I progressisti più convinti si adopereranno affinché Renzi convinca Antonio Gentile a farsi da parte e prosegua con maggiore slancio il suo cammino verso le riforme: se il Premier tentennerà di fronte alle pressioni di Alfano, rischierà di perdere quel credito di fiducia che, nei mesi scorsi, gli ha consentito di vincere le Primarie e di prendersi il PD.

NCD: DIFESA A OLTRANZA. Il Nuovo CentroDestra non vuole abbandonare Antonio Gentile: Renato Schifani, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Sacconi hanno sostenuto pienamente la linea difensiva del sottosegretario e hanno accusato l’editoria berlusconiana di avere fatto partire la sua poderosa “macchina del fango”. Anche se la loro storia politica ha reso quantomeno grottesche le loro parole, un curioso fondo di verità emerge da queste polemiche: per attaccare con violenta astuzia l’NCD, Il Giornale ha fatto conoscere con puntuale tempestività il “bavaglio” che, secondo la denuncia di Luciano Regolo, Antonio Gentile avrebbe messo all’Ora di Calabria. Se gli alfaniani hanno affermato che il PD sta sfruttando il caso del sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti per lavare i suoi panni sporchi all’esterno, le opposizioni hanno sparato a raffica sul Governo: Matteo Salvini ha affermato che la sua Lega sfiducerà tutti gli impresentabili dell’esecutivo, mentre diversi esponenti del Movimento Cinque Stelle hanno dichiarato che Renzi ha iniziato a mostrare i segni della sua caduta.

Daniel Degli Esposti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *