Connect with us

Basket

Eurolega: Milano vince col brivido ed è seconda

L’Emporio Armani batte il Panathinaikos 77-75 e strappa il secondo posto nel Gruppo E di Eurolega. Continua a vincere il Barça, Malaga supera il Baskonia.

Pubblicato

|

David Moss e Keith Langford: equilibrio ed esplosività per Milano.

L’Emporio Armani batte il Panathinaikos 77-75 e strappa il secondo posto nel Gruppo E di Eurolega. Continua a vincere il Barça, Malaga supera il Baskonia.

L’Emporio Armani Milano continua a sognare i Playoffs di Eurolega: nella prima giornata del girone di ritorno, i ragazzi di Luca Banchi hanno battuto 77-75 il Panathinaikos e, in attesa dell’incontro fra Fenerbahce e Olympiakos, hanno raggiunto il secondo posto solitario del Gruppo E.

David Moss e Keith Langford: equilibrio ed esplosività per Milano in Eurolega.

David Moss e Keith Langford: equilibrio ed esplosività per Milano in Eurolega.

LA GARA. Milano ha iniziato il match con una spaventosa serie di triple: Melli, Langford, Jerrells e Moss hanno mandato a bersaglio sei dei primi otto tiri pesanti tentati dall’Emporio Armani. Sul fronte opposto, Panathinaikos non è riuscito a trovare le chiavi della difesa di Coach Banchi: se Lasme ha pagato la carica agonistica di Samuels, Diamantidis non ha mai mostrato la sua visione di gioco e si è segnalato solamente per l’impatto emotivo che ha avuto sul deludente e falloso Hackett. Mentre entrambe le squadre faticavano tremendamente a entrare in area, la fanteria leggera dell’Olimpia ha spaccato la partita con il tiro perimetrale: l’energia di Cerella ha propiziato il parziale con cui Milano ha indirizzato il match nel suo alveo. Nel terzo periodo, Pedoulakis ha messo un po’ di sabbia negli ingranaggi dell’Emporio Armani e ha tolto fiducia ai tiratori di Banchi: soltanto la grande forza di Samuels e un buon ritorno di Hackett hanno permesso all’Olimpia di reggere l’urto di una rimonta tanto lenta quanto inesorabile. Mentre Gentile, Langford e Jerrells – che avevano iniziato piuttosto bene – si perdevano in inutili forzature, Gist mostrava al Forum il suo prodigioso atletismo e un repertorio offensivo notevole. Il ritorno dei greci ha fatto tremare i cuori dei tifosi lombardi e le mani delle Scarpette Rosse: alcuni errori di troppo dalla lunetta hanno messo nelle mani dell’ottimo Wright il pallone della beffa finale, ma – una volta tanto – gli dèi del basket hanno protetto l’Olimpia e le hanno regalato una vittoria preziosissima per il proseguimento del cammino in Eurolega.

LE ALTRE – Il Barcellona non si è fermato nemmeno a Istanbul; nonostante la grande rimonta dell’Efes, i catalani hanno imposto la loro legge nell’overtime dell’Abdi Ipecki e hanno inanellato l’ottava vittoria consecutiva. La squadra di Xavi Pascual, che è l’unica formazione imbattuta della Top 16, ha ormai ipotecato il primato del Gruppo E. Agli antipodi della classifica, il Laboral Kutxa non riesce a schiodarsi dai bassifondi: nella gara dell’esordio – senza punti – di Lamar Odom, i baschi hanno lasciato strada all’Unicaja Malaga, che ha agganciato il Panathinaikos e, almeno momentaneamente, l’Olimpiakos. Nel girone della morte dell’Eurolega, la battaglia sarà serrata fino all’ultima giornata. Nel Gruppo F, invece, il Maccabi ha ricominciato a correre e ha battuto 97-81 il Galatasaray.

Daniel Degli Esposti

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending