Connect with us

Champions League

Champions League, Zenit-Dortmund 2-4: le pagelle di SC24

Pubblicato

|

Insufficienza e giallo pesante per Lewandowski

Il Borussia Dortmund ipoteca i quarti di finale, imponendosi a San Pietroburgo per 4-2 sullo Zenit di Spalletti.

LE PAGELLE DEL MATCH:

Hulk autore del secondo gol contro il Borussia Dortmund, su calcio di rigore

Hulk autore del secondo gol contro il Borussia Dortmund, su calcio di rigore

Zenit San Pietroburgo

Lodygin 4,5- Quando becchi 4 gol, evidentemente qualcosa non è andato. Più di qualcosa nel caso dell’estremo difensore dello Zenit, incerto sul 2-0 di Reus e sul 3-1 di Lewandowski. Brividi puri quando deve rilanciare.

Anyukov 5,5- Il meno peggio della retroguardia russa, anche perchè Greusskreutz spinge meno rispetto a Reus, e tende ad accentrarsi maggiormente. Prova, di tanto in tanto, a farsi vedere in avanti, con scarsi risultati. Dall’83’ Smolnikov s.v.

Lombaerts 4,5- Pessima la prova del capitano dello Zenit. Mkhitaryan gli sfugge sempre, Greusskreutz altrettanto. Come se non bastasse, commette una valanga di errori in fase di impostazione.

Neto 4- Imbarazzante. Seppellito, letteralmente, da Lewandowski. Inadeguato a questi livelli.

Criscito 4- Il Criscito visto stasera non vedrà il Brasile nemmeno in cartolina. A meno che Prandelli, nel caso l’Italia incontrasse la Germania di Reus, non voglia subire una batosta simile a quella inflitta dal Borussia allo Zenit.

Witsel 4- Il belga può stare tranquillo, faremo tutti finta di non aver assistito alla sua prova scandalosa. Unico caso nel calcio a sbagliare più passaggi di quelli tentati. Non ci credete? Rivedete la sua prestazione. Anzi no, glielo avevamo promesso.

Fayzulin 4,5- Un altro che sbaglia passaggi a ripetizione, è lento, macchinoso, confuso. Perchè mezzo punto in più del compagno di reparto? Non è stato pagato 40 milioni, almeno. Dall’83’ Kerzhakov s.v.

Shatov 5,5- Dimostra di avere buone doti tecniche, di cui abusa appena possibile. Ha il merito di trovare il gol del momentaneo 1-2, il demerito di sbagliare tutto il resto, fatta eccezione per un paio di inutile Roulette di Marsiglia.

Arshavin s.v. Dal 14′ Tymoshchuk 5- Subentrato a freddo, all’inizio ci mette tutta la sua esperienza per tenere in piedi la baracca. Nella ripresa naufraga, e perde il pallone che porterà al 2-4 di Lewandowski.

Hulk 5,5- E’ un paio di categorie sopra i compagni, che infatti lo cercano in continuazione. Lui, sentendosi un eroe mitico, tenta l’uno contro uno sempre, ma spesso gli dice male. Segna con potenza micidiale il rigore.

Rondon 5,5- Nel primo tempo eravamo tutti a chiederci perchè Spalletti l’avesse preferito a Kerzhakov. Nella ripresa migliora, mette lo zampino nel primo gol dello Zenit, prova a dialogare con i compagni e a rendersi pericoloso.

Marco Reus, uno dei migliori del Borussia Dortmund

Marco Reus, uno dei migliori del Borussia Dortmund

Borussia Dortmund

Weidenfeller 6- Raramente impegnato, è incolpevole sui gol.

Pisczek 6,5- Una furia sull’out di destra in combinazione con Reus, è bravissimo a servire Lewandowski per l’1-3 del polacco.

Papastathopoulos 7- Prestazione eccellente del greco, che limita alla grande Hulk, dando sicurezza a tutto il reparto.

Friedrich 6,5- Meno scattante del compagno di reparto, ma molto solido e concreto, inibisce tutti i tentativi di Rondon.

Schmelzer 6,5- Un’altra spina nel fianco per la retroguardia di Spalletti, ma è bravissimo soprattutto quando raddoppia sul temutissimo Hulk.

Kehl 7- La sua presenza consente a Klopp di poter schierare tre trequartisti, una punta ed un fantasista come Sahin sulla mediana. Da solo regge l’urto, a dire il vero molto debole, del centrocampo russo, chiudendo ogni minimo varco che si apre sulla trequarti del Borussia Dortmund.

Sahin 6,5- Rinato dopo la parentesi madrilena, Nuri Sahin ritorna ad essere il centrocampista dai piedi fantastici che l’Europa aveva ammirato. Geometrie perfette, visione di gioco e ritmo. Benissimo.

Grosskreutz 6,5- Il meno appariscente dei quattro davanti, ma altrettanto prezioso sia in fase offensiva che in quella difensiva. Tanta corsa e tanta intensità, la sua prestazione può soddisfare Klopp. Dal 90′ Durm s.v.

Mkhitaryan 7- Apre le marcature dopo 3′ minuti, indirizzando la partita. Continua ad altissimo livello, dimostrando di essere un top player europeo. Dal 69′ Aubameyang s.v. 

Reus 7,5- Devastante, semplicemente. Passano 3 minuti e si beve Criscito, servendo un pallone perfetto per Mkhitaryan; ne passano altri due, e chiude i giochi per il Borussia Dortmund. Le sue accelerazioni ed i suoi dribbling Criscito li ricorderà per parecchio tempo. Dall’84’ Hofmann s.v.

Lewandowski 8- Il migliore. Le mezze palle le conquista tutte, i contrasti li vince tutti, le palle gol le sfrutta con una naturalezza disarmante. Formidabile

Matteo Masum

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending