Debora Anzaldi
No Comments

Pompei, l’eruzione del Vesuvio sul grande schermo

La distruzione della città rivive nuovamente al cinema

Pompei, l’eruzione del Vesuvio sul grande schermo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il regista Paul W.S Anderson, noto per aver diretto Resident Evil e i Tre Moschettieri, ritorna al cinema con un nuovo film Pompei. Il leimotiv che viene raccontato è quello del colossal cinematografico Titanic: una storia d’amore durante una catastrofe naturale. Eppure, anche se il film non è affatto da bocciare ci si aspettava qualcosa in più. Pompei non si avvicina neanche lontanamente al film di Cameron in quanto non vengono approfondite né la love story fra i due protagonisti né si entra davvero nel vivo del dramma dell’eruzione del Vesuvio avvenuta nel 79 d.c., che ha raso al suolo l’intera città.

Pompei

La locandina del film “Pompei”

TRAMA – Milo (Kit Harington) dopo aver visto sterminare il suo popolo da bambino, viene catturato come schiavo e costretto a combattere come gladiatore. Un incidente porterà il giovane ad innamorarsi di Cassia (Emily Browning) figlia di un ingenuo ricco mercante, promessa in sposa ad un corrotto senatore Corvo (Kiefer Sutherland) reo di essere il mandante dell’assassinio della famiglia di Milo. Corvo, accortosi dell’amore di Cassia per il giovane, costringerà lo schiavo ad un combattimento nell’arena da cui non dovrebbe uscirne vivo, nulla però andrà come sarebbe dovuto andare. Il Vesuvio si risveglia e Milo farà di tutto per salvare la propria amata nonostante la lava stia facendo cenere dell’intera città di Pompei.

L’ATTORE – Anche se sarebbe stato meglio approfondire ogni dinamica della storia, l’attore Kit Harington ne esce vincente. Classe 1985, nato a Worcester nel Regno Unito, vanta anche una discendenza reale da parte della nonna paterna. Noto per essere nel cast della serie televisiva Game of Thrones, Pompei ha fatto da trampolino di lancio per l’attore britannico facendo conoscerlo al grande pubblico. Sentiremo sicuramente parlare ancora del giovane Kit Harington in futuro.

Debora Anzaldi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *