Connect with us

Buzz

Italians play it better: i senatori Del Piero e Toni

Pubblicato

|

Federico Piovaccari esulta dopo il gol segnato al Concordia

Federico Piovaccari esulta dopo il gol segnato al Concordia

Dicono che il calcio italiano sia finito. Dicono che siamo alla frutta, che non puntiamo sui giovani e che la nostra scuola è ormai superata da Paesi all’avanguardia come Spagna ed Inghilterra. Dicono, dicono, dicono. Forse, però, non sanno che i nostri continuano a dire la propria in giro per il mondo. Ecco, infatti,  i migliori giocatori italiani dello scorso weekend.

Micheal Agazzi (Chievo): Gara strepitosa dell’ ex numero uno del Cagliari. I suoi battono 2-0 il Catania conquistando punti fondamentali per la salvezza. Lui abbassa la saracinesca e neutralizza qualsiasi tentativo avversario.

Simone Scuffet (Udinese): ZoFF…BuFFon…ScuFFet…Destino? Sta di fatto che il nuovo numero uno dei friulani è un predestinato. A 17 anni è l’astro nascente della nostra scuola dei portieri. La parata su Maxi Moralez è qualcosa di eccezionale. 

Federico Piovaccari (Steaua Bucarest): La Liga rumena riparte e la Steaua fa subito chiaramente capire la propria superiorità: 4-1 netto al Concordia, con in gol proprio l’ex attaccante di Samp, Grosseto, Novara, Brescia, Cittadella…praticamente un giramondo. In Romania, Piovaccari sembra aver trovato la propria dimensione. 7 gol per lui in 13 gare, più altri 4 gol in 6 gare di Champions.

Luca Toni (Verona): 35 anni e non sentirli. Tredicesimo gol stagionale,  per uno che è stato sempre abituato a buttarla dentro. Farlo con tanta regolarità e qualità, perlopiù ad un’età avanzata per un giocatore di calcio, non è cosa da tutti. Campionato strepitoso per l’ex Campione del Mondo, condito anche da 10 assist e dal 6o posto della squadra.

Alessandro Del Piero (Sydney): Come Toni, forse meglio. A 38 anni resta un fuoriclasse. Gol su rigore e assist per il 2-0 col quale il Sydney piega in trasferta i Newcastle Jets. Un tifoso in tribuna gli chiede di firmare una maglia della Juve. Lui accetta…

Federico Dionisi (Olhanense): Si, è proprio lui. Quel Dionisi ex Salernitana, scomparso da tempo dai radar dei tifosi di calcio. Ora gioca in Portogallo, nell’ Olhanense di Galderisi. Gol decisivo nel 2-1 al Gil Vicente, il quarto con la maglia della squadra di Olhao. Vittoria decisiva in zona salvezza, con l’Olhanense che sale a quota 16 punti raggiungendo il Belenenses.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending