Connect with us

Calcio Estero

Premier League, che lotta in testa! In quattro a contendersi il titolo

Pubblicato

|

Champions League: Lampard, protagonista del match Chelsea-PSG

Erano anni che in Premier League non si assisteva ad una lotta al titolo così accesa e incerta: siamo a fine febbraio e sono ben quattro le squadre ancora in lizza per la Barclays Premier League. La pretendente numero uno è il Chelsea dello Special One Mourinho, primo in solitaria dopo una partenza non esaltante; secondo in classifica a un solo punto di distanza troviamo l’Arsenal di Arsene Wenger, finalmente concreto e in lotta per un traguardo importante. Terzo in classifica a tre punti dalla vetta il Manchester City di Pellegrini, con una partita in meno, causa il rinvio del match contro il Sunderland. Chiude il gruppetto di testa il Liverpool di Brendan Rodgers, altra sorpresa del campionato in corso, a quattro punti dai Blues di Londra. Analizziamo più nel dettaglio le singole pretendenti alla coppa.

BLUE IS THE COLOUR, FOOTBALL IS THE GAME…

Son ben quattro anni che non si sente risuonare l’inno del Chelsea a fine campionato: l’ultimo squillo nazionale è targato Carletto Ancelotti nella stagione 2009/2010. Il Chelsea però sembra nuovamente maturo per alzare la coppa al cielo: il condottiero più amato dai tifosi è tornato, maturato da esperienze vincenti all’estero e pronto a far cantare ancora i suoi supporters. Lo Special One guida un un mix tra i campioni storici della squadra e numerosi giovani talenti: per questo motivo non sempre la squadra è risultata matura nelle occasioni difficili, ma dopo una partenza non esaltante sembra che Mou abbia trovato la formula giusta per ingranare la sesta e iniziare a correre verso il titolo, avversari permettendo.

AND WE ARE PROUD TO BE ARSENAL, IN VICTORY THROUGH HARMONY…

Premier League: Ozil, centrocampista dell'Arsenal

Premier League: Ozil, centrocampista dell’Arsenal

Vera sopresa del campionato, l’Arsenal è partito in quarta e ha mantenuto la testa della classifica fino alla sosta natalizia. Successivamente ha subito il ritorno del Chelsea e del Manchester City, ma resta agganciato alla vetta, dimostrando una maturità che negli anni scorsi è mancata, sperando nell’occasione giusta per mettere a segno il colpaccio. Il titolo manca dalla stagione 2003/2004, dato che ha creato il mito di un Arsenal che gioca un gran calcio e che sforna giovani fenomeni ma che non può competere ai piani altissimi della classifica. In questa stagione Wenger si sta prendendo una bella rivincita con tutti i suoi storici critici: la difesa continua a essere il punto debole della squadra,anche se finalmente è guidata da un portiere all’altezza della situazione, mentre là davanti i tifosi dei Gunners possono godersi il talento di giovani fenomeni come Ozil, Wilshere, Chamberlain, Ramsey e via dicendo. L’impegno europeo potrebbe presto venir meno, data la bruciante sconfitta subita contro il Bayern Monaco, e questo potrebbe essere un vantaggio per i Gunners che potrebbero concentrarsi solamente sul campionato.

BLUE MOON, YOU SAW ME STANDING ALONE WITHOUT A DREAM IN MY HEART… 

Il Manchester City, si sa, è forse la squadra più spendacciona della Premier League: dopo l’ennesima campagna faraonica (e dopo l’allontanamento di Roberto Mancini) Manuel Pellegrini si è ritrovato una rosa completa e ricca di fenomeni. L’unico problema resta quello di riuscire ad amalgamare tutte queste “prime donne”, creando una squadra competitiva ed equilibrata. La magia è riuscita solo a Mancini nel 2012, anno in cui il City è tornato alla vittoria del titolo dopo ben 44 anni di astinenza. Un bottino un po’ misero se si pensa alle centinaia di milioni spese in sede di mercato, ma quest’anno il manager cileno sembra aver trovato la solidità giusta per poter puntare al titolo. Il City potenzialmente potrebbe essere primo in classifica, visto che si trova a 3 punti di distanza dal Chelsea ma ha un match da recuperare: quindi in prima fila per la lotta alla Barclays Premier League, garantiscono fenomeni come Aguero, Yaya Tourè, Negreto e David Silva.

YOU’LL NEVER WALK ALONE, YOU’LL NEVER WALK ALONE, WALK ON, WALK ON WITH HOPE IN YOUR HEART…

L’inno più bello e conosciuto anche all’estero forse è proprio il celebre “You’ll never walk alone” che rimbomba all’Anfield durante le partite dei Reds.

Premier League: Luis Suarez, stella del Liverpool

Premier League: Luis Suarez, stella del Liverpool

Il Liverpool manca all’appuntamento con il titolo addirittura dal 1990, quando l’attuale Premier League si chiamava ancora First Division. I Reds non hanno impegni europei e questo facilita la corsa nel campionato nazionale. La squadra è guidata dal talento cristallino del trio d’attacco composto da Sturridge, Coutinho e dalla stella Suarez, uniti all’esperienza del capitano storico Steven Gerrard. Dopo una partenza lampo il Liverpool si è assestato sulla quarta posizione ed è attualmente a quattro punti dalla vetta; La squadra non è da escludere alla lotta al titolo per le grandi prestazioni che ha mostrato quest’anno e per le individualità che illuminano i cuori dei tifosi.

Jacopo Gino

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending