Antonio Casu
No Comments

Adel Taarabt, l’eccentrica arma in più di Seedorf

Sbarcato a Milano tra lo scetticismo generale, il talento marocchino sta conquistando tutti a suon di grandi prestazioni

Adel Taarabt, l’eccentrica arma in più di Seedorf
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Adel Taarabt, trequartista del Milan

Adel Taarabt con la maglia del Milan

Quando, nel gennaio scorso, nell’ultimo giorno di mercato, è arrivato l’annuncio ufficiale del suo acquisto da parte del Milan , in molti si sono chiesti chi fosse. Presentato come il “Cristiano Ronaldo del Marocco”, qualcuno ha pensato che fosse l’ennesimo nome annunciato come un fenomeno e destinato a diventare una meteora del calcio italiano. Il personaggio in questione è Adel Taarabt, professione trequartista, un Dna da predestinato ed una gran voglia di smentire tutti sul suo conto. Fin qui c’è riuscito.

IL GIOCATORE GIUSTO AL POSTO GIUSTO – Il paragone con CR7, a dir la verità, sembra essere tutt’oggi esagerato, ma il marocchino ha saputo inserirsi alla meraviglia nel 4-2-3-1 di Seedorf, sfoderando da subito grandi qualità tecniche: corsa, un dribbling ubriacante, visione di gioco ed una discreta attitudine al gol (ha impiegato solo 8 minuti per bagnare il suo esordio a Napoli con una bella rete). Insomma, ben altra cosa rispetto al Robinho spento ed a tratti irritante dell’ultimo anno e mezzo e al giapponese Honda, al quale sembra pesare oltremisura il numero 10 sulle spalle.

SENZA MEZZE MISURE – A queste doti si aggiunge una buona dose di carisma, che gli permette di scendere in campo con determinazione, senza paura. E allora, cosa ha impedito fin qui al classe ’89 di esplodere nel grande calcio? Indubbiamente la discontinuità. Il talento è cristallino, ma alterna partite da fenomeno ad altre da ultimo della classe. Per informazioni chiedere a Tottenham, Qpr e Fulham, che in passato hanno creduto in lui, avendo in cambio prestazioni troppo altalenanti. Il suo carattere poi, non aiuta: Taarabt è una primadonna, poco incline al gioco corale e capace di colpi di testa inattesi. Può decidere un incontro con una magia o andarsene dal campo all’improvviso perché c’è qualcosa che non gli va bene. Nessuna mezza misura, prendere o lasciare.

SCOMMESSA COL DIAVOLO – Il Milan, su indicazione di Flavio Briatore, che ha imparato ad apprezzarlo al Qpr, ha deciso di scommettere su di lui: non è un salto nel vuoto, visto che Taarabt è arrivato in prestito. Se non saprà convincere nei prossimi mesi verrà rispedito in Inghilterra a fine stagione, ma il marocchino farà di tutto per conquistare la conferma in una squadra in cui desiderava giocare da tempo. Le prime uscite parlano a suo favore, ma da Taarabt ci si può aspettare di tutto.

Antonio Casu
@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *