Matteo De Angelis
No Comments

Road to Brasil 2014, il girone F: l’Argentina vuole la Coppa del Mondo

Scontata, almeno sulla carta, la qualificazione da prima in classifica dell’Argentina, mentre Bosnia e Nigeria sono pronte a darsi battaglia per non veder finire la propria avventura brasiliana dopo appena tre giornate.

Road to Brasil 2014, il girone F: l’Argentina vuole la Coppa del Mondo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dzeko Pjanic _ BosniaSesto appuntamento con la consueta rubrica Road to Brasil 2014. Analizzato il gruppo E giusto una settimana fa, eccoci oggi ad approfondire il girone F dei prossimi Mondiali. Scontata, almeno sulla carta, la qualificazione da prima in classifica dell’Argentina, mentre Bosnia e Nigeria sono pronte a darsi battaglia per non veder finire la propria avventura brasiliana dopo appena tre giornate. Cenerentola del girone sembra invece essere il non irresistibile Iran.

LA FAVORITA – Almeno sulla carta, si diceva, il cammino dell’Argentina guidata dal ct Alejandro Sabella. L’Albiceleste, approdata al Mondiale vincendo senza troppi affanni il maxi girone di qualificazione sudamericano, sembra – a sentire gli addetti ai lavori – la vera rivale alla vittoria finale dei padroni di casa del Brasile. Vincere in casa degli acerrimi rivali sarebbe una gioia indescrivibile. Nell’ultimo ventennio però le statistiche non sorridono ai biancoazzurri, mai arrivati tra le prime quattro squadre al mondo. L’ultimo trionfo, 3-2 in finale contro la Germania Ovest durante i Mondiali di Messico ’86, inizia a offuscarsi anche nelle memorie dei tifosi più accaniti. L’ora del riscatto sembra davvero essere scoccata.

LA STELLA DEL GIRONE – E chi se non Lionel Messi avrà i fari puntati addosso in questo gruppo F? La ‘Pulce’, in assoluto il miglior calciatore al mondo, è chiamato a convincere anche i più scettici che da anni ormai si ostinano a evidenziare le sue poco brillanti prestazioni con la maglia della nazionale. Con Xavi e Iniesta – dicono – tutti sono bravi a fare valanghe di gol. Senza di loro però il quattro volte Pallone d’Oro sembra fare molta più fatica. Il girone sembra assolutamente alla sua portata, e c’è da scommettere che Messi un pensierino al ruolo di ‘capocannoniere’ del Mondiale lo abbia già fatto. Come sempre però sarà solo il campo a parlare.

LE AVVERSARIE – Dato per appurato il passaggio del turno dell’Argentina, sembrano destinate a una lotta a due Nigeria e Bosnia per staccare l’ultimo pass disponibile per gli ottavi di finale. Gli africani, tre vittorie e tre pareggi nel loro mini-girone di qualificazione, sono approdati in Brasile grazie alla doppia vittoria nel playoff contro l’Etiopia. Per i campioni d’Africa in carica sarà la quinta apparizione in un Mondiale. Prima assoluta invece per la Bosnia di Pjanic e Dzeko. I ‘Dragoni’ hanno centrato la qualificazione grazie al primo posto nel loro raggruppamento europeo in coabitazione con la Grecia: gli scontri diretti però (3-1 per la Bosnia in casa, 0-0 in Grecia), hanno permesso ai ragazzi di Susic di non dover passare per l’insidia playoff. E ora che il sogno della prima partecipazione a un Mondiale si è avverata, la Bosnia vuole dimostrare al mondo intero la propria forza: sognare non è proibito. Rischia invece seriamente di tornare in patria senza aver raccolto neppure un punticino l’Iran. Gli asiatici, nelle tre precedenti partecipazioni, non sono mai riusciti a superare il primo turno. Il bello del calcio è però proprio questo: non sempre vincono i favoriti. Occhio dunque: anche perché i rossoverdi hanno vinto il loro raggruppamento davanti a una compagine molto più accreditata come la Corea del Sud. Guai a sottovalutare i ‘Tim Mellì’: le sorprese potrebbero essere dietro l’angolo.

CALENDARIO

15 giugno, ore 19 (00 italiane) Argentina-Bosnia @ Rio de Janeiro
16 giugno, ore 16 (21 italiane) Iran-Nigeria @ Curitiba
21 giugno, ore 13 (18 italiane) Argentina-Iran @ Belo Horizonte
21 giugno, ore 18 (23 italiane) Nigeria-Bosnia @ Cuiaba
25 giugno, ore 13 (18 italiane) Nigeria-Argentina @ Porto Alegre
25 giugno, ore 13 (19 italiane) Bosnia-Iran @ Salvador

Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *