Jacopo Gino
No Comments

Thohir braccino corto? No, giocatori esperti per tornare competitivi

Addio progetto giovani, adesso si punta su top player a costo zero che portino esperienza. Poi a giugno i veri botti di mercato con i soldi risparmiati dagli eroi del Triplete

Thohir braccino corto? No, giocatori esperti per tornare competitivi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chi aveva sentito le prime interviste del magnate Erick Thohir si era convinto di vedere presto un’Inter in stile Arsenal: tanti giovani di talento da far crescere ma poche ambizioni nel breve periodo. Niente di più diverso, per ora non è arrivato nessun under 21, ma giocatori pronti subito e nel pieno della loro carriera. Come mai questo cambio di programma? Analizzeremo insieme i vari motivi.

IN ITALIA C’E’ FRETTA DI VINCERE

Hernanes, primo botto della gestione Thohir

Hernanes, primo botto della gestione Thohir

Quando è arrivato, Thohir pensava di aver 2/3 anni di tempo per progettare e far crescere i giovani talenti senza troppe pressioni: sbarcato in Italia però si è reso conto di alcuni aspetti che non aveva calcolato. Punto numero uno i tifosi interisti sono stufi di aspettare: sono ormai quattro anni che sentono parlare di progetti, falliti uno dietro l’altro, e che subiscono le derisione degli acerrimi nemici. Punto numero due le pressioni della stampa sono pesanti da sopportare e rischiano di distruggere la credibilità del nuovo presidente in caso di mancati risultati nell’immediato. Punto numero tre: in Italia c’è una maledetta fretta di vincere, a differenza degli Stati Uniti (dove Thohir è presidente del DC United) o dell’Inghilterra, modello di calcio del tycoon indonesiano. Se i risultati non arrivano partono le critiche e le proteste, poche partite non brillanti e parecchie teste rischiano già di saltare. Si basti pensare al Manchester United di quest’anno, in cerca ancora di un’identità con il nuovo tecnico Moyes e tristemente settimo in classifica: in Italia la panchina sarebbe saltata dopo 4/5 giornate, mentre il manager ex Everton resiste stoicamente ancora oggi ed è padrone del suo destino.

MAZZARRI, L’ALLENATORE MENO PROPENSO AD AFFIDARSI AI GIOVANI DELLA SERIE A

Non è un segreto che WM non sia stato scelto da Thohir: l’indonesiano avrebbe puntato su un tecnico abile a gestire i giovani talenti come De Boer, ma la trattativa per l’acquisto delle quote di maggioranza nerazzurre si è dilungata fino ad ottobre e quindi l’allenatore è stato scelto ancora da Moratti. Mazzarri è stato spesso criticato per la sua scarsa propensione a dare fiducia ai giocatori under 23, quindi affidargli un progetto baby talenti sarebbe stato un controsenso (un po’ come affidare la panchina a Gasperini senza prendere i giocatori giusti per sviluppare la sua idea di gioco, triste ricordo dell’estate 2011).

CAMBIO PROGETTO, CAMBIO VITA

Addio giovani quindi, spazio ai giocatori esperti e pronti subito per riportare l’Inter dove le compete. I primi 3 acquisti dell’era Thohir sono stati il

Nemanja Vidic, colpo a zero di Thohir

Nemanja Vidic, colpo a zero di Thohir

24enne Botta (in realtà ereditato da Moratti), il quasi ventiseienne D’Ambrosio e il quasi ventinovenne Hernanes. Nessun under 23 come già detto, anzi: per giugno si punta a giocatori ancora più esperti, che possano sostituire i leader del Triplete, pronti a fare le valigie o ad appendere gli scarpini al chiodo. In particolare si guarda in casa Manchester United, dove sono in scadenza giugno 2014 sia Nemanja Vidic che Patrick Evra: due giocatori non certo giovani, essendo entrambi due classe ’81, ma ancora nel pieno della loro carriera. Stesso discorso per Bacary Sagna (30), probabile partente di casa Arsenal e osservato speciale per la fascia destra,  e in parte per Nani: lui ha “solo” 28 anni, ma l’esperienza giusta per guidare la nuova squadra verso posizioni ambiziose. L’obiettivo è quindi quello di creare un’amalgama potenzialmente esplosiva con dei veri top player in cerca di riscatto e i giovani talenti già presenti in casa Inter. In più i soldi risparmiati dagli ingaggi di coloro che lasceranno l’Inter a giugno sono tanti, quindi ci saranno anche margini di manovra per affondare 2/3 veri colpi di mercato, pagando il giusto ma assicurandosi la qualità che manca oggi in casa nerazzurra. Giocatori esperti, giovani di talento e alcuni top: questo il nuovo progetto del magnate illuminato Erick Thohir.

Jacopo Gino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *